Mercoledì , 11 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Se i telegiornali non ne parlano... 
Sospesa ogni garanzia democratica a Vicenza?
11 Febbraio 2009
 

Che strano, i telegiornali non ne parlano...

10 febbraio: linea dura delle forze dell'ordine contro i No dal Molin; a Vicenza coprifuoco militare.

Guarda il video di ciò che sta succedendo oggi a Vicenza. Una storia che qui in valle di Susa conosciamo già fin dal 2005.

Leggi il comunicato dal presidio “NO dal Molin” (riportato in calce a questa comunicazione, ndr).

 

Cos'è che colpisce di più e che dovrebbe farci drizzare le orecchie?

Che i tiggi non ne parlino e che per una base militare o per una grande opera come la Torino-Lyon (ma ci sono tanti altri casi) si pensi di gestire la pacifica contestazione con la forza.

Peccato, ci si dimentica ancora una volta che la contestazione pacifica ha dietro di sé gli ideali; la repressione singoli ordini dall'alto.

Auguri ai manifestanti civili e pacifici che vivono questi momenti difficili.

 

Ambientevalsusa

info@ambientevalsusa.it

 

 

 

Sospesa ogni garanzia democratica

 

Le forze dell'ordine, guidate dal Questore Sarlo, hanno messo l'area limitrofa al Dal Molin e l'intero territorio vicentino in stato da coprifuoco militare. Ogni assembramento di più di 3 persone è considerato manifestazione non autorizzata e i cittadini minacciati di arresto; ogni iniziativa di opposizione pacifica al cantiere per la nuova base Usa è considerata violenza. Nessun canale di dialogo è stato concesso ai manifestanti ai quali sono stati riservate soltanto minacce e botte.

 

Stamattina un enorme spiegamento di forze dell'ordine ha impedito ai vicentini di raggiungere l'imbocco di Via Ferrarin. La polizia e i carabinieri sono avanzati per centinaia di metri, picchiando alcune persone che indietreggiavano lentamente. Poi un centinaio di manifestanti si è spostato a Montecchio Precalcino per bloccare i cancelli della ditta Carta Isnardo, dove transitano i camion che fanno la spola tra il Dal Molin e la cava. Due camion sono stati fermati per circa un'ora e, all'arrivo delle forze dell'ordine, è stato chiesto un incontro con il titolare della ditta. I funzionari della digos hanno risposto con la minaccia di arrestare tutti i manifestanti per il blocco stradale in corso.

 

Quello messo in piedi dal questore Sarlo è un gigante con i piedi d'argilla. Decine di agenti in assetto antisommossa chiamati a Vicenza per intimorire la città. Ma i vicentini non sono cascati nella provocazione e non hanno accettato il clima di violenza instaurato dalle forze dell'ordine. Non ci interessa lo scontro, ci interessa fermare e rallentare i lavori: è quel che continueremo a fare in ogni angolo della nostra provincia.

 

Chiediamo che il Sindaco intervenga urgentemente per ristabilire un minimo di agibilità democratica in città.

 

Presidio Permanente, Vicenza, 10 febbraio 2009

 

 

Fonte: www.nodalmolin.it


Articoli correlati

  Una faccenduola e una faccenda seria. Per arrivare a su cosa poggi e cosa sia la democrazia
  Vicenza. Si rimpiange il Craxi di Sigonella
  Michele Boato. Il 5 ottobre a Vicenza un'occasione da non perdere
  Vicenza. Il digiuno di don Albino e l'abbraccio della gente
  Il comitato di Vicenza Est: Per un presente senza basi di guerra
  Mao Valpiana. A Vicenza con la nonviolenza
  le nuove forme di lotta
  Albino Bizzotto. Una lettera ai parlamentari
  Mao Valpiana. Vincere il referendum a Vicenza
  Dopo la manifestazione di Vicenza
  Passata la finanziaria, ci aspetta un lavoro di approfondimento e innovazione. Praticamente in tutti i campi
  La visita della delegazione del Senato a Vicenza
  Vicenza NoDalMolin: un inaspettato Abbecedario
  Migliaia di bandiere al Dal Molin: yes, we can!
  Lidia Menapace. Intervento al Senato su Vicenza
  «Per fortuna digerisco anche i sassi». Le manovre al Senato e quelle col Vaticano
  Mao Valpiana e Alberto Tomiolo. Un impegno nonviolento antinucleare e antimilitarista
  Aumento del gettito fiscale? Bene! Vediamo di valorizzarlo al meglio
  Maria G. Di Rienzo. Care cittadine e cari cittadini di Vicenza, grazie
  Daniele Lugli. A Vicenza anche per tutti noi
  Pippo Magnaguagno. Il 5 ottobre a Vicenza per ripudiare la guerra
  Vicenza. Dodicimila in Piazza il 1° ottobre
  “Tavolo della Consultazione Dal Molin” e Antonella Litta. Grazie, Vicenza!
  Michele Boato. Vicenza, una giornata di vera democrazia
  Pippo Magnaguagno. NoDalMolin > 5 ottobre: SI VOTA LO STESSO
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy