Lunedì , 15 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spinus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Florence Burgat sulla Giornata Mondiale degli Animali 
Uno scritto della filosofa francese sul tema della sofferenza animale
18 Novembre 2009
 

Florence Burgat: «Quando sono gli animali
a essere sottoposti a sofferenza,
dipende semplicemente da noi porvi fine».

Poiché è il giorno di S. Francesco, il 4 ottobre è stato dichiarato “Giornata Mondiale degli Animali”. Un giorno all'anno. Non per ricordarci del modo in cui gli umani hanno trattato gli animali nel corso dei secoli e chiederci come ciò sia stato possibile. No, questo è l'unico giorno dell'anno per parlare di ciò che essi devono sopportare ogni giorno, senza tregua, in ogni parte del mondo e da tempo immemorabile.



Quando cambieranno mai le cose?

Due cose sono cambiate nella storia buia degli animali. La prima cosa è che mai come oggi sono stati uccisi così tanti animali, e mai come oggi ne sono stati sfruttati così tanti. Mai prima d'ora le condizioni degli animali sono state così dure. A miliardi sono imprigionati negli angusti box degli allevamenti, macellati al ritmo dei nastri trasportatori, uccisi con armi da fuoco, avvelenati o intrappolati, pescati, catturati per la loro pelliccia o la loro natura “esotica”, utilizzati nei laboratori, sottomessi e mutilati nei circhi, resi pazzi per l'isolamento negli zoo...

L'urgenza aumenta, perché adesso abbiamo i mezzi scientifici e tecnici per sfruttarli sempre di più: più carne, più latte, più conoscenza “scientifica”, più tutto...

Il mondo degli animali è allo stremo. Gli umani stanno per eradicare gli ultimi animali liberi per far posto a quelli di allevamento, per soddisfare i nostri bisogni, anche i più futili. Questa è la situazione.

La seconda cosa è la nascita di un movimento globale organizzato per la protezione e la difesa dei diritti degli animali, che va acquistando sempre più slancio. Un movimento che controlla, informa e investe tutte le energie disponibili per neutralizzare l'indifferenza o l'ignoranza delle persone, che, nella maggior parte dei casi, non hanno idea di ciò in cui sono coinvolte quando acquistano prodotti apparentemente innocui: un pezzo di prosciutto, uno yogurt, un paio di scarpe, un rossetto.


Quando cambieranno finalmente le cose?

Spesso ci lamentiamo della nostra impotenza quando veniamo a conoscenza di ciò che accade agli esseri umani nel mondo: torture, crimini, rapimenti. Ma quando sono gli animali a sopportare queste sofferenze, dipende solo da noi porvi fine: informandoci e astenendoci dall'acquistare prodotti derivanti dallo sfruttamento degli animali. La scelta è nostra, praticamente sempre; un'alternativa è quasi sempre possibile.

Smettiamo di camminare a testa bassa, ciechi e sordi, nonostante il fatto che molte cose rimangono nascoste, così che nessuno le vedrà o sentirà mai.


Florence Burgat, filosofa

(Direttore di Ricerca all'Inra – Università di Parigi I)



Per informazioni:

michele.mottini@cheapnet.it


LEALSezione di Sondrio

(da 'l Gazetin, novembre 2009)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy