Martedì , 26 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Marisa Cecchetti. “Cambiamenti di stato” di Giovanni Sato
28 Marzo 2019
 

Torna una raccolta di poesie di Giovanni Sato, Cambiamenti di stato, dopo Le metamorfosi dell’amore del 2016. Come nel pensiero eracliteo del “panta rhei” (πάντα ῥεῖ) tutto scorre, allo stesso modo Sato coglie il continuo ed eterno mutare delle cose. Niente rimane uguale a se stesso, mai. Del resto secondo Eraclito un fiume solo apparentemente rimane uno, infatti non è possibile tuffarsi nello stesso fiume una seconda volta, perché, scorrendo l’acqua, il fiume non sarà più quello di prima. Scrive Sato: “E così il fiume ci attraversa/ e noi ci poniamo con lui/e scorriamo con le labbra aperte/alle novità dell’acqua”.

Sato coglie il moto continuo all’interno di ogni elemento, come se la presenza divina si manifestasse e vibrasse in ogni parte del creato: “Gli alberi invece/ cambiano forma/ ed ogni ramo ha una sua via/ e da essa un’altra si forma”. In questo divenire l’uomo si identifica con gli elementi naturali, è una parte del tutto: “Viviamo la stagione/ seguendo le sue forme:/ ora siamo foglie/ ed ora fili d’erba/ che con lievi pensieri/ le attendono cadere”.

Si trasformano continuamente i rapporti umani ed anche l’amore: “Cambiando stato/ potremmo trovarci sulla riva/ come nel giorno dei primi baci”. L’amore infatti è il tema prevalente della raccolta, amore che lega il creato -un rimando al De Rerum Natura lucreziano?

La poesia di Sato è carica di una forte e non celata fisicità, di umori, di mani che cercano, di unione di corpi. Il fiore, la rosa, il giardino dell’amata, ritornano frequenti con evidente significato metaforico, come ritornano le notti attese per l’amore: “Amo/ l’avvolgente tocco della tua rosa/ e il tuo bacio che tutto sfiora”; “e lungamente dentro/ nella tua rosa stare”. Se la notte è attesa, l’alba regala ancora la presenza preziosa di lei, presenza indispensabile alla vita: “E se mi raccogliessi/ come una sperduta conchiglia/ e mi tenessi al tuo collo/ tutto il tempo della vita”.

Peccato che per dire tutto questo si attinga continuamente alle parole cuore e amore, che stanno ormai scomparendo anche dalle canzoni. E si corra il rischio di cadere, di conseguenza, in luoghi comuni. Non necessario un tentativo di poesia in Inglese.

 

Marisa Cecchetti

 

 

Giovanni Sato, Cambiamenti di stato

Biblioteca dei Leoni, 2018, pp. 336, €14,00


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy