Sabato , 21 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Quarta parte)
18 Giugno 2008
 

COME GLI INDIANI

OTTENNERO I CAVALLI

 

(Piccolo orfano:)

Oh Grande Spirito! hai tutte le ragioni di essere arrabbiato con me, ma considera che sono solo un piccolo orfano senza casa e senza famiglia, che viveva del buon cuore della tribù… ma… è meglio che racconti la storia dall’inizio.

Dunque, dicevo, solo e povero piangevo sulla mia triste sorte e le mie lacrime erano così copiose che si impastarono con la polvere e mi venne la voglia di fare qualche statuina. Volevo fare un cane, ma dal fango mi usciva sempre una bestia strana, con zoccoli alle quattro zampe e una lunga coda. Alla fine mi addormentai e sognai il Grande Spirito che mi diceva:

(Il Grande Spirito:)

Gli animali che io ti ho fatto modellare si chiamano cavalli e sono molto utili. Però ora sono piccoli come le tue mani li hanno fatti, e perciò bisogna farli crescere. Devi portarli a pascolare al grande fiume per quattro giorni, senza scordarti mai.”

(Piccolo orfano:)

Così feci per tre giorni e i cavalli crescevano a vista d’occhio, crescevano così tanto che il quarto giorno salii in groppa ad uno di essi e feci una lunga galoppata. Mi sentivo così felice e importante che dimenticai di portarli a pascolare al grande fiume, e così sono restati piccoli. Oh, che stupido sciocco sono stato!”

(Il Grande Spirito:)

Beh, dopotutto sono molto carini, così piccoli. E poi, a pensarci bene, sono più veloci e adatti alla caccia, e possono nascondersi fra l’erba in caso di pericolo. Beh, ragazzo, li chiameremo pony; portali alla tua gente e vedrai che saprai cacciare i bisonti meglio di tutti gli altri, e forse… chissà, forse diventerai un grande capo!”

 

 

UNA BATTUTA DI CACCIA AL BUFALO

 

(Orso In Piedi:)

All’alba fummo avvisati che c’era una mandria di bufali nei dintorni e tutti cominciammo a prepararci. Era la prima volta che andavo a cacciare i bufali, e mio padre Orso Seduto mi disse:

(Orso Seduto:)

Non perdere mai di vista il bufalo che hai preso di mira. Puoi inseguirlo da vicino, ma se il bufalo ti guarda con la coda dell’occhio, allora sta molto attento. Se lo colpisci al punto giusto ti basterà una sola freccia.”

(Orso In Piedi:)

Ero pronto a partire, con la faretra piena di frecce e l’arco. Montavo una giumenta nera, veloce come un daino. Davanti a tutti cavalcavano due uomini su bellissimi cavalli, e noi dovevamo tenerci alle loro spalle.”

(Cucciolo di Orso:)

E poi?”

(Orso In Piedi:)

Non interrompere e ascolta. Cercavamo di avvicinarci alla mandria il più possibile, perché se il bisonte corre troppo prima di venir abbattuto, la sua carne diventa dura.

Seguimmo le nostre guide in cima a una collina ed io ero in prima fila, col cuore in gola per l’orgoglio. Poi, a briglie sciolte, in mezzo ad una nube di polvere, ci buttammo in mezzo alla mandria.”

(Cucciolo di Orso:)

E poi?”

(Orso In piedi:)

Sei troppo impaziente, figlio mio, ma anch’io lo ero, alla tua età. Dunque, pensavo che sarei finito sotto gli zoccoli di quei bestioni, non vedevo ad un palmo dal mio naso e mi abbracciavo alla criniera della mia cavalla più morto che vivo, quando la polvere si diradò e ci trovammo fuori dal polverone, più avanti della mandria. A quel punto girai la mia cavalcatura e presi a inseguire i bufali…”

(Cucciolo di Orso:)

Ohhhh!!!”

(Orso In Piedi:)

Estrassi la prima freccia mentre continuavo a galoppare e colpii al collo l’animale che avevo mirato. Con la seconda freccia lo colpii vicino al cuore, e con la terza lo centrai in pieno. La bestia barcollò ma non cadde…”

(Cucciolo di Orso:)

Ohi, Ohi!!!”

(Orso In Piedi:)

“…e così tirai la quarta freccia ed uccisi il mio primo bufalo. Però, quando scesi e contai le frecce, mi vergognai, perché quattro frecce sono troppe, per un solo bufalo! Mi ricordai di una volta che…”

(Cucciolo di Orso:)

Di una volta che?”

(Orso Seduto:)

Racconta, racconta a tuo figlio!”

(Orso in piedi:)

Mi ricordai di una volta che mio padre aveva ucciso due bufali con una freccia sola: colpito a fondo il primo bisonte, aveva affondato e poi estratto la freccia, e l’aveva usata per uccidere il secondo bufalo!”

(Cucciolo di orso:)

Ohhhh!!!!”

(Orso seduto:)

Ehm ehm…”

 

Maria Lanciotti


Articoli correlati

  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estemporanee
  Maria Lanciotti. “Canto di primavera”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Percezioni (12 haiku)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pensiero d’aprile
  Alberto Pucciarelli. “Il Villaggio di Gennaro”, ovvero Cooperativa san Giuseppe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Se mi strappassi di dosso...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku classico con e senza kigo
  Maria Lanciotti. Forza Roma!
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non darti pena...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Erano i giorni che non si spengono a notte
  Vetrina, In libreria/ Maria Lanciotti. Suono e visione – 1/3
  Maria Lanciotti: Iniziazione misterica delle figlie di Eva quando avevamo ancora l’anello al naso…
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Antico padre
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cela i tuoi versi...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare degli Ardeatini
  I brevissimi/ Maria Lanciotti. Voci dall’isola
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Haiku – con e senza kigo
  Maria Lanciotti: Un fiore per i miei cari
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Pasqua 2022
  Maria Lanciotti. Un sorriso che non si spegne
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cicli
  Roma. Trentennale del Movimento studentesco “La Pantera”
  Maria Lanciotti: Per chi ama, per chi è amato.
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Petali
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Il viaggio continua…
  Il Bambinello, la defezione dell’ONU e la Speranza
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ancora e sempre una possibilità per un sogno di pace
  Maria Lanciotti: Pasolini e le 120 giornate di Sodoma
  Maria Lanciotti: Vacanze in campagna. Prima Parte
  Maria Lanciotti: La confessione
  Maria Lanciotti. Mi hanno rubato la conca di rame
  Maria Lanciotti: Vacanze in campagna. Seconda parte
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco
  Maria Lanciotti: La morte in faccia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Poi finirono le parole...
  Maria Lanciotti, Pensierino estivo della sera
  Maria Lanciotti: Il buco nella rete
  Maria Lanciotti: Tutto cominciò con una morte bianca
  Maria Lanciotti. E Gesù lagrimò
  Vetrina/ Maria Lanciotti. oblivion
  Maria Lanciotti. Poesie sparse
  Maria Lanciotti. Se tu mi chiedessi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Notte di primavera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ho conosciuto una ragazza...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ora che le parole...
  Vetrina/ Maria Lanciotti (haiku)
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane (Terza parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Traccia
  Maria Lanciotti: Offerta speciale: ammazzi due e paghi per uno
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuove terre
  Luca Leoni. “Se tu mi chiedessi”, ovvero la realtà che precede la fantasia
  Maria Lanciotti: Il viaggio della vita
  Premi e concorsi/ Maria Lanciotti. Giuggiole m’offri...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Immagini in forma di haiku
  Maria Lanciotti. Il Caligola riflesso
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Scorreva come lava nella gola...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Estasi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cosmo
  Maria Lanciotti: L’ombra cupa der cupolone
  Maria Lanciotti: Il dolore del papa per i morti di Kabul
  Maria Lanciotti: Infinitamente mai
  Maria Lanciotti. A bocca cucita col fil di ferro
  14 febbraio. Amore, “dacci un segno di vita”
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Prima parte)
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Anno zero
  Maria Lanciotti. I brevissimi/ E io aspetto Elisa
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Shingle. Diari scritti dai padri per i nostri figli
  Maria Lanciotti: Lima e ferro. Con foto dal futuro
  Maria Lanciotti. Cantuccio della fantasia/ Leggende indiane. (Quinta parte)
  Maria Lanciotti: Eluana Englaro, ...non puoi andare in pace
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eppure sai...
  Premio di poesia e stornelli nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino” 2016
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 2
  Maria Lanciotti. Forty Fingers ‒ Altre note sul sesto rigo
  Pearl S. Buck: La buona terra. Ri-lettura di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti: Divagazioni allappanti sotto i baffi di Trilussa
  Maria Lanciotti: Asteria e la notte di Ba-bo
  Maria Lanciotti: “Tempo di abbracciare”. Prendendo spunto dal libro dell’Ecclesiaste
  Maria Lanciotti. Panorama
  Maria Lanciotti: Quei fichi dolci colti alla luce della luna
  Maria Lanciotti: Cantuccio della fantasia. Leggende indiane. (Seconda parte)
  Maria Lanciotti: Ti racconto una storia (Fiaba per Discorso amoroso)
  Maria Lanciotti. Qui ci sono i leoni
  Maria Lanciotti. Castelli da amare
  Maria Lanciotti: I mangiatori di carta.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Senza cattiveria
  Maria Lanciotti. Music “on Volcanic Lakes”
  Maria Lanciotti. Ricordati di santificare le feste
  Maria Lanciotti. La rosa nera e la rosa rossa, una storia follemente umana – 1
  Maria Lanciotti. Fotogrammi
  Maria Lanciotti. Murale
  Maria Lanciotti. La via di Pepe
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sassi e astri
  Maria lanciotti: Io Nico che so come amarti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Io sono musulmana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Vieni, mio caro uomo...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Eroi
  Maria Lanciotti: Il giardino dopo l'ultima stanza
  Amina e la maledizione dell’abate
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Ecclèsia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per una morte bianca in fonderia
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E pensavo a te (per i Ragazzi del ’99)
  “La sacca del pastore” di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mimose
  Maria Lanciotti: La Rosa di Ferro
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Paisà
  Maria Lanciotti: Giacomo, non guardare!
  Maria Lanciotti: Giostra del bastardo amore
  Maria Lanciotti. Sulla Ciampino-Roma alcuni anni fa
  John Steinbeck: La luna è tramontata. Ri-lettura di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti. Lascia ch’io cerchi la mia strada...
  In libreria/ Memoria e dialetto in “Giracéo” di Maria Lanciotti
  Pier Paolo Pasolini: Il padre selvaggio. Ri-lettura di Maria Lanciotti
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Per un impiccato in cella d’isolamento
  Vetrina/ Maria Lanciotti. M’invita ancora...
  Maria Lanciotti: C’era una volta il maestro unico. I racconti della nonna
  Maria Lanciotti: Caccia al pedone
  Vetrina – In libreria/ Maria Lanciotti. Flash
  Maria Lanciotti: Il paese di Natale dove accadono strani fatti e si parla in rima
  Maria Lanciotti: Questione di QI
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Meditando
  Maria Lanciotti: Invettiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. I colori della barbarie
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Leggi
  Maria Lanciotti. Il gioco del “Mai si sarebbe pensato”
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Assolo
  Petra VoXo. Dove sono finite le voci delle bambine?
  Maria Lanciotti: Vacanze in campagna. Terza parte
  Maria Lanciotti: la vergognosa controriforma di Mariastella Gelmini
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Veranda sul mare d’inverno...
  Maria Lanciotti: Un passo indietro
  Maria Lanciotti: Terra castellana
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Generazioni
  Monte Compatri. Maria Lanciotti per “Il Caligola riflesso”
  Maria Lanciotti. La voce della Luna
  Maria Lanciotti: Il sesto senso.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. La ballata del monsignore
  Lapegrama: “Come andarono i fatti” di Maria Lanciotti
  Maria Lanciotti: Aria di primavera
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Araldica
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Sempre
  In libreria/ Maurizio Rossi. “Riόne Munnu (Borgata Mondo)” di Maria Lanciotti
  A conforto di papa Ratzinger: L’importante per i bambini è non sentirsi figli di nessuno
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 1
  Spot/ Maria Lanciotti. E dirti ancora
  Maria Lanciotti: Vieni a me bambino, che t’insegno io l’educazione
  Maria Lanciotti. La Natura che combatte
  Maria Lanciotti. La Cina nel cuore
  Maria Lanciotti. La vera faccia del corteo contro l’inceneritore di Albano
  Maria Lanciotti: Ronda armata 1euro a notte per dormire come un angioletto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Bianco, più della bianca neve...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Carezze di aghi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Boom e controtendenza (1998)
  Maria Lanciotti su Storia dell'infelicità di Flavio Ermini.
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E tu ridevi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L’ultima freccia...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nuvole e fumo
  Maria Lanciotti: Un posto in paradiso per i porcelli che muoiono senza arrivare a Natale
  Maria Lanciotti. Natale all’ipermercato
  Maria Lanciotti: Aspettando Samuele
  Maria Lanciotti. Amal, la speranza migrante
  Maria Lanciotti. Augusto racconta.../ Ringo
  Maria Lanciotti. La memoria di chi c’era – 3
  I “Brevissimi” di Maria Lanciotti/ 1. Rione Mirafiori
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Mediterraneo
  Maria Lanciotti: Transumanza
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Seducente Natura
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Già tutto detto...
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Borgata Mondo
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non più picchi e strapiombi...
  Maria Lanciotti: L'ultimo Milingo a Zagarol
  Maria Lanciotti: Plico-Plico
  Salva con nome, Patrizia Garofalo
  Maria Lanciotti: Clemente e la sua bella ragazza
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Cavalieri
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Amore mio
  Maria Lanciotti. SpirAli – Appunti per un vissuto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Dieci haiku
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Romanza
  Vetrina/ Maria Lanciotti. A volte, il cielo... (1960)
  Maria Lanciotti. Stasera si cambia programma
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Casi
  Vetrina/ Maria Lanciotti. L'onda
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Non vedo bambini nel borgo
  A Monte Compatri il Villaggio di Gennaro
  Maria Lanciotti. Estate 1943 – Forse un ricordo, forse un racconto
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Brevemente
  Maria Lanciotti: La poesia quand’era al fronte. Ricordino di poesia sorgiva
  Vetrina/ Maria Lanciotti. E ancora sono
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Lungomare
  Vetrina/ Maria Lanciotti. Nossignori...
  Mario Rigoni Stern: "Il sergente nella neve". Ri-lettura di Maria Lanciotti
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy