Venerdì , 12 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
la sanvincenzo di stato
Blessed Frederic Ozanam
Blessed Frederic Ozanam 
24 Giugno 2008
 

Toh! chi si vede! la sanvincenzo di stato!

Siamo al postomoderno più reazionario che mai si sia visto.

Infatti a chi ha poco viene -munificamente e con discrezione (!)- data la somma di euro 400 all'anno.

E nessuno protesta.

Quando incontro per strada dei mendicanti (e succede spesso) mi vergogno sempre, sia che gli dia qualcosa, sia che non dia nulla. Ogni mattina metto nel portamonete ciò che mi avanza appunto dal giorno avanti e dò ai primi tre che incontro, vergognandomi, naturalmente.

Da studente liceale e universitaria ero iscritta alla sanvincenzo, una iniziativa di carità inventata da Ozanam, prestigioso intellettuale cattolico parigino del XIX secolo, che si impegnava a dare qualche sostentamento ai poveri, ai quali voleva annunciare il Vangelo, non in modo alienante e rassegnato, ma per ricristianizzare la Francia postrivoluzionaria. Ozanam diceva: «È inutile annunciare il Vangelo a chi ha fame». Fondò allora la Conferenza di San Vincenzo, che distribuiva ai poveri buoni pasto e buone parole di speranza nelle città, dove maggiore era la solitudine e il bisogno.

Si andava nelle case più malandate, tra le persone più abbandonate, ci si fermava un po' a fare compagnia e a chiedere le necessità, e poi andando via si lasciavano i buoni per la spesa, un chilo di riso o di pasta o di farina da polenta, o patate o pane o due mele.

Non dimenticherò mai una vecchietta, che aveva anche le pulci e me le attaccò (ci dicevano infatti di non sederci sulle sedie di legno impagliate, perché da lì qualche parassita saltava addosso facilmente) e mi diceva: «G'ho'na fam chi mangirii l'Africa» e dopo prendeva i buoni faceva un sorrisino paziente, ma era contenta se andavo via presto, sì da poter andare a prendere cibo: per lei quel giorno la sua Africa era arrivata.

Non è che d'ora in poi questo lavoro lo farà lo stato, sicché ai poveri che chiedono elemosina si risponderà: “si rivolga a Tremonti e otterrà euro 400 annuali, un euro nei giorni di lavoro, due per un po' (non tutte) le domeniche, alla grande!”

E le persone intervistate dicono: ma sì è una buona cosa, si aiuta chi ha bisogno.

Almeno alla sanvincenzo i soldi li tiravamo fuori noi: era beneficenza e ci ricordavano sempre che era una specie di cerotto, di pannicello caldo e che non credessimo di aver così adempiuto ai nostri doveri sociali. Infatti la carità benché grandissima virtù non regge senza la giustizia virtù fondativa. Sicché dovevamo cercare che si facessero leggi giuste e -dopo la seconda guerra mondiale- si costruisse lo stato sociale (Welfare State), che la nostra meravigliosa Costituzione aveva reso possibile e anzi obbligatorio (l'art. 3) mettendo armoniosamente insieme le tre grandi correnti ideali della politica e della cultura europea, la corrente liberale dei diritti individuali e umani, il movimento cristiano con l'imperativo della solidarietà e il movimento socialista e comunista con le lotte per la giustizia sociale.

Agli odierni insopportabili baciapile farebbe bene un breve corso di catechismo, dal quale imparerebbero che nemmeno come privati sarebbero in regola con la morale, se si limitassero a un po' di beneficenza: figurarsi come stato! Per Tomaso d'Aquino il fine dello stato è il bene comune, che contiene tutti quei diritti inalienabili che non hanno per controfaccia dei doveri. Perché uno abbia diritto ad avere il giusto salario non deve prima dare in produttività fino allo stremo: ha diritto e basta.

 

Mi rendo conto che Ozanam non era “moderno”: pensate lui voleva convertire i poveri, non si sarebbe sognato di cercare la conversione di Bush o Blair. È vero che invece era nel Medioevo che i popoli si convertivano a frotte dopo il loro re. Ah! miseria, come è complicata la storia!

 

Lidia Menapace


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy