Martedì , 21 Maggio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
Vignetta di Tyto (www.davidpuente.net)
Vignetta di Tyto (www.davidpuente.net) 
06 Settembre 2007
 

Delle prossime liberalizzazioni se ne sente parlare con frequenza, specialmente in un periodo come questo dove, quasi alla ripresa dei lavori parlamentari, i politici di governo e non si alternano ai vari palchi delle feste di partito. Il quadro, dal nostro osservatorio fatto di concretezza e “piedi per terra”, è abbastanza fumoso e, viste le esperienze precedenti, ci sentiamo di dare alcune indicazioni al ministro Pierluigi Bersani.

Per quanto riguarda le urgenze, ne mettiamo solo una: l'approvazione dell'azione giudiziaria collettiva, quella class action che, per il fatto stesso di esistere (non come soprammobile del comò degli industriali, così come paventato da alcune proposte), rappresenterebbe un deterrente contro le numerosissime azioni illegali e truffaldine che i fornitori di servizi di largo consumo (telefonia in primis) perpetuano nei confronti dei consumatori.

Il metodo, invece, è il cardine di tutto.

Le difficoltà maggiori delle precedenti tornate sono state che all'annuncio non c'è stato seguito o –peggio– è accaduto il contrario (la vicenda dei taxisti grida vendetta). Calibrare, quindi, dove e su cosa fare proposte, che abbiano non solo un valore ideale ma una possibilità concreta di divenire leggi e regole mandando a casa monopoli, oligopoli e corporazioni.

Ci rendiamo conto che non è facile, ma indirizzare i propri sforzi su poche cose fattibili, serve a tutti e spianerebbe meglio la strada alle prossime liberalizzazioni. Il ministro Bersani probabilmente ha intuito non poche difficoltà e, per questo, ha paventato anche l'arma del referendum per superare l'immobilismo e le croste del Parlamento. Crediamo sia sbagliato e populista: il referendum previsto dalle attuali leggi non è agibile se non si è supportati da grandi mobilitazioni e dai partiti che contano in Parlamento. Anche senza entrare nel merito dei limiti imposti dal fatto che si tratta di referendum abrogativi e che alcune materie ne sono escluse, fintanto che i referendum saranno considerati validi solo se partecipa al voto il 50% più uno degli aventi diritto, questi strumenti di democrazia diretta sono solo in mano a chi ha già il potere (di governo o di opposizione poco importa) e può controllare/manipolare i flussi di partecipazione. Paesi in cui i referendum funzionano e contribuiscono al processo legislativo (Svizzera e California, per esempio) non hanno questi quorum.

La centralità del Parlamento, allo stato, non è quindi in discussione e non possiamo che adeguarci. Il ministro, selezionate le tematiche realmente suscettibili di avere nuove regole liberalizzatrici, potrebbe stimolare un ampio confronto in tutto il Paese, anche sui media, coinvolgendo tutti i soggetti interessati, perché diano il loro apporto di idee e consigli per aiutare il Parlamento ad essere più veloce e concreto. Questo confronto non dovrebbe essere affidato solo all'estemporaneità di questa o quell'altra festa di partito o degli interessi delle categorie coinvolte, ma potrebbe essere proprio pianificato, così come si fa per una campagna pubblicitaria dove, però, non sarebbe sufficiente il messaggio dal committente all'utente passivo, ma è necessaria l'interattività tra i due soggetti. Uno spot sulla televisione, per esempio, non dovrebbe essere fine a se stesso ma dovrebbe chiamare alla partecipazione, a dire la propria ad un interlocutore, sia in un luogo fisico che virtuale.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Class action. Da bandiera di ricatto politico a strumento concreto?
  Class Action. Non ha torto il ministro Claudio Scajola...
  Class action. Cosa teme la razza padrona
  Vincenzo Donvito. Pompieri al Senato per leggi già annacquate
  Class Action. A che gioco sta giocando il Governo?
  Class action. No all'emendamento Manzione in finanziaria
  Class Action. Ancora rinvio? Il terrore della giustizia nel mercato
  Vincenzo Donvito. Class action, class action delle mie brame.... Così comincia il 2009
  Class action. Verso il ritiro dell'emendamento?
  Class action. I diritti fondamentali che la legge voluta dal Governo non tutelerà mai
  Class action. Confindustria allo sbaraglio
  Class action. Presentato disegno di legge per una profonda modifica
  Vincenzo Donvito. Class Action: non ci sarà mai in Italia!
  Emmanuela Bertucci. Ma quale class action mondiale...
  Bertucci e Donvito: Class action. Nuovo testo va meglio, ma preoccupa l'ostracismo di Confindustria
  Class action. Verso il regime autoritario e sfascista con l'appoggio dei media?
  Transazione 'class action' Parmalat: un piccolo risultato è meglio di niente
  Class Action. Bene l'emendamento del Governo
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Class action: continueremo a vederla nei film americani
  Class Action. Dovunque vai, privato o pubblico, cenci in faccia ai cittadini
  Perché voterò e voterò no ai tre referendum elettorali del 21 e 22 giugno
  Giuseppe Civati. Se la mobilitazione muove dal Sud
  A proposito della reintroduzione del proporzionale
  Si firma per “Ero straniero – L’umanità che fa bene”
  Enea Sansi. Referendari e referendum
  Radicali Italiani impegnati per la riforma dell'istituto referendario
  Via la cattiva modifica della Costituzione; adesso via la pessima legge elettorale!
  Benedetto Della Vedova. Ipocrisie degli astensionisti di ieri e di oggi sui referendum
  17 aprile 2016. Referendum sulle trivelle in mare
  Raniero La Valle. La legge beffa
  Nuovo sondaggio. Quella piccola ma urgente riforma costituzionale...
  Elezioni. A Firenze le illegalità: induzione al non-voto referendario nei seggi
  Farmacisti e referendum. Bene gli obiettivi ma attenti alle false sirene
  Rita Bernardini e Marco Cappato. V-Day: benvenuto a Grillo sui referendum. Ci saremo...
  Carlo Onofrio Gori. Battiquorum
  Piccoli esperimenti di democrazia
  Referendum. Contro lo sfascismo, proposte di legge per la riforma
  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy