Lunedì , 19 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nuovi incontri/ Angelo Copelli, artista di strada 
di Paola Mara De Maestri
17 Luglio 2018
 

Ho avuto occasione di conoscere personalmente e collaborare con l’artista Angelo Copelli qualche anno fa, nella Casa della Cultura di Talamona, quando ho partecipato con lui ad una serata di letture poetiche, dopo averlo visto all’opera a Caiolo anni addietro. Casualmente l’ho ritrovato a Sondrio nella primavera di quest’anno e mi ha subito omaggiato di uno dei suoi ultimi libri. È stata l’occasione per attivare un paio di collaborazioni nel mese di giugno nell’ambito di “Arte nel chiostro” e “Mostra del Collezionismo” a Morbegno, con l’iniziativa di poesia e musica del Laboratorio Poetico di E’Valtellina, e sabato 14 luglio nel reading e mostra poetica a “ScarpatettiArte”, ospiti dell’Associazione Culturale Scarpatetti. Angelo è un artista di strada, come ama definirsi lui, e mi è sembrato interessante approfondire il suo percorso artistico attraverso una breve intervista e proponendo la lettura di un paio di sue poesie.

 

Quali sono i percorsi di vita che ti hanno portato verso la musica e la scrittura?

Arrivo sulle scene di eventi letterari locali, seguendo il percorso itinerante del cantastorie. Vicende che hanno origine dal passato di animatore scolastico a quelle più dirette di artista ambulante.

 

Come hai iniziato ad appassionarti all’arte?

Ho approfondito da autodidatta, con ricerche e studi e corsi di animazione, la passione per il genere. Agli albori, ho applicato per lunghi anni questa forma nella scuola primaria.

 

Hai un vissuto di artista di strada: come nasce questo sistema di vita?

Vicende conseguenti allo sperimentare in libertà, hanno contribuito al cambiamento. Cito per cronaca i primi nomi di cui ho studiato suonato e tradotto i resti per pura passione, sconfinando per l'Europa nel periodo della rivoluzione giovanile. Woody Gutry, Dylan prima maniera, Donovan e Cohen preferendo per esigenze di “internazionalismo” autori che all'epoca tracciavano il pensiero nuovo della letteratura poetica e musicale. Tutti autori dei quali era il contenuto del testo, più che la musica, a configurare l'arte popolare. Sono nate così le mie raccolte di brani che trattano arte al popolare, verismo, il romantico e l'astratto. Molto è dovuto alla esperienza di animatore: quando il lavoro con le arti espressive richiede approfondimenti rappresentativi scenografie coreografie e recitazione. Costruire un teatrino ambulante trasportabile è stato un ulteriore sogno realizzato seguendo queste passioni applicate alla drammatizzazione di fiabe o fatti sociali. Di tutto ciò, sono riscontrabili tracce nella trama dei miei libri.

 

Di recente hai pubblicato qualche libro? Vuoi parlarcene?

Suite per Violoncello e Crepuscolo in quattro racconti, La casa di Giuda, storia Hippie, A me l'uomo nero mi fa ridere, romanzo “scolastico” è l'ultimo fantasioso racconto ambientato tra le ospiti di un ricovero. Le poesie sono raccolte in un volumetto, Di verbo in Verso, Ramblingang in Sondrio e I mè Blues, raccolta dialettale meneghina.

»» Qui i bestseller di Copelli

 

 

 

Il Passo del Migrante

 

espiantato il mio cuore

ho sradicato dalla mia terra, da furori di odio

da terrore di fuoco,

da miseria e dolore, i figli e le donne.

 

smantellato ogni credo

devastate speranze ora sono la fuga.

incubo alle spalle oscurità di fronte

non conforto non soccorso anima randagia.

 

notte lunga senza attese

senza sogno da annaspare:

dei mille modi per vedere la notte

uno solo per spegnerla, fuggire

 

su uno scafo di paura ho imbarcato senza colpa

innocenze ancora vive

da sponde con sentori di morte

non ha odore di vita questa stiva

 

dalla furia assassina di terra in fiamme

salpo acque di speranza suicida

miasmi di schiume torbide

tombe di acqua e spettri,

 

prego in silenzio la culla di un destino

al mare a cui affido dal grembo di madre

il figlio di tutte queste acque

nel beccheggiante rollio a una sponda lontana,.

 

riavrò gambe per camminare la terra

se avrò piedi all’approdo

con gli occhi nascosti del passo inseguito,

passo del migrante.

Ogni smantellato credo e devastate speranze saranno figli a questa fuga.

 

Angelo Copelli

 

 

 

Il lamento del lupo

 

La zampa ha solcato l’orma leggera di terre libere foreste dorate

nella natura la mia legge prima d’ogni aliena umana forma

i sensi per la vita del mio cuore al branco la lotta forte

pianto di lupo pianto d’amore

 

sono creatura pulita da terra pulita aria pulita

figlio dei torrenti fratello felice delle acque dei fiumi

di questa purezza è il mio pianto di questo dolore il mio grido

pianto di lupo pianto d’amore

 

quando fra nebbie e bagliori negli occhi accesi del bosco

con lo spasmo nel vento e una luna selvaggia

udrai l’ululato che schianta, che squarcia la crosta dal cuore della terra

è l’urlo del branco che spacca la notte è pianto di lupo pianto d’amore

 

con lo spirito della montagna con l’anima del vento piango te

mi hai chiamato belva selvaggia paura assassino

io non forgio armato dolore,

come la mente atroce dell’uomo,

io non so uccidere col gusto feroce dell’uomo

pianto di lupo è pianto d’amore.

 

piango te che uccidi il fratello, tu, intriso del sangue innocente

veneri altari d’oro e orrori, credi giusto lo sterminio

e togli senso alla vita, la togli tu, e non hai più sensi,

è pianto di lupo è pianto d’amore.

 

Angelo Copelli

 

 

 

DUE NOTE SULLE MIE PAGINE DELLA MIA STORIA

Nativo di Como dove ho svolto la professione di animatore per centri giovanili e le scuole, ho prodotto la maggior parte letteraria a Sondrio, alternando l'attività di cuoco a quella di musicista, e di volontario presso il centro di accoglienza. A Sondrio ho trovato ascolto nei Recital promossi dalle associazione poetiche locali. Arrivo sulle scene di eventi letterari locali, seguendo il percorso itinerante del cantastorie. Vicende che hanno origine dal passato di animatore scolastico a quelle più dirette di artista ambulante. Porto un bagaglio di pagine vissute nei diversi ambienti dell’evento poetico locale. Attualmente ho un attivo di una raccolta di racconti che trattano fantasiosamente i passaggi biografici che mi hanno accompagnato alla passione per le arti espressive, letterarie in specie. Viaggi “su strada” dell’epoca di movimenti giovanile che la hanno caratterizzata, viaggi alla avventura e alla scoperta dell’Europa che inneggia all’ideale di libertà e di una realtà alternativa sono l’ incipit che perdura da allora, nel vagante mondo degli eventi poetici.

Angelo Copelli (Artista di strada)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.0%
NO
 26.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy