Lunedì , 14 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Sì, viaggiare
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La Famiglia Valtellinese di Roma ricorda il contributo dei patrioti valtellinesi e valchiavennaschi 
In occasione del 150° anniversario dell’unità d’Italia
07 Aprile 2011
 

Sabato 26 marzo 2011, il Professor Gianluigi Garbellini, docente e storico valtellinese di Tirano e autore di numerose pubblicazioni, ha tenuto una conferenza sul tema Risorgimento e Unità d’Italia: il contributo della Valtellina e della Valchiavennapresso la sede della Famiglia Valtellinese di Roma, che con questa iniziativa ha inteso dare risalto alle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia.

 

L’incontro, seguito con grande interesse da numerosi soci e simpatizzanti, si é svolto nell’ambito del progetto “La Baita della Cultura”. L’affascinante presentazione del Professor Garbellini, accompagnata da diapositive, ha dato modo ai presenti di ripercorrere tappe storiche fondamentali nel percorso verso l’unità del nostro paese. L’orgoglio della comune appartenenza valtellinese si è risvegliato ricordando la partecipazione attiva e spesso eroica dei patrioti valtellinesi e valchiavennaschi alle diverse guerre d’indipendenza, la loro vicinanza agli ideali mazziniani, e gli importanti ruoli politici ricoperti dopo l’unità da personaggi valtellinesi sia localmente che a livello nazionale.

Il Professor Garbellini, dopo una introduzione sulla particolare situazione di Valtellina e Valchiavenna quale “terra di frontiera” confinanti con la Svizzera e prossima la prima ai passi Tonale e Stelvio, da dove gli Austriaci erano pronti in caso di guerra a far calare rinforzi, ha ricordato le principali figure del Risorgimento valtellinese: Maurizio Quadrio (Chiavenna 1800 – Roma 1876), instancabile propugnatore del programma di Mazzini, segretario dei Triumviri della Repubblica Romana; Francesco Dolzino (Chiavenna 1810 – Genova 1855), ardente patriota repubblicano alla testa dei moti di Chiavenna nel 1948; il Conte Ulisse Salis (Tirano 1819 – 1893), promotore della diffusione nelle valli del programma mazziniano e per questo imprigionato prima a Mantova poi a Kufstein, attivo nelle Cinque Giornate di Milano e nella difesa dello Stelvio contro le truppe austriache; Giovanni Visconti Venosta (Milano 1831 – 1906), di famiglia valtellinese, che conobbe Mazzini, Garibaldi e Cavour e, come scrittore, contribuì a diffondere le idee liberali e d'indipendenza e fu Regio Commissario in Valtellina durante i combattimenti del 1859; Emilio Visconti Venosta (Milano 1829 – Roma 1914 - foto), fratello di Giovanni, che, ammiratore in un primo tempo di Mazzini e poi attratto dalla politica del Cavour, fu Commissario Regio nelle forze garibaldine e, raggiunta l'unità, fu per ben sette volte Ministro degli Esteri del nuovo Regno d’Italia; Luigi Torelli (Villa di Tirano 1810 – Tirano 1887), noto per il gesto eroico alle Cinque Giornate di Milano di aver issato il tricolore sul Duomo, che fu Governatore della provincia di Sondrio, Prefetto regio a Bergamo, Palermo, Pisa e Venezia, Ministro dell’Agricoltura, Industria e Commercio nel Governo del Regno d’Italia e Senatore, nonché scrittore di svariati argomenti: dalla politica all'economia, alla storia e alle conquiste tecniche. E ancora sono stati ricordati: Enrico Guicciardi (Ponte in Valtellina 1812 – 1895), combattente nelle Guerre d'Indipendenza, deputato al primo parlamento italiano dopo la proclamazione del Regno d’Italia, Prefetto a Cosenza contro il brigantaggio e Senatore, e Pietro Pedranzini (Bormio 1826 – 1903), Luogotenente della Guardia Nazionale ed eroe della difesa dello Stelvio nel 1866.

A conclusione della conferenza è stato inoltre illustrato il ruolo svolto dopo l’unità d’Italia da altre personalità di rilievo della Valtellina: Luigi Credaro (Sondrio 1860 – Roma 1939), politico, filosofo e accademico, Ministro della Pubblica Istruzione del Regno d’Italia tra il 1910 e il 1914 ed Ezio Vanoni (Morbegno 1903 – Roma 1956), il più conosciuto economista e politico valtellinese, Ministro delle Finanze e del Bilancio in diversi governi De Gasperi, “uomo di grande levatura culturale e morale”.

 

Pina Baroli

p. Famiglia Valtellinese di Roma


Articoli correlati

  Paola Mara De Maestri. “Aquiloni d’argento”
  Famiglia Valtellinese di Roma. Conferenza di Garbellini “Risorgimento e unità d'Italia”
  Profumo di Chisciöl nella Trattoria Gagin
  Paola Mara De Maestri. Aquiloni d'argento
  Ezio Maifré. Presentazione della guida storico-artistica di Tirano
  AmbriaJazz. A Teglio, con La Manna, Cramerotti e Savoretti, la conclusione del Festival
  Teglio. Sant’Eufemia: quando l’arte svela più di quel che sembra
  Paola Mara De Maestri. Nuovi incontri/ La poesia secondo Gianluigi Garbellini
  Gianluigi Garbellini: Centenario della Grande Guerra (1914-1918)
  Spot/ Serata di musica, arte e poesia a Regoledo
  La Famiglia Valtellinese di Roma inizia il 2012 con una conferenza su Ezio Vanoni
  Famiglia Valtellinese di Roma. Prosegue il progetto “Baita della Cultura”
  Leonardo Marchettini. “Li facchini di Dazio dimoranti in Roma...”
  Premi e concorsi/ La Valtellina e la Valchiavenna in racconti e poesie
  Premi e concorsi/ Gente di Valtellina e Valchiavenna, gente di montagna
  Tony Corti. La 43ª “Festa Grande” a Roma
  “Ricordi, tradizioni e valori della gente della Valtellina e della Valchiavenna”
  Nuovi incontri/ Carlo Pini, “poeta della speranza” della Famiglia Valtellinese di Roma
  “Festa Autunnale Valtellinese” a Roma con la Pro Loco di Dazio
  Tony Corti. La 42ª Festa Valtellinese nella Capitale
  Premi e concorsi/ “Gente di montagna” al Festival AMA 2010
  Presentazione a Roma di “Ricordi, tradizioni e valori della gente di montagna della Valtellina e della Valchiavenna”
  “L’identità valtellinese”. Conferenza di Francesco Guicciardi presso la Famiglia Valtellinese di Roma
  Francesco Guicciardi: “L’identità valtellinese”
  La burocrazia e i valori
  “LibertàEguale” negli incontri di Val Masino (So) si interroga sul futuro del centrosinistra
  Ricordo di Bruzio Manzocchi
  La grande figura di Ezio Vanoni e l’attualità del suo pensiero
  Morbegno. L'eredità di Ezio Vanoni
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy