Domenica , 05 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Noi Alpi! Uomini e donne costruiscono il futuro” 
3° Rapporto sullo stato delle Alpi
29 Marzo 2008
 

È stato presentato nella serata di venerdì 28 marzo a Sondrio, nella Sala Vitali del Credito Valtellinese, “Noi Alpi! Uomini e donne costruiscono il futuro”, il terzo Rapporto sullo stato delle Alpi promosso dalla CIPRA, Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi.

La serata, che ha richiamato un numeroso pubblico, è stata promossa dal Parco delle Orobie Valtellinesi in collaborazione con la Sezione Valtellinese del Club Alpino Italiano e si è aperta con il saluto di Giulio Speziale, consigliere del Parco, di Gianluca Bonazzi, neo Presidente della locale sezione CAI, e di Guido Bellesini, presidente del CAI regionale.

A illustrare i contenuti del volume è stato il Presidente di CIPRA Italia, Oscar Del Barba, che si è soffermato sul ruolo della Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi, associazione internazionale nata nel 1951 che unisce otto Stati della regione alpina nell’impegno a favore dello sviluppo sostenibile delle Alpi.

«L’obiettivo è tutelare l’ambiente naturale alpino nel rispetto delle esigenze della popolazione locale», ha spiegato Oscar Del Barba «e integrare ambiente, società ed economia in un quadro transnazionale e intersettoriale». «Il terzo Rapporto sullo stato delle Alpi», ha continuato, «è una sintesi di esperienze esemplari che attuano i principi e le strategie di sviluppo delineati nella Convenzione delle Alpi, sottoscritta nel 1991 dagli Stati alpini e dall’Unione europea, e nei protocolli attuativi».

Sono quindici i progetti riportati nel libro che documentano, attraverso reportage e suggestive immagini in bianco e nero, concreti modelli di sviluppo sostenibile in diverse località della regione alpina. Fra questi il Comune di Budoia, in Friuli, piccolo centro di 2.500 abitanti, è l’artefice del progetto “Mensa Bio”, che ha risposto all’esigenza dei più piccoli di mangiare sano attraverso una filiera di prodotti locali di qualità, impiegati per preparare ogni giorno 150 pasti serviti nelle mense scolastiche.

Sul fronte del risparmio energetico è Wildpoldsried, in Algovia, a rappresentare un caso esemplare di «politica illuminata del clima che consente di produrre, da fonti rinnovabili, il doppio dell’energia elettrica necessaria al proprio fabbisogno», mentre nella regione austriaca del Vorarlberg, dove una casa su cinque è costruita in legno, il bosco diventa protagonista nella cultura dell’abitare grazie al “Consorzio qualità costruzioni in legno”.

I modelli virtuosi investono anche i settori della pianificazione territoriale, del turismo e dei trasporti, ambito nel quale emblematica è la riattivazione della linea ferroviaria Bolzano - Malles, in Val Venosta, dove i treni trasportano ogni anno oltre due milioni di passeggeri, con l’equivalente di mille tonnellate di anidride carbonica in meno emesse nell’aria.

Vicino alla realtà valtellinese è, infine, il progetto del Polo Tecnologico di Poschiavo, coordinato dal Presidente Cassiano Luminati, che nel 2005 si è aggiudicato il premio “Buona pratica per lo spazio alpino” al concorso “Futuro nelle Alpi” promosso da Cipra.

«Il Polo di Poschiavo è un centro di competenza per la formazione continua e l’accompagnamento di progetti di sviluppo riconosciuti a livello cantonale e federale», ha spiegato Luminati, «che mantiene gli intenti e le finalità del Progetto Poschiavo nato nel 1995 per portare nuove tecnologie al servizio di una regione periferica».

Il Polo Poschiavo, che promuove corsi di formazione innovativi anche in collaborazione con enti e università nel campo della comunicazione, dell’amministrazione e dell’informatica, videoconferenze e programmi specifici per operatori sanitari, dal 2002 al 2007 ha attivato una media di trenta corsi all’anno richiamando oltre 1.600 partecipanti in un bacino territoriale che conta poco più di 6.600 abitanti, con l’80% della popolazione che utilizza abitualmente Internet, dimostrando come una valle alpina possa superare l’isolamento ed essere in rete con il mondo.

La seconda parte del volume fornisce utili indicazioni per la lettura dei progetti e la comprensione dei possibili processi di sviluppo dell’arco alpino, mentre la parte conclusiva riporta i dati statistici, raccolti nel corso del complesso studio condotto dalla Cipra “Futuro nelle Alpi“, sul quale si fonda il terzo Rapporto, relativi a economia, sviluppo demografico e territoriale.

 

Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.cipra.org.

 

Consorzio Parco delle Orobie Valtellinesi


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy