Mercoledì , 15 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
F.lli Angelini. Il simbolo degli Orobi, la religione del Sole
11 Dicembre 2015
   

o cuore, apriti al sole

Felice Damiani

 

 

Dopo lo spettacolo estivo della Compagnia Drago, “Arctos, ul ber del Gerlu”, dedicato alla scoperta del bassorilievo che raffigura l’Orso (foto 1), i fratelli Angelini hanno proseguito la ricerca in Val Tarten e dintorni scoprendo il simbolo del Sole, caratteristico degli Orobi, e quel culto che gli è preposto del dio Sul, di cui gli stessi Orobi si sentivano figli. Nomen, Numen.

 

Ώρος divinità egiziana identificata da Erodoto con Apollo. Oro è il metallo che splende dello stesso colore del Sole. Ώρος monte, nelle Alpi il Sole sorge dai monti e vi tramonta. Il viaggio di Odisseo dimostra che la civiltà greca si è fatta presto conoscere in Europa e prima in Italia, coi suoi prodotti, la sua lingua. Un dato interessante: le tribù celtiche, in particolare i Galli adottarono l’alfabeto greco.

Non meravigli che nomi di lingua greca sono presenti negli idiomi di origine indoeuropea. Conosciamo le Alpi Graie e la tribù gallica Graioceli che le abitò.

Si traduce “orobi” con “abitanti dei monti”, perché gli altri abitavano le paludi del fondo valle?

Camuni erano quelli che abitavano i monti della Val Camonica.

Orobî e Reti quelli delle opposte rive dell’Adda.

Tra le incisioni rupestri dei Camuni si trova la cosiddetta “Rosa camuna”, una specie di quadrifoglio con cinque punti all’interno a indicare le quattro direzioni, il punto al centro il mondo di sopra e di sotto. I quattro punti esterni lo spazio illimitato.

Il simbolo evolvendosi a forma di svastica o di spirale richiama l’energia del Sole che vivifica ogni cosa. Gli Orobî significando figli, βίος vita, del Sole Ώρος, ci hanno infatti lasciato il simbolo pregnante del Sole, cioè il disco con al centro un foro dove passa la luce, il principio creativo.

Al cuore delle Orobie in Val Tarten sotto Sant’Antonio presso il fiume è presente scolpito su due pietre proprio questo simbolo, che pure viene richiamato sul masso dove sta il bassorilievo dell’Orso ‘Arctos’. (foto 2 e 3)

Anche alla casera di Lema si trova una pietra rotonda con un foro al centro, usata dai pastori come desco (foto 4). Anticamente l’utile e il sacro si scambiavano o si identificavano, perciò il sacro disco era pure il desco, il nome ne dà la memoria, su cui si imbandiscono quei cibi doni innegabili del Sole.

Due piccoli dischi provenienti dalla valle orobica confinante di fabbricazione ne danno ulteriore conferma. (foto 5 e 6)

 

Orobici, avete il vostro simbolo che vi incita ad amare il Sole e a condividere ai monti un cibo frugale e pastorale!

Presto è Natale, è giusto ricordare la nascita di Gesù, ma con essa le precedenti generazioni hanno sempre salutato il Sole, che nel Solstizio invernale par che muoia, e subito rinasce:

A Natal ul pas del gal,

a Pasqueta ün’ureta,

a sant’Antoni ün’ura buna.

Al dü del Febré l’è fo l’urs da la tana.

Finalmente il Sole ha lasciato la sua tana.

L’invito degli avi: andèm a scultà ul Sul.

Dono inestimabile sono questi versi del Foscolo (Dei Sepolcri, vv. 121-122):

Perché gli occhi dell’uom cercan morendo

Il Sole; e tutti l’ultimo sospiro

Mandano i petti alla fuggente luce.

In Val Tarten cuore delle Orobie:

Turensöl, al gira intùren all’omonima montagna.

Gerlu, porta il Sole da quando sorge fino al tramonto.

Cūminel, venente il Sole, qui sorge all’Equinozio e lo segue con lo sguardo fino all’ultimo.

Durduna, dono del Sole. “Durduna erba buna”.

Gli alpeggi nominati di nord-est sono posti sul versante sud-est.

Zuk, indica lo Zenit, montagna de Gàvet sopra la Biurca.

Pesēl, passa il Sole, è il monte ove tramonta all’Equinozio.

Cülī, la montagna che segue sul versante occidentale, ül Sul al mustra ül cū, espressione per dire che se ne va.

Purscīl, nevaio di fuoco, di rimando ultimo splende in fondo e alto nella Val Lunga col Piz Tarten.

Suna in Val Lema, qui il Sole riceve un lungo abbraccio ed è qui su un masso in bassorilievo un volto battezzato Amnis (foto 7) in devozione delle acque alpestri. «Il Sole può essere ‘rozzamente’ raffigurato come un volto», da Enciclopedia dei simboli-Garzanti. Il dio Sun! Il dio Sul!

Dàssola a Campo, dà sole tutto il giorno, un occhio che spazia fino al lago di Como. In questo alpeggio si trova un graffito su pietra della ruota solare con otto raggi e un cerchietto che gli fa da orecchia, forse la Luna? (foto 8)

Il termine latino è Orumbovii “pastori dei monti”. Orum più che mons (latino) sta per Sole: greco Ώρος.

Il mestiere può identificare un popolo, ma è soprattutto la fede di riconoscenza a indicarci la sua meta più alta. Egli il Sole garantiva loro la permanenza su quei monti ricchi di acque. «Deorum numero eos solos ducunt, quos cernunt et quorum aperte opibus iuvantur, Solem et Vulcanum et Lunam, reliquos ne fama quidem acceperunt» (De Bello Gallico VI, 21).

Orsù, Sole e Fuoco e Luna, la devozione dei popoli naturali!

Sole e Luna e terza a darci l’unità triadica o celtica Madre Terra, che ci porta in grembo.

 

Fratelli Adriano e Luciano Angelini


Foto allegate

Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Articoli correlati

  Luciano Angelini. “Amnis”, l’orobico di Tarten
  Vetrina/ Adriano Angelini. Alla preistoria: Amnis dalla fiera chioma
  Carlo Forin. Archeologia del linguaggio: novembre 2016
  “Le radici”. Spettacolo in Val Tartano, domenica 20 luglio
  Fratelli Angelini. I massi avello (V-I sec. a.C.)
  Val Tartano. Camosci e gallo cedrone nei “circuiti” in quota?
  Salviamo la “Sciucada”
  Fratelli Angelini. La rosa tartena
  Gino Songini. Non ci resta che piangere
  Luciano Angelini. L'altare preistorico di Morbegno
  Bona Lombarda, la bella e virtuosa pastorella di Sacco
  Luciano Angelini. La frana di Piuro (1618) e il global warming (2018)
  Fratelli Angelini: La mostra e il teatro, di luglio a Morbegno
  Luciano Angelini. Hanno cambiato faccia alla Val Corta di Tartano
  Luciano Angelini. La fine della storia dei Tartanesi
  Luciano Angelini. La bella Val Tàrtano è malata
  Vetrina/ Adriano Angelini. Suna
  Adriano Angelini. Perché votare?
  Vetrina/ Adriano Angelini. Sol invictus
  Vetrina/ Adriano Angelini. Per il mio compleanno
  Giulio Brambilla. Giordano Bruno in due dipinti di Angel
  Val Tartano. “Sol Invictus”
  Personaggi del bosco
  Adriano Angelini. La politica nobile, l'amore del paese
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy