Domenica , 25 Giugno 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Massimo Citi. In controtempo
18 Agosto 2007
 

Massimo Citi

In controtempo

CS Libri, pagg. 170, € 14,00

 

Massimo Citi si definisce un libraio eversivo, uno di quelli che piacciono ai piccoli editori e agli autori underground, uno che ama cercare e consigliare, che non si limita a esporre pile di best-seller all’ingresso del negozio. Massimo Citi manda avanti con passione anche una bella rivista di segnalazioni librarie come Libri Nuovi ed è uno degli animatori del progetto ALIA sulla narrativa fantastica.

In controtempo è il suo primo libro, una raccolta di otto racconti scritti dal 1993 al 1995, che seguono la lezione dei migliori Landolfi e Calvino, strada poco battuta dagli autori italiani impegnati a raccontare la circonferenza del loro ombelico. La narrativa fantastica è un genere poco considerato, spesso viene etichettata come letteratura di serie B (la definizione fa sorridere), così come il cinema fantastico non è reputato degno di attenzione dalla critica che conta. Nella nostra letteratura, invece, il racconto gotico, l’horror soprannaturale, le leggende di vampiri, streghe, maledizioni e antiche credenze hanno un posto di tutto rispetto, pure se limitato alla narrativa popolare. Autori importanti che si sono occupati di trame fantastiche sono davvero pochi. A parte Landolfi e Calvino, restano solo gli scrittori pulp degli anni Settanta (I racconti di Dracula, Le storie della cripta), il cinema fantastico di Bava, Margheriti, Ferroni, Fulci e altre storie interessanti, ma sempre poco letterarie. Massimo Citi prova a unire i due aspetti della narrativa fantastica e senza indugiare sugli aspetti spettacolari delle vicende, senza farsi prendere la mano da atmosfere splatter o gore, realizza racconti che seminano inquietudine e angoscia ispirandosi alle costruzioni del vecchio racconto gotico. Le storie di Citi sono fatte di suggestioni, l’orrore e il mistero vengono soltanto suggeriti e lo stile è molto alto, letterario. Basta leggere qualche passo: «La luce penetra come un assediante, entra dalle serrande crollate obliquamente o dai pertugi lasciati tra le assi inchiodate, filtra sotto le porte sbarrate, ma è una luce grigia, senza colore». Oppure: «La finestra al secondo piano è inchiodata, alcune assi lasciano passare pochi fili di luce che si allargano a fotografare il moto della polvere». L’autore possiede uno stile proprio, molto descrittivo e denso di contenuti, elaborato con anni di letture importanti e allenamento quotidiano. Non è uno stile da best-seller, per fortuna, niente a che vedere con i thriller della Piemme, ma è uno stile fondato su un uso colto della lingua italiana. Di questi tempi non mi pare poco.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.4%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy