Venerdì , 10 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Leonardo Mesa. Georgia: un contributo per una lettura disincantata 
La complessa questione va affrontata nella sua complessità (e senza fare eccezioni)
20 Agosto 2008
 

Nel passato le grandi potenze nella conquista accorparono senza “raffinatezza” i più dissimili territori. Oggi con molta “raffinatezza” conquistano dividendo. Una conquista alla rovescia.

Ho sempre ritenuto che la guerra fredda non fosse finita: solo surgelata; per un po’...

Oggi, seguiamo il conflitto in Georgia tramite i racconti della stampa, però la situazione è ben complessa e anche diversa. Un po' di storia. Ossezia è stata integrata nell’URSS come regione autonoma nel 1922. Si proclamò repubblica autonoma (non riconosciuta) nel lontano novembre di 1989 e, ne settembre 1990, proclama l’indipendenza. Ancora esisteva l’URSS ed erano i tempi che ogni divisone era stimolata e appoggiata con il chiaro obbiettivo di smembrarla. Nel gennaio 1991 truppe georgiane si addentrano in Ossezia; il conflitto si protrae per due anni. Nel gennaio 1992 viene adotta l’indipendenza mediante referendum, confermato da un'altra consultazione nel novembre del 2006, questa volta con il 99%.

Attualmente vi risiedono 58 mila osseti e 22 mila georgiani. Con la disintegrazione rimasero, di comune accordo, due base militari russe: Ajalkalaki e Batumi; la prima riconsegnata nel 2007 e la seconda lo sarà entro quest'anno. Dopo il trattato di pace di Dagomis, nel luglio 1992, la Georgia e la Russia si accordarono, con il beneplacito ONU, per la permanenza di truppe russe per garantire la pace. Sono estate proprio queste a fare fronte per prime al recente attacco georgiano contro l'Ossezia. In tanti abbiamo capito che la Russia ha invaso la Giorgia; in pochi che per primo è stato il governo georgiano a lanciarsi sull'Ossezia. Il conflitto odierno è stato preceduto di un “lasciapassare” di Washington (simile a quel concesso ad Iraq rispetto a Kuwait, anche se per motivi diversi) e dall’esercizio militare congiunto «Risposta immediata», con la partecipazione di 800 soldati georgiani e 1.200 statunitensi.

Al sodo: alla Cecenia è stata negata l’indipendenza; perché la Russia appoggia la secessione in Ossezia? La Iugoslavia è stata divisa e ridivisa; perché la Giorgia non può esserlo? In tanti appoggiamo l’indipendenza del Tibet; perché non quella dell’Ossezia? I portoricani sono uno stato libero, associato agli USA mediante referendum; perché non rispettare i referendum osseti? La Georgia si è separata dal capoluogo sovietico e Taiwan della Cina, perché l'Ossezia non si può separare della Georgia? Le isole Malvine stanno a 12 mila km del Regno Unito; perché l'Ossezia, che è accanto alla Russia, non può esserne parte? Gli USA hanno basi e contingenti militari dappertutto e ha voluto costituire la SATO; perché si vede pericolosa la presenza Russa “alle porte” europee (alla quale appartiene) e non quella statunitense “all’interno”? La NATO si rinforza e si estende; perché si considera pericolosa la Russia e non l’imponente potenziale militare che l’accerchia?

Il separatismo si accresce, il militarismo si moltiplica. Si rischia di atomizzare e di incendiare il mondo proprio nei tempi in cui -dicono- si globalizza e s'appacifica. Non è possibile trattare il problema facendo distinzioni: non esiste separatismo o militarismo buono o cattivo. Qualunque soluzione, su queste basi, porta invariabilmente all’incivile regola del più forte, e al pestaggio dei deboli. Nessuna soluzione arriverà con guerre né distinzioni: il problema deve essere affrontato nella sua intera complessità e, soprattutto, senza eccezioni.

 

Leonardo Antonio Mesa Suero

(adattamento del testo in italiano a cura della Redazione)


Articoli correlati

  Marco Cappato. Georgia: il PE approva Conferenza di pace transcaucasica aperta ai popoli non rappresentati
  Georgia e dintorni. Riflessioni
  Il reportage di Iacona sul Kosovo (Rai 3)
  Georgia. Il ministro La Russa ha inviato gli ultimi soldati disponibili nelle piazze italiane?
  “Etnia”, la parolaccia che avvelena il mondo
  Mao Valpiana. Contro la guerra, la nonviolenza
  Valter Vecellio. Il delicato e complesso risiko dietro la vicenda georgiana
  Giulio Manfredi, Igor Boni. Crisi Georgia: Mosca scherza con il fuoco
  Marco Perduca. «La Goergia non è dall'altra parte del mondo, ma nel cuore d'Europa e come tale va trattata»
  Roma. I Radicali presentano oggi il dossier UNPO su possibili ulteriori focolai transcaucasici
  Georgia. Ma l'Italia con chi sta, con Putin o con l'Ue?
  Marco Perduca. Georgia. Frattini chieda a Kouchner un vertice UE a Tblisi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy