Martedì , 11 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Per parlar di 194
01 Aprile 2008
 

Credo di aver messo a punto un discorso generale sulla 194. Spero coincida con gli orientamenti e le decisioni delle Donne Udi di Napoli con le quali non mi sono più collegata per impegni di campagna elettorale.

1) La legge 194 dà facoltà alle donne incinte, a certe condizioni e con una procedura precisa e anche alquanto gravosa di poter ottenere un intervento di interruzione di gravidanza. A questo punto la donna ha il diritto di ricevere la prestazione.

2) La stessa legge 194 dà facoltà al medico senza particolari procedure, ma solo a dichiarazione che può essere revocata o rifatta in ogni momento di fare obiezione ad eseguire un intervento di tal natura.

3) Come è evidente vi è un conflitto tra il diritto della donna che chiede l'intervento e la decisione del medico di negarlo.

4) Il tempo che si perde in diatribe e lungaggini danneggia la donna e il suo diritto, fino a farle sorpassare il tempo massimo ammesso per l'aborto, spingendo la donna a cercare soluzioni clandestine illegali, pericolose e costose.

5) Se il medico può obiettare, non può però obiettare la struttura sanitaria e se lo fa incorre nel reato di interruzione di pubblico servizio.

6) Bisogna dunque denunciare le strutture sanitarie, che non mettono a disposizione delle donne personale e luoghi per poter eseguire l'intervento.

7) Spetta alla struttura sanitaria fare contratti esterni, accordi con altri ospedali o consultori, insomma mettere in atto tutte le misure atte ad eseguire la legge. L'intervento ha carattere di urgenza e anche questo deve essere considerato.

8) Le donne che ricorrono all'aborto secondo la 194 hanno il diritto, comune a tutti gli utenti di un servizio sanitario a che la loro decisione sia rispettata, così come la loro dignità e riservatezza. Chi viola il segreto professionale divulgando notizie su interventi commette un reato e offende l'etica professionale. Il garante della riservatezza (detta privacy) deve intervenire a tutela delle utenti, anche contro le manifestazioni plateali davanti agli ospedali con minacce e insulti.

9) Le strutture pubbliche debbono anche sempre informare le utenti di tutti i metodi contraccettivi, in modo che si esegua il desiderio lungamente gridato durante tutto l'iter della legge e della sua doppia vittoria nei referendum: “Aborto libero per non morire, contraccezione per non abortire”.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

  Aborto. Relazione al Parlamento del ministero della Giustizia... e quella del ministero della Salute?
  Valter Vecellio. Moratoria aborto: ma di che stiamo parlando?
  Aborto/RU486. Quello farmacologico è legale e non più procrastinabile
  Aborto. Vaticano e convertiti auspicano ritorno al clandestino?
  Abortire in Svizzera? Ru486, privacy e senza tempi di attesa. Interrogazione
  UDI Napoli. “Vis-à-vis” • Le manifestazioni di San Valentino • Oggi a Padova
  Ru486: Sacconi ha letto la sua relazione al Parlamento sull'aborto farmacologico?
  Aborto. Il silenzio dei neonatologi italiani
  Legge 194: applichiamola! Incontro a Sondrio, Sabato 21
  Aborto. La contraccezione è l'unica moratoria
  Aborto/Ru486. A quando anche in Italia ed evitare i pericoli di una illegalità crescente? Interrogazione
  Roma. L’obiezione di coscienza e l’applicazione della 194
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  I poliziotti e il feticidio. La campagna contro la 194 raccoglie i primi frutti
  Maistat@zitt@. Napoli: abiezione di coscienza
  Alice Suella: Sono d'accordo con Giuliano Ferrara.
  Rita Bernardini. Aborto: solo ipocrisia dai crociati della vita
  Aborto e nuove linee guida. Un test per il ministero della Salute: laico o clericale?
  Bruna Spagnuolo: Selezione della specie. Sull'aborto.
  Incognite del voto, bullismo e 194
  Marco Cappato. Il voto contro l'aborto è quello alla lista Bonino-Pannella
  Legge 194 impraticabile: Cosa aspetta il Governo a presentare la relazione al Parlamento?
  Mozione per la procreazione cosciente e responsabile
  Libertà della donna secondo Ruini
  Marco Pannella. Sulle dichiarazioni quotidiane di questo Papa...
  Maria Antonietta Farina Coscioni. Le linee di Formigoni sull'aborto sono illegittime
  26 settembre, giornata mondiale della contraccezione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy