Mercoledì , 27 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lucia Querques: Quando emigravamo noi italiani con la valigia di cartone
12 Maggio 2009
 

Non è lontano il ricordo di giovani miei compaesani del Sud che partivano per la Germania o per la Svizzera per lavorare in fabbriche con orari massacranti, che dormivano in camerate affollate da disperati come loro, che venivano maltrattati e sbeffeggiati, e a volte anche uccisi, quando si ricordavano di essere giovani e si azzardavano a frequentare un bar o una discoteca e magari fare un complimento a una ragazza. Il ricordo di padri e madri che lasciavano i loro bimbi ai nonni accettando di viverne lontani per poter offrire loro un futuro migliore permettendogli di studiare e di costruire un tetto, magari rate. Quante case non finite ancora nel sud!!!

Non è lontano il tempo in cui i miei suoceri torinesi parlavano dei veneti come gente non corretta che arrivava a Torino per lavorare anche a cottimo e per pochi soldi, e questo sottraeva “un lavoro qualificato” e quindi meglio remunerato ai residenti. Non è lontano il tempo in cui leggevo “non si affitta i terroni” sulle case di Torino!

Noi popolo di migranti di non più di una generazione passata, che utilizziamo la sottomanovalanza nelle fabbriche e nei campi, che affidiamo i nostri vecchi a gente che non conosce ancora la nostra lingua, ma che sono gli unici disposti ad affrontare le miserie di una vecchiaia che ripudiamo. Noi che ci facciamo sorelle e fratelli degli stranieri che frequentano l nostra casa dicendo “ma voi siete diversi”!! Noi che siamo stati formati all'ombra della religione “cristiana”, che ha come fondamento la carità e il soccorso del bisognoso e che ipocritamente seguiamo. Noi che con un sms da un euro mettiamo a tacere la nostra coscienza, siamo impauriti dalla miseria, dalla forza di volontà e dalla determinazione di gente che pur di migliorare il proprio livello di vita affronta situazioni di pericoli anche mortali!

Non saranno certo le disposizioni di un governo, in cui non mi riconosco, a fermare una legge fisica che prevede la “diffusione” del calore dagli stati più caldi a quelli più freddi, della ricchezza dagli stadi più poveri a quelli più ricchi, dalla penetrazione inconscia nelle coscienze di un popolo che si ritenga tale...

 

Maria Lucia Querques


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy