Martedì , 17 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Militari nei cantieri. Il vizietto 'non-civile' del ministro La Russa
11 Agosto 2008
 

Con l'operazione ordine pubblico dei militari in alcune città si è fatta opera di inutilità e propaganda “maschia”, perché con lo stesso obiettivo e forse risultati anche migliori, sarebbe bastato rafforzare –non solo temporaneamente come coi militari- le forze di polizia municipale. Avremmo dato anche un'immagine meno “assediata” ai milioni di turisti stranieri che in questo periodo visitano il nostro Paese.

Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ci ha provato gusto, probabilmente per i suoi ancestrali dettami di politica e governo della cosa pubblica, tant'è che ora, da un'intervista ad un quotidiano ci fa sapere che altrettanti militi intenderebbe utilizzare nei cantieri edili per evitare incidenti. Fine nobile per carabinieri e soldati che dovrebbero sostituire l'Ispettorato civile per gli incidenti sul lavoro. A parte il solito vizietto “non-civile” del nostro ministro (che vista la reiterazione, qualche preoccupazione dovrebbe darla), sembra di assistere ad un gioco al massacro.

Vediamo perché.

Il ministero della Difesa si è arrogato parte delle funzioni del ministero dell'Interno. Già succedeva con i Carabinieri, ma questo corpo è specializzato anche in ordine pubblico e non, come gli altri militari oggi nelle nostre città, a fare le guerre o, come meglio si dice oggi, in operazione di peacekeeping. Sempre il ministero della Difesa ora vorrebbe svolgere le funzioni del suo omologo Welfare. Già abbiamo un altro corpo militare, la Guardia di Finanza (per ora non ancora sotto il controllo del ministero di La Russa), che svolge funzioni che in Paesi in cui i controlli fiscali funzionano (Usa per esempio) sono a carico di unità non-militari. Al nostro ministro, per ora, sono sfuggiti diversi altri settori in cui i sistemi di controllo delle leggi sono gracilini: faccio un solo esempio stagionale, perché credo che il concetto sia chiaro. È stato emanato divieto sulle spiagge per i massaggi fatti da persone non professionali e senza autorizzazione, con tanto di indicazioni ai bagnini perché vigilino sul rispetto del divieto; bene, su tutti gli arenili d'Italia si incontrano persone che vendono questo servizio, anche all'interno di bagni organizzati (con tanto di bagnino) e non solo sulle spiagge libere... visto che in genere chi vende questi servizi sono persone extra-comunitarie (spesso cinesi), perché, invece di un pizzardone magari di quartiere, non mandare i militari sulle spiagge con un possibile doppio risultato, cioè cuccare/allontanare i clandestini e cuccare/allontanare i massaggiatori illegali. Così come ci è stato detto dalle varie voci di regime (ronde padane incluse) in occasione dei militari già in servizio in città, dovremmo avere diffuse espressioni di giubilio per queste nuove presenze a garanzia della nostra sicurezza.

Dove vuole arrivare La Russa? Capisco che in tempo di pace interna possa non essere eccitante fare il ministro della Difesa, ma trasformare l'intero territorio nazionale in una caserma, non mi sembra la soluzione migliore per la gestione di un Paese con problemi in cui la cultura della legalità e dello Stato di diritto non godono di buona salute. La militarizzazione del territorio è una scelta strategicamente pericolosa. Il ministro La Russa, sempre vista la stagione, si è forse ispirato al regime cinese e alle parate militari, ai militari artisti, acrobati e ginnasti? Anche se questi ultimi militari sarebbero della parte opposta a cui si ispira il nostro ministro... abbiamo bisogno di militari in più e non piuttosto di far funzionare i servizi di controllo che già ci sono, magari rafforzando gli stessi e invocando un “metodo Brunetta” anche in quell'ambito?

 

Donatella Poretti


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy