Lunedì , 20 Maggio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A Morbegno... una donna gioca con le farfalle 
Patrizia Garofalo incontra Raffaele Cornaggia
Jesus Christ Superscraps
Jesus Christ Superscraps 
26 Agosto 2016
 

Stavo tornando a casa quando, imboccando un vicolo che conduce a Piazza San Giovanni, una donna prosperosa affacciata ad una finestra colorava la severità delle mura con un saliscendi di farfalle che imbrigliavano gli ultimi bagliori di un tramonto limpidissimo di fine estate. Sorrido e mi lascio trasportare dal movimento delle mani, dall'immagine tutta che ridesta sogni, giochi, giovinezza ed accoglienza. E meravigliato desiderio di ringraziarla per avermi rapita nel gioco delle ali, del volo quello di Chagall ne la casa celeste e quello di Fellini in Amarcord.

Il giorno dopo non c'è più, ma riesco a contattare l'artista della creazione.

È Raffaele Cornaggia di Morbegno, autodidatta, vissuto per diverso tempo all'estero; mi mostra il suo logo, poco più grande di un francobollo con scritto “scraps world”.

Ci troviamo in sintonia sulla trasversalità della parola poetica e su come essa nasca dal dolore, dal male di vivere, dal consapevole non-senso del nostro percorso e si trasformi piano in una estenuante tensione alla ricerca di uno scopo, di un voler dire, fuori dalle stereotipe convenzioni dell'usuale linguaggio, di un voler cercare nel fondo oscuro di noi… la parola che salvi.

Raffaele mi parla della “Fenice” come primo lavoro di netta demarcazione tra la sua adolescenza e l'inizio di una progettualità costruttiva e mai più abbandonata. Parlerei di passione in tutte le accezioni del termine. Crea da “scarti” che diversamente andrebbero gettati, computer vecchi, macchine fotografiche, aspirapolveri smontate e piccoli cavetti e posate vecchie… di tutto mette insieme, di tutto gli portano; scompone e ricompone quello che finirebbe in un inceneritore se con nuova linfa e originale linguaggio, lui non forgiasse anche per i rottami una vita nuova, una rinascenza, un'epifania. Dagli oggetti dismessi affiora la loro sofferenza, un percorso senza futuro che appartenne a qualcuno, in qualche casa, vicino ai mobili di un non-luogo del quale l'artista si riappropria ed invita a farlo con la commovente bellezza di un bambino.

«Il dolore va affrontato» mi dice, «mai rimosso, devi entrarci, leggerlo, urlarlo… e oggi sono qui, stiamo parlando, la Fenice resta la mia immagine più vera, uno specchio che riflette quanto mi sia lasciato dietro e quanto desidero ancora fare. La mia arte non ha nome, né codici, né posizioni intellettualoidi e quello che sento quando assemblo i pezzi è la vita, che impasto come fosse creta, energia creativa... mai lasciarla sfuggire... mai» e l'uomo che pensa di resettare tutto sarà azzerato dalla natura che lui non ha saputo amare, vedere e condividere.

«È stata dura però…»

Non parla, Raffaele, dei suoi viaggi all'estero, delle sue mostre se non accennandone; mi porge da leggere un testo, una poesia bellissima scritta per la morte del padre:

 

PADRE SOLE

 

Tra gli anfratti dell'anima come flutti sbattono gli eventi

risvegliando con dolore il letargico quieto vivere

e non basta la fugace distrazione a lenirne gli spasmi

perché ci vorrebbe una tempesta di Sole

Ho visto allo specchio un giovane precipitar nell’abisso

rotolarsi esangue tra i rovi della propria anima

rialzarsi poi Fenice... e con ali volare più alto dei gabbiani

e l'inno vittorioso del suo spirito danzare al Sole.

Quando lo sguardo si fa carpiato e indaga dentro

ho visto il mio gaudio sorriso trasformarsi in solco di dolore

e la sabbia e il mare e il cielo,

trasformarsi in sarcofago di cemento.

Ho stretto la mano a mio padre che diventava memoria.

Mentre gli occhi gli si inchiodavano al soffitto

ho toccato la sua ansia ruvida e pelosa,

trasformarsi in beatitudine

di chi corre su eterei prati di dolcezza

irriverente sberleffo al mio dolore terreno

ma lui già… aveva compreso l'ignoto arcano.

Ed io corro finché il mio cuore m'esplode in petto

Sogno finché la mia mente indagherà desideri

Canto finché vedrò sorger il padre Sole.

e lascio al suo fuoco sincero colmare i fatui anfratti della mia

[anima.

 

E lo vedo in quelle parole il suo Cristo, alto due metri che fotografa il mondo, che coglie uno sguardo morente, che assiste un dolore che nasconde nell'insolito corpo le sofferenze del mondo e m'appare vibrare di pietà, misericordia e memoria del tempo nel luogo nascosto dove l'artista Raffaele Cornaggia ha scavato l'anima.

 

Patrizia Garofalo

 

»» raffaelecornaggia.altervista.org


Foto allegate

La donna con le farfalle
Full Metal Phoenix. La Fenice alla mostra di palazzo Malacrida (Morbegno)
Full Metal Phoenix. L
Dattilo
Gazza alchimista
Persistence of Scraps Memories. Tributo al genio di Salvador Dali
Posatide Religiosa
Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy