Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Marisa Cecchetti. “Il portale” di Laura Pierdicchi
12 Giugno 2021
 

Una riflessione sull’esistenza, sul presente e su un altrove di cui si intravede lontana la luce dal portale, è la linea che attraversa la silloge di Laura Pierdicchi, percorsa dalla vibrazione di un dolore diffuso, alleviato da una profonda consapevolezza e da una sostanziale speranza. Questo perché fondamentalmente “siamo destinati/ a riunirci al Tutto”, parti minuscole di un progetto che “esiste da sempre/ senza tempo/ in un eterno presente”.

Viviamo tuttavia cogliendo solo l’apparenza delle forme, il mondo oggettivo di cui conosciamo ben poco, con un velo che ci impedisce di cogliere il reale.

Cellule in movimento, facciamo parte dell’energia dell’universo, di cui percepiamo il vibrare, in un disegno a noi incomprensibile, mentre percorriamo il sentiero tortuoso della vita, consolati dalla certezza che “porta di sicuro/ dove inizia la luce”, attratti dal “richiamo di una forza superiore”.

Nel nostro percorso dove “niente/ succede per caso/ nella continuità/ del nostro trascorrere” – dicono i versi della Pierdicchi – “siamo sempre gli stessi/ ma sempre diversi”; cellule in movimento, il nostro divenire si arricchisce al contatto con gli altri.

Ma regna il silenzio intorno, i contatti umani divenuti impossibili in una fase storica malevola: “uomo gigante/ ora in ginocchio/ in attesa/ che il cosmo si plachi/ e perdoni”.

I soliti muri contengono come in una prigione. Il passato consola con aperture alla gioia di vivere “tornano aromi/ tra la brezza del mare/ il bruciare dei raggi/ tornano vividi/ tra respiri eccitati” ma i ricordi sfumano presto e non bastano a “rimpiazzare l’arsura”. Purtroppo è condizione umana scoprire troppo tardi la bellezza di ciò che si ha.

Le assenze sono dolorose, la fantasia può aiutare ad elaborarle, perché se i sentimenti sono reali e profondi, nulla si perde: “Il vero sentire non scade”.

Poiché facciamo parte della energia dell’universo, riusciamo a percepire l’invisibile presenza dell’altro: “qualcuno è entrato”, ed allora il silenzio non porta più smarrimento: “Ora il silenzio/ è abbraccio accogliente/ anche se i segni/ in ogni stanza/ sono frasi assordanti”.

L’altro è una presenza-assenza, “un modo per dare luce/ allo spazio dell’ombra” e per fortuna si può tornare ad una realtà confortante con la fantasia: “ascolto voci/ e sento abbracci/ mi separo/ e galleggio”.

Intanto il vento che smuove i semi è indizio di un nuovo principio.

 

Marisa Cecchetti

 

 

Laura Pierdicchi, Il portale

Biblioteca dei Leoni, 2021, pp. 80, € 10,00


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy