Martedì , 24 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Harry Wu. Laogai. L'orrore cinese 
L'inedita testimonianza editoriale del dissidente vittima dei “laogai” (termine da imparare e ricordare), campi cinesi di lavoro forzato
06 Ottobre 2008
 

«La differenza con i gulag? Nei laogai non si ha tregua, fino al lavaggio del cervello».

«In Cina il 95% degli organi trapiantati proviene da detenuti giustiziati».

«Il mio successo è che laogai sia divenuta una parola di uso comune, inserita nell'Oxford dictionary».

 

 

Harry Wu

Laogai. L'orrore cinese

Spirali, 2008, pagg. 227 (con inserto a colori), € 25,00

 

È in distribuzione il libro Laogai. L'orrore cinese di Hongda “Harry” Wu, edizioni Spirali. Il dissidente cinese, recluso per 19 anni nei campi di concentramento del suo paese, è attivista per i diritti umani di livello internazionale noto per aver rivelato al mondo l'esistenza di famigerati campi di lavoro forzato per detenuti politici, i “Laogai”, letteralmente “riforma attraverso il lavoro”. Nel volume l'autore parla di tali orribili lager di stato ma allarga le sue considerazioni anche ad altre realtà repressive totalitarie, agli ambigui rapporti capitalistici mantenuti dall'occidente, alla censura dell'informazione, alle discriminazioni civili e religiose, al trapianto di organi provenienti da condannati a morte, a piazza Tienammen. Un testo essenziale per la comprensione della realtà contemporanea.

Due con uno. Dice Harry Wu: «Con il lavoro forzato i leader comunisti ottengono due risultati: l'eliminazione di qualsiasi opposizione interna e la produzione di merci a basso costo da destinare ai mercati. Regola n° 1 della detenzione: devi amare il partito, ovvero dimenticare la propria visione politica, la propria religione salvo rimanere in prigione. Entrati nel campo bisogna confessare subito il proprio crimine e ripetere l'ammissione di colpa ogni settimana; così si perde la dignità personale, o si muore. Regola n° 2: ogni campo ha due nomi, uno di facciata come insegna produttiva e uno burocratico come carcere; nei rapporti commerciali si usa il primo, negli affari interni il secondo. Non mi sorprende che gli americani abbiano eliminato la Cina dai 10 paesi contrari ai diritti umani: come farebbero sennò a mantenere così intensi rapporti economici con quel paese?»

L'imperatore comunista. Secondo il prof. Wu, l'ideologia cinese è unica perché fondata su una tradizione feudale millenaria e profondamente radicata: «Di fatto non c'è mai stata differenza tra un imperatore e il successivo. Anche Mao, conquistato potere, si è comportato da imperatore comunista. Il comunismo è una coperta esterna sul sistema cinese».

Tienanmen. Lo studioso crede che il movimento di piazza Tienanmen non sia stato ben compreso: «Un fenomeno popolare riformatore, non rivoluzionario: i suoi leader volevano correzioni al sistema e non la sua caduta, lottando contro burocrazia e corruzione. La memoria del popolo svanisce: oggi nei campus universitari si parla di soldi, non di politica».

Diritti umani. Sollecitato su cosa proporrebbe all'ONU, l'intellettuale risponde con la Dichiarazione universale dei diritti umani: «Chiederei al governo cinese: quante persone vengono giustiziate ogni anno? quante mandate in galera per “sovversione”? a quanti viene imposto di rinnegare il proprio credo? quanti sono liberi di manifestare il proprio pensiero?»

 

IL VOLUME

Una lucida analisi, arma di civiltà. L'autore spiega la "rieducazione" concepita dal regime di Pechino, fenomeno che riguarda milioni di detenuti cinesi e l'intera opinione pubblica mondiale, vittime della tenace censura governativa. Un saggio prezioso con un ritratto sconcertante della Cina, sospesa tra ambizioni di leadership e violazione dei diritti civili.


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy