Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Violenza sul web: un'Authority nazionale non serve. Applicare le leggi che già ci sono
03 Gennaio 2007
 
In un'intervista al ‘Quotidiano Nazionale’ Anna Serafini presidente della Commissione bicamerale per l'infanzia ricorda di aver proposto quasi due mesi fa l'istituzione di una sorta di Authority, commentando il decreto per bloccare il fenomeno della pedopornografia in rete.
L'Authority per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) già esiste e ha competenze anche su ciò che accade sul web. Uno strumento concreto sarebbe di dotarla di maggiori risorse e rendere vincolanti le decisioni e le delibere. Creare un altro organismo dai costi enormi destinato ad essere l'ennesimo rifugio politico e burocratico, non appare la soluzione migliore in un mercato che ha ben poco di nazionale.
Normative meramente nazionali non possono risultare altro che piccoli palliativi e i divieti potrebbero essere inutili e controproducenti, visto che questo mercato si realizza non solo negli esercizi commerciali ma anche su Internet.
Per quanto riguarda le misure per contrastare la violenza occorre solo mettere in pratica le leggi che già ci sono.
Per tutelare i bambini è necessario responsabilizzare i genitori con il supporto di campagne di informazione e di sensibilizzazione. Un genitore consapevole e responsabile ha un figlio che usa i videogiochi e non che viene usato da questi. Visto che sulle confezioni dei videogiochi ci sono informazioni che indicano l'età consigliata e i contenuti del gioco, è auspicabile che un genitore si legga "gli ingredienti" prima di comprarlo per i propri figli, allo stesso modo in cui si assicura del contenuto di quello che dà loro da mangiare.
Per tutelare più in generale gli utenti di Internet, l'arma vincente non è quella di bloccare siti violenti, ma quelli in cui si viola la legge. Regole e codici di autocondotta, promozione di campagne informative, educazione all'uso del mondo della rete, devono essere promosse e incentivate.
 
Donatella Poretti

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy