Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ulderico Munzi. Gli aquiloni non volano più 
La storia di un aviatore morbegnese in Finlandia
19 Aprile 2007
 

Ulderico Munzi

Gli aquiloni non volano più

Sperling & Kupfer, 2007, pagg. 200, € 17,00

 

Uscito nel mese di Marzo 2007, si vuole recensire qui questo libro perché narra la vita avventurosa e tragicamente eroica di Diego Manzocchi, cittadino di Morbegno, pilota di aerei da caccia caduto nel cielo di Finlandia l’11 marzo 1940, tre giorni prima della firma dell’armistizio che pone fine alla guerra finno-sovietica dell’inverno 1939-1940.

L’Autore, a seguito di una minuziosa e documentata ricerca descrive con un taglio piacevolmente narrativo le vicende della breve ma intensa vita di questo nostro concittadino, caduto a ventisette anni nel Nord Europa.

Diego Manzocchi nasce a Morbegno il 26 dicembre 1912 e, come detto, muore nel territorio di Iitti in Finlandia dopo un atterraggio di fortuna su un lago ghiacciato (benché ferito in modo grave, riesce a conservare pressoché intatto il suo aereo).

Ora riposa, decorato della massima onorificenza conferita dalla Nazione Finnica, nel cimitero degli Eroi di Helsinki, riquadro 40, tomba 1055.

Ulderico Munzi narra con passione e con particolare verve la vita del Manzocchi, dapprima durante la sua giovinezza a Morbegno, poi nell’Aeronautica Militare dove, conseguito il brevetto di pilota con il grado di sergente maggiore, viene inviato in Libia, allora governata da Italo Balbo che ne apprezzerà le doti di valente pilota.

Rimpatriato viene destinato all’aeroporto militare di Cameri, vicino a Novara, con funzioni di istruttore per gli allievi piloti.

Il 29 settembre del 1939 Diego decolla e “fugge” alla volta della Francia, divenendo di fatto disertore.

Perché questo gesto così “eclatante” durante il regime fascista?

Da un lato per il carattere un po’ ribelle e insofferente a quel regime di cui già in terra libica aveva vissuto la violenza e irrazionalità, dall’altro lato …per raggiungere a Parigi una donna di cui si era follemente invaghito!

Il suo soggiorno in Francia dura poco tempo: il 25 gennaio 1940 parte da Parigi e si arruola volontario nell’aviazione finlandese; qui troverà gloriosa morte nella battaglia per la difesa dall’aggressore russo.

Ulderico Munzi ha saputo ricostruire mirabilmente e con passione la vita di questo eroe caduto a 27 anni che Morbegno ha voluto ricordare nel Tempietto di tutti i Caduti nella seconda guerra mondiale.

 

Arrigo Giovanni Zecca


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy