Giovedì , 28 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Tim Prime. Anche l’Agcom diffida Telecom Italia Spa 
Verso la class action con ADUC
26 Marzo 2016
 

Firenze – È notizia di queste ore che sul caso Tim Prime è intervenuta su nostra segnalazione anche l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM) diffidando la società Telecom Italia Spa dall’attivare Tim Prime.

Correttamente ritiene l’Autorità che Telecom Italia non possa utilizzare il sistema di modifica delle condizioni contrattuali (rimodulazione dei profili base di telefonia mobile) asservendolo ad altro fine, cioè l’attivazione di un servizio a pagamento.

Ma l’Autorità va anche oltre: «l’attivazione non richiesta di nuovi servizi in cambio di una controprestazione economica […] rappresenta una […] vera e propria introduzione di prestazioni (e costi) nuovi e mai richiesti dall’utente. L’operatore, in questo caso, trasformerebbe dei profili tariffari base “a consumo” in profili con un addebito settimanale fisso di euro 0,49, […] (opzione non concordata tra le parti del contratto). In sostanza TIM utilizza illegittimamente la procedura prevista dal Codice delle comunicazioni per l’esercizio dello jus variandi, al fine di attivare nei confronti di un numero rilevantissimo di clienti una nuova offerta con la tecnica dell’opt-out, peraltro incidendo in maniera sostanziale sulla natura dell’offerta base originaria, che cesserebbe di essere “a consumo”, comportando un addebito fisso settimanale. L’addebito del costo settimanale di euro 0,49 si registrerebbe, tra l’altro, a prescindere dalla scelta del “numero amico” da parte del cliente, con il rischio che - a seguito della manovra - l’aggravio di costo a carico degli utenti avvenga senza nessun vantaggio compensativo».

A questo punto se Telecom Italia Spa procederà comunque all’attivazione di Tim Prime, incorrerà in pesanti sanzioni fino a 2 milioni e mezzo di euro.

Ma tali sanzioni non comporterebbero comunque la restituzione agli utenti degli importi illegittimamente sottratti. Per questo motivo, dal canto nostro, abbiamo intimato a Tim/Telecom di modificare le modalità di attivazione del servizio TIM Prime rendendole conformi a legge, cioè attivando il servizio solo su richiesta del cliente.

In caso contrario, proporremo una class action a tutela dei consumatori. Si tratta di un’impresa complessa, visto le norme scoraggianti del nostro codice e, soprattutto, molto costosa per chi la promuove.

Nel frattempo, mettiamo in guardia tutti gli utenti che siano titolari di una sim ricaricabile della TIM. Se non vi interessa il servizio TIM Prime, appena ricevuto il messaggio di prossima attivazione del servizio vi consigliamo di:

- disattivarlo subito, chiamando il numero 409162;

- inviare, via pec o a mezzo raccomandata AR, una lettera di diffida;

- inviare una segnalazione all'Antitrust;

- tenerci aggiornati su quanto accade.

 

Emmanuela Bertucci, legale Aduc



Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy