Domenica , 31 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Governo. Bonafede e Trilussa 
Ancora sulla blocca prescrizione (che dovrebbe servire “a condannare i colpevoli”)
05 Febbraio 2020
 

Roma – Trilussa (1871-1950) è stato un poeta noto per le sue composizioni romanesche.

A proposito del re degli Unni, Attila (395-453 d.C), Trilussa compose un divertente poemetto, che riportiamo:

Attila, er Re più barbero e feroce,
strillava sempre: dove passo io
nun nasce più nemmeno un filo d’erba!

Ci è venuto in mente Trilussa, quando abbiamo sentito la dichiarazione del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, a proposito della legge da lui proposta, e approvata dal M5S e dalla Lega, che abolisce la prescrizione. “È una battaglia di civiltà”, sostiene.

Il fatto è che la “battaglia di civiltà” bonafedista ha lasciato il campo del diritto senza un filo d'erba: chi sarà colpito saranno gli innocenti e i danneggiati che rimarranno in attesa di un “fine processo mai”. Altro che condanna dei colpevoli!

A dimostrazione della inutilità della legge Bonafede, ai fini del perseguimento dei colpevoli, ci ha pensato lo stesso ministero di Giustizia, pubblicando i dati relativi alla prescrizione nell'iter giudiziario:

a) Il 53% si prescrive nella fase delle indagini.

b) Il 22% in Tribunale ordinario (primo grado).

c) Il 23% in Corte d'Appello (secondo grado).

d) Il 2% con il Giudice di Pace.

Si sostiene che gli avvocati ricorrono ad artefici per allungare i processi e arrivare alla prescrizione per i loro clienti.

È appena il caso di notare che più della metà (53%) dell'iter giudiziario, che porta alla prescrizione, si svolge senza che gli avvocati difensori possano intervenire; come si dice, in termine calcistico, “non toccano palla”.

La stragrande maggioranza dei processi, il 75% (53% più 22%), ovvero, 3 su 4, va in prescrizione entro il primo grado di giudizio.

Chiunque porrebbe l'attenzione sul quel 75% di processi che vanno in prescrizione, invece, il ministro Bonafede, si occupa della minoranza, cioè del 23% dei processi restanti.

La caccia ai voti è sempre in movimento.

 

Primo Mastrantoni, segretario Aduc


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy