Lunedì , 23 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Annagloria Del Piano. Il rapporto di Philip Claudel 
Le estreme conseguenze di un incontro fra gli abitanti di un villaggio francese e uno straniero venuto da chissà dove
28 Luglio 2009
 

Philip Claudel

Il rapporto

Ponte alle Grazie, 2008, pagg. 285, € 15,00

 

In un piccolo villaggio della Lorena, nel secondo dopoguerra, arriva un giorno un personaggio pittoresco: un fisico tozzo, un faccione bonario, vestito con abiti stravaganti e un po’ barocchi, accompagnato da un somaro ed un cavallo ai quali si rivolge come fossero esseri umani e da un carretto con qualche mercanzia. Parla poco, sorride, ma non dice nulla di sé.

Da dove verrà? Quale il suo passato? E quali, soprattutto, le sue intenzioni per il futuro, proprio lì, in quel villaggio a lui sconosciuto?

Da subito lo straniero crea tensioni, dubbi, paure fra i compaesani che già, negli anni terribili della guerra, hanno dovuto fronteggiare l’invasione dei nazisti e con essa lo spettro di segreti indicibili nati direttamente dalla fragilità intrinseca alla condizione umana, ma anche da un crudele e fino allora sconosciuto istinto di sopravvivenza…

De Anderer” (l’altro), “De Murmehner” (il mormorante) tanti i nomignoli per riferirsi a lui, dapprima con cautela, poi con sempre più allarmismo, pregiudizio, infine timor panico.

Il romanzo di Philip Claudel, già autore del bellissimo Le anime grigie – anche in quel caso predominante era la pesantezza di certe valutazioni inappellabili che tra l’altro quasi mai si rivelano esatte – è un racconto esemplare su quanto il giudizio degli “altri” possa essere impietoso e distruggere qualcuno proprio perché formulato nella paura di ciò che di sconosciuto si ha di fronte.

Ed è anche l’analisi profonda e impietosa dell’uomo che, forzatamente incaricato dai compaesani di redigere un rapporto ufficiale ancorché fasullo sull’incidente all’apice della storia, si interroga su se stesso e sulla propria responsabilità.

Perché, ci dice Claudel, si è responsabili anche di ciò che si tace o si finge di non sapere.


Annagloria Del Piano

(per 'l Gazetin, agosto 2009)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy