Lunedì , 22 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L’almanaccone impertinente. Tellus 34-38 
Una nota di Giuseppina Rando
27 Dicembre 2017
 

L’almanaccone impertinente Tellus 34-38. Annuario di arte, pensosità e letteratura di Labos Editrice, giunge, a chiusura del 2017, quale dono agli abbonati.

Un pregiato volume/dono (personalmente molto gradito), un ventaglio di testi già apprezzati sulla Rivista Web e adesso leggibili, comodamente in poltrona, quando se ne risente il desiderio.

 

Un omaggio alla indimenticabile Patrizia Garofalo, poeta e critico letterario, recentemente sottratta all’affetto dei familiari e di quanti hanno avuto la possibilità di apprezzarne le doti di grande umanità e di vissuta passione civile.

A lei è dedicata la prima parte dell’annuario con la pubblicazione di in anestesia di cuore, raccolta prefata da Silvia Comoglio la quale ha colto tra i versi un bisogno d’amore: …Un amore e un cuore forti e radicati, di fronte ai quali ci si trova indifesi e sofferenti ma a cui l’autrice non rinuncia perché questa via, la via del cuore, non è una delle tante vie possibili, è per lei l’unica via praticabile, la via necessaria in cui stare e nominarsi: “come l’arancia / malata di tristezza / avvizzita di sole e polvere di sabbia / accarezzo le piume degli uccelli / il volo dell’alba / sillaba di un eco / quanto mi dici / in anestesia di cuore”.

 

Il volto poetico dell’idea. Disegni per raccontare il pensiero di un’epoca, di Giuseppe Galimberti, accoglie interessanti note critiche sulla falsa concezione dell’architettura che, per lo studioso Galimberti, dovrebbe stare distante dalla politica; diversamente diventa “tecnicismo”. ...Ma l’oggi non chiede all’architetto di essere artista: le chiese – in realtà – assomigliano a capannoni in cui la fede non si trova a suo agio…

 

Concerto per suoni lontani e parole vicine di Gian Paolo Guerini e Silvia Comoglio (poeta) si configura come un intreccio o scelta esistenziale, quasi la poesia per “esserci” debba confrontarsi con il dato che le si fa incontro. Poesia che aguzza lo sguardo e vede cose che gli altri non possono vedere…

 

Di “realtà” ed “esperienza”, invece, sono intessuti i testi di Andrea Gatton e Maria Lanciotti, rispettivamente, Le Vite Davanti a Sé e A capo scoperto. Alla ricerca della spiritualità a chiusura del volume. Una scelta antropologica che si fa espressione del vissuto degli autori, abili nel coinvolgere il lettore in quel dire che diventa anche sguardo di chi accoglie, visione e prospettiva rapportate alla propria vita ed esperienza. Scritture in risposta ad una realtà che ci interroga e si interroga su ogni manifestazione umana e culturale che nella stessa realtà si muove.

 

Un sentito grazie al direttore Enea Sansi e alla Cooperativa editoriale accompagnato da complimenti per la grafica e l’articolazione degli argomenti culturali proposti.

Interpretando il desiderio dei lettori, auguro che la rivista web Tellusfolio possa crescere (subito con un cospicuo ampliamento di adesioni di abbonamento) nella prospettiva di ampliamento e approfondimento, di percorsi diversi e allargamento di orizzonti.

Ricordiamoci che la casa, dove abita la cultura, ha finestre e porte spalancate sulla realtà. Spetta a noi tutti ampliarla.

 

 

AA.VV., Tellus 34-38. L'Almanaccone impertinente

Labos Editrice, 2017, pp. 220, € 17,50

(€ 15,00 in abbonamento, spese recapito incluse)


Articoli correlati

  In libreria/ Sandra Chistolini. Parole in poesia
  Francesco Ghilotti: Tellus 34-38. “L’Almanaccone impertinente”
  In libreria/ Flavio Ermini. Una poesia aperta all’accoglienza e alla speranza
  Tellusfolio 2018: abbonarsi... ricordando Patrizia
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Altalena di giorni...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Tetra luce...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Pina Rando. A Patrizia
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  Giuseppina Rando. Un clone
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Giuseppina Rando. Misura
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Stelle marine
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Mormora il vento
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Se il presente colorando...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Non sapeva il bambino dagli occhi neri...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. A notte – al gelo...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Resiste il corpo alla ferita...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. E quel che è peggio
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nella notte sempre più notte...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Albero stecchito...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Allo scoccare dell’ora...
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy