Martedì , 16 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Visita a Vho, alla misteriosa Scribàita e ai ruderi di Misciöo 
A cura del Centro di studi storici valchiavennaschi
La Scribàita (foto Luca Merisio)
La Scribàita (foto Luca Merisio) 
23 Maggio 2007
 

Continuando il programma di visite guidate, iniziato nel 2006, il Centro di studi storici valchiavennaschi ha scelto per sabato 26 maggio il nucleo di Vho in comune di San Giacomo Filippo, citato la prima volta in un documento del 1176. Questo singolare toponimo, peraltro attribuito anche a una frazione di Piadena nel Cremonese, di Villaresso nel Lodigiano e di Tortona, si fa derivare da vadum latino, cioè guado; in val San Giacomo infatti si deve passare il torrente Liro per raggiungere le case, poste sulla sponda destra.

Il ritrovo è fissato alle ore 14:30 di sabato 26 davanti alla chiesetta del paese lungo la Via Spluga, che si raggiunge deviando a sinistra oltre Lirone, prima di entrare nell’abitato di Cimaganda. Una prima cappella era stata costruita nel 1749 e dedicata ai santi Antonio di Padova e Giovanni Nepomuceno, ma l’alluvione seguita al nubifragio del 27 agosto 1834 la travolse, danneggiando gran parte dell’abitato e distruggendo il tratto di strada carrozzabile dello Spluga aperta appena dodici anni prima dall’ingegnere bresciano Carlo Donegani lungo il fondovalle in sponda sinistra. La chiesetta fu poi ricostruita più a monte, dov’è oggi.

I partecipanti saranno poi condotti alla misteriosa “Scribàita”, ai piedi dello Stuzzo, costituita da un rettangolo incavato nella roccia largo oltre una dozzina di metri con misteriose incisioni a cassetta, ritenute una ottantina di anni fa opera sacra dedicata a una divinità, forse il dio Mitra, il cui culto era praticato nel III e IV secolo d.C., e oggi luogo destinato a ricevere una lapide commemorativa della carrozzabile ottocentesca dello Spluga, che passava accanto.

La visita, gratuita e aperta a tutti, sarà guidata dal prof. Guido Scaramellini e dal dott. Paolo Raineri, e si concluderà a Misciöo di Cimaganda, sulla sponda destra del Liro, dove sopravvivono vasti ruderi di un nucleo abitato fino all’ultimo dopoguerra.

 

(da 'l Gazetin, maggio 2007)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy