Sabato , 13 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Chi ha votato cosa?
14 Giugno 2014
 

Ieri sera ho visto l'assai opportuno dibattito che La 7 ha dedicato al “caso Mineo”, per dirlo così in fretta. A parte il merito -molto interessante- e la prova -molto modesta- del nuovo sindaco di Firenze, uno yes man della miglior specie e senza la dovuta arroganza che sta tanto bene addosso a Renzi, sono rimasta colpita dal fatto che l'esito delle elezioni per il parlamento europeo viene considerato approvazione previa anche del progetto di riforma del Senato: ma dove siamo? Ho votato (Tsipras) per il parlamento europeo, non per l'iter della riforma costituzionale in Italia. E il governo in carica e il parlamento che lo sostiene sarebbero stati legittimati dalle elezioni europee? A me pare che la cosiddetta chiarezza trasparenza ecc. ecc. vada a farsi benedire. E poi la gatta frettolosa fece i gattini ciechi.

Ricapitoliamo: la Tv pubblica manca al suo compito fondamentale, se si deve guardare una tv non pubblica per essere informati su eventi del parlamento. E in generale se non riferisce in modo adeguato.

Il nuovo sindaco di Firenze dice: abbiamo fatto le primarie abbiamo fatto le europee abbiamo vinto e considera antidemocratico chi non attribuisce a questo importantissimo straordinario processo il valore di prova generale già avente forza di legge, valore giuridico generale. “Distingue frequenter” soleva dire Tommaso d'Aquino che non era un rivoluzionario, ma ci teneva ad usare il più e meglio possibile la ragione.

Dunque: le primarie sono un fatto pubblico, ma non sono legge. Non stabiliscono una legittimità giuridica che vada oltre il partito che le propone. Nemmeno negli USA, dove il processo di indicazione dei candidati presidenti attraverso le primarie è lungo tortuoso e tradizionale e riconosce le lobbies organizzate.

Insomma a me resta uno sgradevole senso di presa in giro, e non mi va davvero.

Il Senato delle autonomie fu una proposta della Dc e del Pri già alla Costituente e non passò perché i liberali e il Pci erano invece contrari e temevano lo sfarinamento delle decisioni, mentre Dc e Pri avevano piuttosto paura della scarsa garanzia data costituzionalmente da una sola camera.

Insomma si possono anche dimenticare i fatti storici, ma di solito ciò si chiama Alzheimer e non è un obiettivo consigliabile. Si può sfrondare la memoria, una volta conosciuta e ripassata. Persino a scuola prima di fare cose definitive è previsto il rinvio ad ottobre.

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy