Mercoledì , 13 Novembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. In difesa di Vauro
Vauro Senesi
Vauro Senesi 
17 Aprile 2009
 

Vauro è autore di vignette sgradevoli e irritanti, su questo non ci piove. Un giorno sì, e l’altro pure, sul Manifesto pubblica disegni che mostrano israeliani come nazisti, americani come schiavisti assetati di sangue, e da che parte gli batta il cuore non ne fa certo mistero. Vauro è Vauro, basta la parola. Fa una satira greve, pesante, cattiva. Ma per sapere: c’è una satira light, “buona”, gentile?

 

Anni fa a chi scrive capitò la ventura di essere direttore responsabile del Male. Quel settimanale andava giù pesante, sciabolate al cui confronto le “battute” di Vauro sono cose da educande. Una volta qualcuno, sotto pseudonimo, scrisse un articolo per protestare contro la condanna inflitta allo sventurato che in base alle norme (fasciste) sulla stampa mi aveva preceduto come direttore responsabile. Il magistrato che aveva emesso la condanna secondo l’anonimo corsivista era una m… tale che quando camminava, a suo dire, se ne sentiva la puzza.

Il magistrato così pesantemente chiamato in causa presentò querela con ampia facoltà di prova, e s’ammetterà che era arduo dimostrare che camminando spargeva puzza e cattivi odori. Da sventurato direttore (ir)responsabile ne ricavai due anni e sei mesi di condanna senza beneficio alcuno, poi confermati in Appello. Finì bene perché ci si inventò qualche diavoleria che la Cassazione prese per buona, ma per qualche tempo quei due anni e sei mesi senza condizionale sono stati un piccolo incubo.

In quell’occasione non furono molti che spesero qualche parola di solidarietà: tra quei pochi Oreste del Buono, Giorgio Forattini, Giampiero Mughini, Marco Pannella, Salvatore Sechi; dalla Federazione della Stampa e dagli ordini costituiti silenzio e indifferenza, ma erano messi in conto.

Del Buono ne scrisse, e il magistrato piccato, replicò: la satira va bene, ma quella non era satira, bisogna porre dei limiti. Pacatamente del Buono rispose che in materia di satira i limiti servono solo per oltrepassarli. E disse che mi difendeva proprio perché si trattava di una volgarità indifendibile.

 

Il lungo preambolo serve per spiegare perché oggi si dice: “Giù le mani da Vauro”. Da maledetto senese emulo di Cecco Angiolieri è stato di cattivo, pessimo gusto, ha varcato, al pari di Maurizio Crozza i limiti consentiti? Bene, proprio per questo vanno entrambi difesi. E ridateci i tempi di Giulio Andreotti e Giovanni Spadolini, che neutralizzavano i “satiri” chiedendo gli originali delle vignette!

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 17 aprile 2009)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.9%
NO
 24.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy