Venerdì , 12 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giovanni Maria di Lieto. Quando la moralità professata diventa demagogia 
Riflessioni su piano vaccinale, categorie, avvocati
14 Marzo 2021
 

Si legge sul Fatto Quotidiano on line del giorno 11 marzo: «Vaccino, le categorie che saltano la fila (grazie alle Regioni). Dagli avvocati ai giornalisti: ecco chi scavalca gli anziani e i fragili […].

Le “caste professionali" si sbracciano per prenotarsi un posto in prima fila a scapito di malati gravi e soggetti realmente a rischio […].

Dietro al sorpasso, manco a dirlo, le regioni e quel Titolo V che consente loro di far quel che vogliono, fino a trasformare una prestazione sanitaria salva-vita in una scelta discrezionale a favore dei più rappresentati, dei più influenti e in definitiva dei più forti. A scapito, manco a dirlo, dei più deboli che avrebbero più diritto. Uno scandalo».

Mi voglio occupare della categoria alla quale appartengo, quella degli avvocati.

È importante subito sottolineare che il problema non è tanto quello del rischio legato all’esercizio della professione. A maggior ragione nel tempo corrente, scandito prevalentemente da depositi telematici di atti giudiziari o comunque da udienze disciplinate e calendarizzate nel loro svolgimento (quando addirittura si svolgono in remoto). L’avvocato penalista però va detto ha necessità di una maggiore frequentazione di persona delle sedi giudiziarie.

Non è tanto questo il punto, né penso che quello che viene chiesto sia di creare una corsia preferenziale, a danno dei più deboli o di chi ne ha diritto.

Si tratta di chiedere alla politica che venga dato il giusto riconoscimento in linea di principio (sottolineo “di principio”) al ruolo dell’avvocato e quindi di dare risposta ad una precisa esigenza di uno Stato di diritto.

La questione rilevante è quella del diritto di difesa che è costituzionalmente garantito (art. 24 Costituzione: “La difesa è diritto inviolabile in ogni stato e grado del procedimento”) e del rapporto fiduciario che intercorre tra l’avvocato e il proprio assistito, della particolare funzione che svolge l’avvocato. In questo senso e nel caso concreto della pandemia, ha senso parlare di servizio pubblico essenziale svolto dall’avvocato e di non sostituibilità dello stesso.

Mi spiego meglio: quel cittadino ha creato nel corso degli anni un rapporto fiduciario con il proprio avvocato. Quell’avvocato - si occupi di diritto civile, penale, amministrativo è indifferente - è garanzia di difesa del cittadino e di tutela dei suoi diritti ed interessi legittimi. Questa esigenza di difesa ha dignità costituzionale. Qualsiasi questione, indipendentemente dalla sua natura o valore, merita eguale garanzia e riconoscimento, ha eguale diritto ed aspettativa di tutela.

Se l’avvocato si ammala per covid, il cittadino perde, per il tempo che sarà, la sua forma di tutela (difesa). E il rapporto fiduciario costruito in anni di rapporto professionale non può essere facilmente sostituito “in corsa”. In questo senso, lo Stato di diritto perde qualcosa in termini di valori da tutelare e di principi da far valere.

E i termini per ricorsi, citazioni, e altre iniziative giudiziarie nel processo attualmente non sono sospesi (non v’è alcuna sospensione straordinaria in corso dei termini processuali).

In questo senso, la funzione giurisdizionale (che è quella del Giudice) è imparziale, ma “impersonale”. Non deve cioè interessare al cittadino la persona del Giudice che decide sulla sua questione. Il Giudice è imparziale per legge. L’avvocato è “di parte”, cioè assicura la difesa di diritti ed interessi legittimi del cittadino nel caso concreto, in virtù di un rapporto fiduciario e personale che è spesso risalente nel tempo. All’avvocato interessa la verità processuale, accertata in un giudizio, non la verità storica.

Che l’avvocato abbia una tutela “rafforzata” del proprio diritto alla salute in questo particolare momento storico mi sembra rispondere a principi e valori di garanzia di uno Stato di diritto.

È banale ed erronea semplificazione a mio avviso sostenere che la categoria stia esercitando poteri forti e di privilegio ai danni dei fragili e dei deboli.

È fare invece legittima questione di principio ed essere lato sensu “garantisti” sostenere che la figura dell’avvocato merita non tanto una “priorità” ma un giusto riconoscimento nell’ambito del piano vaccinale, senza che questo voglia dire prevaricare ai danni di chi vanta legittimamente un diritto di tutela della propria salute (malati, anziani, categorie a rischio, etc.) che deve avere naturalmente priorità.

Sentire poi parlare di “casta”, mi dà una sensazione come di diffusa “cartavetro sulla pelle”. Io vengo da un assiduo nel tempo percorso professionale di studi e di impegno e di dedizione al lavoro. E mai (sottolineo il “mai”) ho goduto di alcun privilegio. Larghissima parte dei miei colleghi avvocati svolgono la professione con lo stesso metodo, impegno e dedizione. Se poi vi siano o meno “incrostazioni” di potere, credo che queste non siano estranee a qualsiasi attività della vita pubblica e sociale (politica, professioni, economia, banche, giornalismo, etc.).

Il punto è che la richiesta di moralità, professata ad ogni costo, non deve diventare qualunquismo giustizialista e demagogia.

Cerchiamo di dare al lettore una visione e una prospettiva giusta delle cose e dei fatti che lo induca ad una riflessione cauta e ragionata dell’attualità e della storia.

 

Giovanni Maria di Lieto


Articoli correlati

  Mellana. Altro che resurrezione...
  Emmanuela Bertucci. Vaccini e avvocati. I deboli pagano per il potere della lobby
  Mellana. Un vaccino very macho
  Mellana. La vignetta della settimana fiacca
  Vita da cani/ #PossoPor­ta­re­il­Ca­ne­Fuori
  Mellana. Stretti tra scienza a superstizione
  Mellana. Coprifuoco
  Oltre le indicazioni
  Anna Lanzetta. Invito alla lettura
  Lombardia. Continua la quarantena del Consiglio Regionale
  Mellana. Quel che è fatto è reso
  Linda Pasta. Covid-19: “Mission possible: limitare il contagio”
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune considerazioni geo-sociali. (I parte)
  Agustín. Ponzio Pilato
  Roberto Malini. Il coronavirus somiglia all’influenza di Hong Kong del 1968
  Michele Tarabini. Non raccontiamocela così tragica
  Emmanuela Bertucci. Coronavirus: Quando il diritto alla salute diventa dovere di salute
  Carlo Forin. Seconda dose oggi a Vidor di Treviso
  Maria Lanciotti. In quarantena con l’istrice
  Enrico Bernardini: Enoturismo. Esempi di buone pratiche ai tempi del coronavirus
  Vincenzo Donvito. Coronavirus/ Occhio al ‘giorno del vaccino’, quando ci sarà…
  Mellana. Un tampone fiscale
  Roberto Malini. Ansia da pandemia
  Rosella Reali. I nostri eroi quotidiani
  «Gli uccelli» di Hitchcock, il progresso che implode e le logiche del virus
  Carlo Forin. Primavera 2020
  Giovanni Maria di Lieto. Obbligo vaccinale, prevalenza dell’interesse pubblico sulla libertà individuale
  Giuseppina Rando. Movide selvagge del “bel paese”
  Vetrina/ Michele Tarabini. Respiro corto
  La sanità divisa nell’Europa unita
  Sandra Chistolini. Il Coronavirus visto dai bambini della scuola dell’infanzia all’aperto
  Scescio. Ciao 2021
  Tonaca e mascherina. La CEI al tempo del Covid
  Renato Ciaponi. Un grazie sentito ai negozi di vicinato
  “I sopravvisuti”
  Michele Tarabini. Vivere o tirare a campare?
  Mellana. Diogene
  Vincenzo Donvito. Il populismo sanitario
  Vetrina/ Michele Tarabini. Il grande nemico
  Nicoletta Varani. Covid-19 in Africa: alcune con­si­de­ra­zio­ni geo­eco­no­mico-sociali. (II parte)
  Coronavirus: predisponete un piano per proteggere le persone anziane più indigenti
  Mellana. In arrivo nuove mutazioni
  Mellana. La negatività che ci piace
  Mellana. Vignetta peripatetica
  Sergio Caivano. Maledetto coronavirus covid 19
  Ai medici e agli infermieri che curano l’umanità
  Roberta De Horatis. Hic et nunc
  Vetrina/ Pina Gennuso. Noi
  Michele Tarabini. Retoriche banalità
  CIA Manzoni. La lezione si fa alla radio
  Carlo Forin. Distanziamento
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Mellana. Una mano lava le altre
  Carlo Forin. La strategia del boa
  Michele Tarabini. L’ingiustizia è uguale per tutti
  Sandra Chistolini. Scuola con il “vademecum” senza “lockdown”
  Mellana. Lo sballo in maschera
  Almor e Mellana. L’invenzione della ruota
  La scuola a prova di coronavirus
  Sopra la maschera investo me stessa
  Carlo Forin. L’opportunità della cittadinanza unica
  Stati Uniti d'Europa. Coronavirus: prima gli italiani?
  Mellana. Ad ognuno come le pare
  Mellana. Astrazeneca
  Linda Pasta. La corrida del coronavirus
  Giovanni Maria di Lieto. I tempi correnti, l’etica privata, l’etica pubblica
  Michele Tarabini. Pandemia e Diritto: riflettere e vigilare
  Paola Mara De Maestri. Corona Virus
  Linda Pasta. Inquinamento atmosferico e diffusione del virus
  Giuseppina Rando. Si riaprono i cancelli delle scuole, finalmente!
  Coronavirus oltre i numeri
  Mellana. Il monumento all’eroe sconosciuto
  Giulia Crivellini. Dividersi in tifoserie persino su un virus?
  Vita da cani/ Come comportarsi con i cani delle persone in quarantena
  Guido Monti. “Per il diritto alla salute, nessun profitto sulla pandemia”
  La maestra Mara e le sue storie per i bambini
  Michele Tarabini. La rinascita interiore
  Giuseppe Leocata. Oggi più vicini o più lontani rispetto a ieri? L’effetto del Covid.
  Mellana. Tutti a sciare!
  Nel tempo angusto e oscuro del Coronavirus
  C. Ruscigno, G. Monti. Covid-19, una risposta europea
  Vetrina/ Michele Tarabini. In un incubo
  Mellana. Tutto andrà benissimo
  Agustín. Le cose più importanti
  Mellana. Un settore ancora trainante
  Giuseppina Rando. Covid 19: “lectio magistralis”
  Giuseppina Rando. Si recita a soggetto…
  Carlo Forin. Cesserà il 31 marzo 2022 l’emergenza covid iniziata il 10 marzo 2020
  Enrico Bernardini. Turismo in Italia: alcuni riflessioni a seguito dell’emergenza Covid-19
  Laboratori virologici e ricerca nucleare: è necessario che operino alla luce del sole
  Carlo Forin. Farò il terzo vaccino
  Carlo Forin. Primavera 2021
  Michele Usuelli. Regione Lombardia: Consiglio in auto-quarantena
  Maria Lanciotti. A tu per tu con il Covid-19
  Paola Mara De Maestri. Le nuove generazioni oggi e domani
  I tempi correnti. Giannino di Lieto, una scrittura poetica che rende lezione
  Giovanni Maria di Lieto. Osservando la crisi di governo...
  Giovanni Maria di Lieto. Per non dimenticare Stefania Venturini
  “Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna” (Oscar Wilde)
  È morto Giorgio Bàrberi Squarotti
  Giannino di Lieto: “una lezione poetica cólta e sofisticata”, una ricerca raffinata ed estrema, un “comporre sontuoso”*
  Giovanni Maria di Lieto. Regole, principi, aspettative di buon governo della comunità locale e di “Politica 2.0”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy