Mercoledì , 02 Dicembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Cantoro, Il libro più bello del mondo
23 Febbraio 2006
 

Walter Cantoro

Il libro più bello del mondo

Demian Edizioni, pagg. 80, € 8,00


Walter Cantoro scrive articoli che sembrano racconti ma se ci pensiamo bene è vero anche il contrario e forse questa è la sua forza narrativa. Racconta la vita quotidiana vista dagli occhi di un ragazzo che scopre l’amore, le festività di una provincia sonnolenta e la tivù spazzatura. Si abbandona ai viaggi in Venezuela, sorseggia mojito ghiacciato, ascolta Buena Vista Social Club e racconta di lutti e fallimenti. I suoi bersagli sono la voglia d’apparire, la cultura soporifera e bigotta, gli intellettuali da salotto e da dopo cena. Il mondo che ci vorrebbero vendere come il migliore dei mondi possibili ha troppe cose che non vanno per essere accettato. I racconti si snodano in rapida sequenza sotto forma di diario intimo e il lettore si appassiona con la cronaca di un Natale diverso e di un Carnevale anticonformista. Non sono certo veline da intellettuale le parole di Cantoro, che cita a piene mani Giorgio Gaber, Fabrizio De André, Corrado e la tivù degli anni Ottanta. Alla fine dei racconti compare pure Moana Pozzi, divina creatura oggetto di sogni erotici per due generazioni di adolescenti, rimpianta come un’icona di bellezza infinita. Il sesso e le donne rivestono un ruolo importante nei racconti di Cantoro, che descrive ironici approcci e immaginari convegni amorosi con belle tramane o con impossibili dive del cinema.

I racconti sono articoli di un giornale locale che parlano di vita e di sogni, narrano le storie di un ragazzo di provincia che sono le storie di tutti i ragazzi della grande provincia italiana. Tra le righe spesso incontriamo il sentimento struggente della lontananza, Firenze, il Sudamerica e la voglia di tornare, ma pure la noia della vita in provincia e i ricordi di bambino. Tutto però è sempre ben amalgamato dalle pennellate rapide e nervose di uno stile narrativo inconfondibile e pieno di carattere. Walter Cantoro è uno scrittore che ha molte cose da dire e che soprattutto le sa dire con un linguaggio molto vicino al parlato che intriga e affascina. Lo attendiamo alla prova del suo primo romanzo.


Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy