Martedì , 16 Gennaio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sandra Chistolini. Bambini non accompagnati in America e in Europa 
Come una goccia nel mare i rapporti internazionali spiegano l’inarrestabilità delle migrazioni dei minori
16 Agosto 2016
 

Nel 2014 il CLALS, American University’s Center for Latin American & Latino Studies, American University, Washington, DC, pubblicava il rapporto sui bambini non accompagnati che dal Triangolo settentrionale dell’America Centrale formato da El Salvador, Guatemala e Honduras emigravano negli Stati Uniti. Lo studio dal titolo Unaccompanied Migrant Children from Central America. Context, Causes, and Responses, curato da D. Stinchcomb e E. Hershberg (fonte dell’immagine di copertina, ndr) era anche inteso a predisporre analisi qualificate utili alla revisione delle procedure legali ed amministrative per la definizione dello status di migrante nei più recenti flussi di espatrio. In cinque anni il numero dei bambini non accompagnati risultava aumentato vertiginosamente. Nel 2014 l’U.S. Department of Homeland Security registrava 68.541 minori non accompagnati di cui 51.705 (75%) provenienti dal Triangolo. Secondo le stime ufficiali circa l’80% dei minori non accompagnati cadevano nelle mani di contrabbandieri e trafficanti (coyotes) di esseri umani. Le procedure di immigrazione avevano quindi richiesto dati affidabili per convalidare le domande di asilo e fondare giuridicamente la concessione degli aiuti umanitari. Era necessario conoscere i luoghi di provenienza e condurre una seria ricognizione sui fattori che inducevano i bambini ad abbandonare le loro case e a rifugiarsi altrove. L’espatrio interessava città e campagne, mentre le ragioni potevano variare per caratteri geografici e grado di complessità. Il rapporto rilevava sei fattori principali di emigrazione dei bambini non accompagnati: esclusione sociale, violenza sociale, violenza della famiglia, traffico di droga, corruzione, incapacità istituzionale di far fronte ai maltrattamenti e alla criminalità. La sovrapposizione dei fattori portava ad un accumulo di condizioni avverse tali da essere considerate dai bambini molto più intollerabili rispetto ai rischi a cui sarebbero andati incontro emigrand

Al momento dell’arrivo negli Stati Uniti, i minori non accompagnati provenienti dall’America Centrale sono ancora oggi soggetti a processi amministrativi distinti che applicano la legge sul diritto di immigrazione. Una volta definito come “minore non accompagnato” il bambino è consegnato entro 72 ore alla custodia del Department of Health and Human Services’ (HHS) Office of Refugee Resettlement (ORR). I minori non accompagnati possono: essere rimpatriati; ottenere asilo come rifugiati e seguire l’itinerario previsto dal sistema governativo; ricevere aiuti umanitari; passare attraverso forme miste di soluzione giuridica. Sulla base delle informazioni riguardanti il migliore interesse del bambino, e il rischio alla sicurezza, l’ORR colloca il minore in strutture che ne assicurino la cura e l’eventuale affidamento a breve termine. Enormi questioni sono pendenti in merito alla possibilità del minore di avere un gratuito patrocinio. Tra il 2005 e il mese di giugno 2014 si calcola che il 90% dei minori senza difesa sia stato rimpatriato, di cui il 77% con provvedimento di allontanamento e il 13% con ordine di partenza volontaria. Gli analisti del fenomeno segnalano come la mancanza di misure politiche, sociali, economiche adeguate a rimuovere le condizioni avverse, sia nei paesi di partenza che in quelli di arrivo, porterà all’elevamento degli espatri con gravi negligenze verso la tutela dell’infanzia.

Il rapporto del Migration Policy Institute dal titolo Unaccompanied Child Migration to the United States: The Tension between Protection and Prevention (2015) conferma la crescita del numero dei bambini migranti non accompagnati negli Stati Uniti. Si sottolinea la difficoltà di conciliare i principi della protezione dovuta ai gruppi vulnerabili con l’applicazione delle disposizioni in materia di immigrazione. Di fatto, l’incapacità di poter disporre di procedimenti snelli di accertamento del diritto agli aiuti umanitari provoca lunghe attese con il risultato di rendere ancora più critica l’immigrazione illegale e di incoraggiare i flussi non autorizzati.

Infine, il rapporto 2016-17 sulla situazione europea, Children in crisis: unaccompanied migrant children in the EU, (fonte della tabella in allegato, ndr) individua, tra l’altro, quattro problemi che creano ostacolo alla attuazione della piena protezione dell’infanzia: la cultura della incredulità e del sospetto verso i bambini non accompagnati; la riluttanza degli Stati membri ad assumersi le proprie responsabilità, a condividere oneri e a mostrare solidarietà; la carenza di leggi e politiche appropriate; la perdita di fiducia sperimentata dai bambini migranti non accompagnati. Nell’Unione europea si auspica che tutti gli Stati adottino sistemi integrati di protezione dell’infanzia, fondati sul principio della considerazione del cosiddetto “migliore interesse dei bambini” e tali da assicurare che tutti i minori siano trattati come tali, qualunque sia il loro status di immigrazione. La collaborazione degli Stati membri dovrebbe condurre alla raccolta e alla condivisione dei dati sulla identificazione e la registrazione dei bambini non accompagnati, avendo come obiettivo l’adozione di soluzioni durevoli per i minori di cui si assume la cura e la tutela.

I tre rapporti citati evidenziano prospettive diverse che vanno dalla dettagliata esposizione dell’itinerario di ingresso fino alla soluzione della migrazione, come avviene in America, alla affannosa ricerca della persuasione del rispetto delle leggi comuni in sede europea. Si comprende come il processo sia in corso e come le previsioni di estensione del fenomeno non siano le uniche a sollecitare una immediata presa in carico del problema da parte di singoli, collettività, organizzazioni non governative, istituzioni. La politica della delega non sembra possa essere la risorsa adeguata, e nemmeno lo sforzo encomiabile delle numerose ONG si ritiene possa da solo colmare il vuoto pedagogico indispensabile ad aprire il sentiero della cittadinanza attiva. Per contrasto, le tante buone pratiche di aiuto umanitario, sparse per il mondo, consegnano ad ognuno il testimone per cooperare alla restituzione di un futuro che nell’infanzia è presente, nonostante tutto, come progetto e speranza. Forse dovremmo anche ricordarci che chi emigra ha in sé la forza indomabile data da quel coraggio che nessun confine potrà mai fermare. Di conseguenza, i tempi appaiono maturi per decidere come vivere insieme da cittadini dell’Europa unita.

 

Sandra Chistolini

 

 

Approfondimenti:

»» Regolamento Dublino III
(scheda in
asiloineuropa.blogspot.it, 15/05/2011)


Foto allegate

Articoli correlati

  Sandra Chistolini. Bambini migranti e minori non accompagnati (I)
  Sandra Chistolini. Un ricordo tradotto in impegno
  Sandra Chistolini. La nuova legge guarda ai minori stranieri non accompagnati in sosta per l’affido accelerato
  Sandra Chistolini. Minori non ac­com­pa­gnati accolti dalla nuova legge
  Sandra Chistolini. Bambini migranti e minori non accompagnati (II)
  Annagloria Del Piano. Dalla tragedia di un barcone all'abbrac­cio di un paese
  Carlo Forin. Fare i secondini agli immigrati
  Roberto Malini. Migranti: 16 giovani morti asfissiati e bruciati
  Peppe Sini. Nove ruminazioni per la Festa della Repubblica
  Domani partirà la Carovana Solidale e Resistente
  Linda Pasta, Leonardo Antonio Mesa Suero. Tutti pazzi per Favour!
  Dani Dell'Agnola. I buonisti e i “bravisti”
  Roberto Malini. Ancora vittime del mare, ancora orrore e ingiustizia
  Roberto Malini. È vero che l'immigrazione in Italia è fuori controllo?
  Gorino
  Carlo Forin. Migranti: l'ira del Papa
  Giovanni Maiolo. Parte dalla Calabria la Carovana Solidale e Resistente che andrà in Grecia
  Padova. Libdem: La libertà è ancora di moda?
  Javcho Savov. Guernica 2015
  Radicali. Immigrazione: “No crociate demagogiche”
  Roberto Malini. È in corso un’invasione di rifugiati?
  Roberto Malini. Antonio a Milano
  Sandra Chistolini. Il Progetto “Decoding the Disciplines”
  Sandra Chistolini. Madre Teresa di Calcutta
  Sandra Chistolini. Piccole vittime da proteggere
  Sandra Chistolini. La Fattoria pedagogica di Lisbona
  Sandra Chistolini. Per non ripartire da zero dopo il terremoto
  Sandra Chistolini. “Il nonno di Caspano alla nipote in America 1946-1951”
  Sandra Chistolini. Il Palazzo del Podestà di Caspano in Lombardia MDLX
  Sandra Chistolini. L’Asilo nel bosco
  Sandra Chistolini. In acqua vestite durante la lezione di educazione fisica
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 63.2%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 35.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy