Lunedì , 12 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta. Storia di una lira e di un violino
Storia di una lira e di un violino. Illustrazione di Leonardo Vitiello
Storia di una lira e di un violino. Illustrazione di Leonardo Vitiello 
26 Gennaio 2018
 

Era una sera d’estate e l’aria particolarmente calda aveva scalzato già da tempo la “primavera” che immaginavo piangente e pudica, mentre al soffio di zefiro si nascondeva tra i rami intrisi del profumo dei suoi fiori.

L’estate mutava i colori del giardino. Le piccole foglie perdevano la propria lucentezza sotto la sferza della calura ed era come se la giovinezza cedesse il passo alla maturità.

La buganvillea, carica di fiori bianchi su foglie rosa fucsia, si adagiava felice sul muro dai rossi mattoni, coprendone una grossa fetta quasi a gareggiare con il gelsomino dall’odore intenso che si stendeva fino a coprire l’intera finestra.

Era già tardi quando uscii in giardino.

Sembrava che tutto fosse immobile, in attesa di un qualcosa che avrebbe rotto l’incantesimo.

Si percepiva appena il gracidare stanco delle rane poi… cra-cra-craaa come un sibilo e il silenzio si stese sovrano a conciliare i pensieri.

A un tratto un suono dolce e melodioso di note lontane violò quella pace, ci fu un sussulto e anche il merlo accovacciato nel nido si scosse e si pose all’ascolto. Sembrava che l’intero firmamento fosse fermo con gli occhi sbarrati, per ascoltare quelle noti dolci e affannose simili a suoni dell’anima, a suoni del cuore.

 

 

Storia di una lira e di un violino

 

Era perfetto nel tight attillato.

Stretto nella camicia dal collo inamidato e coi baffi tagliati ad arte, col cilindro e col garofano bianco, si sarebbe detto: uomo del Novecento.

Esile, si reggeva a stento nella mano poderosa che lo teneva stretto a sé.

In mezzo agli altri, nell’ampia pianura, si levava appena, per ammirare l’autrice di quella musica, che gli aveva appena rapito il cuore.

La vide! Era bellissima nella sua veste bianca intessuta d’argento.

Lo sguardo appena scambiato li avvinse e li rapì.

Breve felicità la loro!

La musica stava completando le ultime note e tristi pensieri li assalivano.

L’indomani li avrebbero divisi per sempre.

L’avrebbe più rivista? Avrebbe incrociato più il suo sguardo?

Il “Notturno” di Chopin modulava il loro animo.

A tratti si levava! Guardava i suoi capelli neri e li sentiva scorrere segosi fra le dita.

Vedeva la pelle candida delle sue esili spalle e tratteneva il respiro!

Vedeva le lacrime sulle sue gote e un dolore acuto gli stringeva il cuore!

Un amore nato e non vissuto, dunque… Si chiedeva affranto!

A stento i loro sguardi reggevano l’urgenza del tempo.

Tremulo il labbro avrebbe voluto dire… ma taceva impedito.

 

Era notte fonda. Della musica si sentiva lontano l’ultima eco.

Nessuna stella brillava.

Nel buio più profondo cercarono riparo.

Nessuno li cercò. Un albero li ospitò furtivi.

Per tutta la notte echeggiò come un’eco il suono della lira e quello del violino.

Un suono triste simile a un lamento che si mutava in pianto e poi più nulla.

 

Al mattino, due colombe, appollaiate su un fico, tenevano stretti due cuori.

 

Anna Lanzetta

 

 

(Tratto da: Armonie di un giardino toscano. Racconti, arte, mito e fantasia, Regione Toscana Consiglio Regionale, Edizioni dell’Assemblea, 2017. Il testo integrale è a disposizione dei lettori nel sito della Regione Toscana - Pubblicazioni)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy