Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria G. Di Rienzo. Bambine...
19 Aprile 2008
 

Allegria. Presto arriverà anche da noi. Lo ha prodotto il “gigante” dei supermercati Tesco e in Gran Bretagna costa solo quattro sterline. Si tratta di un reggiseno imbottito per bambine a partire dai sette anni. Avete letto bene, ma lo riscrivo: bambine di sette anni. Alcuni stilisti lo hanno definito «salace» poiché ha uno scollo basso fatto per mostrare «la pelle del seno». Un portavoce della Tesco ha difeso il prodotto asserendo che praticamente lo hanno fatto per il bene delle bambine: «che sono molto sensibili al loro aspetto, a quell'età».

Consola, nevvero, tanta comprensione. Potrebbero compiere un passo in più e distribuire i loro regginiente gratis, poiché io sono certissima che le bimbe sono sensibili, ma sono altrettanto certa che a sette anni non hanno seni di cui occuparsi, non ancora. E che dovrebbero spendere le quattro steriline, o l'equivalente in euro, in caramelle e pastelli, se non in libri come facevo io alla loro età.

La pressione sociale operata sulle piccole affinché appaiano “adulte”, e adulte significa appetibili sessualmente per gli uomini, non laureate o autonome tanto per dire, sta diventando insopportabile. Ad età sempre più basse le bambine si giudicano, e giudicano le altre bambine, basandosi sulle apparenze. La maggior parte dei giocattoli, e cartoni animati e programmi e libri per l'infanzia, a loro disposizione, le stanno spingendo pesantemente sulla strada della “principessa rosa” (fata, ballerina, modella), i cui scopi nella vita sono sognare, attendere e infine compiacere il “principe azzurro”. Per il quale sono disponibili solo gli attrezzi del supereroe macho (guerriero, cowboy, pilota, mostriciattolo corazzato).

*

Comincia qui, lo sapete. E sapete anche cosa diventa dopo. Diventa salari ineguali per le donne a parità di mansioni. Diventa il non trovare più la tua scrivania quando torni dalla maternità. Diventa il misero 24% dei seggi parlamentari europei occupati da donne (con la felice eccezione della Spagna) e il 90% maschile dei consigli d'amministrazione di tutta Europa. Diventa traffico di donne e bambine, violenza sessuale, prostituzione forzata. Diventa la proposta di un modello, per femmine e maschi, impossibile da raggiungere ai più, e quindi generatore di frustrazione, insicurezza, infelicità, rabbia. Dovremmo cominciare a rigettarlo, se abbiamo a cuore i nostri bambini e le nostre bambine, se davvero speriamo e vogliamo il meglio per loro.

Le pesanti penalità poste sull'essere donna in termini economici tiene le donne “al loro posto”, e così fanno il mutarne i corpi in pezzi di ricambio da consumo sessuale, il trasformare le bambine in donne con i reggiseni imbottiti, e incitare le adulte a buttare la loro vita nell'inutile tentativo di restare “ragazzine attraenti” con trucco, giarrettiere e chirurgia plastica. Inevitabilmente, ciò contribuisce a deprivarle di quel rispetto che meritano come esseri umani, e rende molto più semplice aggredire una bambina in pieno giorno nella metropolitana e tentare di stuprarla, perché di quella bambina e a quella bambina si continua a dire che non serve a nient'altro.

*

Io trovo molto interessante la stampa estera, soprattutto quando scrive dell'Italia. È sempre utile considerare come gli altri ti vedono dal di fuori. Per cui vi regalo in finale questo commento britannico sulla televisione nostrana: «È impossibile guardare la tv in Italia e farsi l'idea che nel paese ci siano donne intelligenti».

 

Maria G. Di Rienzo

(da Notizie minime della nonviolenza in cammino, 19 aprile 2008)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy