Mercoledì , 21 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Angelo Andreotti. A tempo e luogo 
Nota a margine di Giuseppina Rando
Angelo Andreotti alla presentazione de
Angelo Andreotti alla presentazione de 'Il guardante il guardato'. Ferrara, 07/02/2016 
07 Marzo 2016
 

L’Essere non era né sarà

giacché esso è ora,

tutto insieme uno

e continuo

Parmenide

 

 

È una poesia sommessa, ricca di tonalità e di movimenti allegorici quella che segna l’ultima silloge di Angelo Andreotti A tempo e luogo.

Una poesia che lascia affiorare ricordi e riflessioni tra parola e silenzio, un colloquio ininterrotto di pensiero e liricità.

Una poesia conscia dell’esistente, dell’essenza dell’esistenza e quindi rimandante a ciò che ci circoscrive, ci avvolge e ci domina: il tempo e lo spazio. Tempo e spazio coniugati nella dimensione personale dell’autore, dal suo giudizio ed esperienza umana e poetica.

Il discorso poetico di Angelo Andreotti, sempre sobrio ed elegante, innervato in una sintassi ampia e di classico decoro, si esplicita già nell’Overture con l’anafora Dove che sta ad evidenziare appunto il senso esterno dello spazio e quello interno del tempo legati sempre alla visione che ciascuno di noi ha della realtà in cui vive:

Dove il sole dal fiume al crepuscolo…

Dove gli istanti si rubano il tempo…

Dove le nuvole a picco sugli occhi…

Dove la compostezza della quercia…

Dove la casa si sveglia di noi…

E poiché la filosofia dello spazio e del tempo appartiene alla relatività essa è, ovviamente, connessa con il vissuto del poeta che plasma la materia dei significanti fino a giungere alla trasparenza dell’energia che li sostiene: Per ogni nuvola un passaggio di ombre / un variare di luci e colori …un risuonare di tempo eveniente / che sconfina ai bordi di ogni istante.

Un’esperienza di scrittura che scava nelle varianti del reale e dell’immaginario avvolti da quel silenzio dove le infinite possibilità della lingua esplorano il lato oscuro e umbratile della vita: attorno a un fuoco di legna raccolta… per dare un nome che non sappiamo / e pronunciarlo / o soltanto riconoscerlo / tra le braci / di quel che sarà ancora fuoco.

All’interno di ogni singolo testo le parole germinano da sé ma, sottilmente legate alle altre, ritrovano l’armonia e la costruzione di senso: ...e d’improvviso si fa inesplorato / qualsiasi luogo / anche quel sentiero/ che mille volte abbiamo camminato.

Una poesia quella di Andreotti che si apre al reale, scruta attraverso gli accadimenti in trasparenza, li filtra con lo sguardo, come nel fuoco di una lente precisa e implacabile per evidenziarne le discordanze che viviamo: Ora / calcato il seme nella terra / ci si mette in attesa del pane… Là / lo sciacquio tra i giunchi in riva al fiume …sconvolge l’ordine scritto dal tempo…

Si percepisce quasi una frattura tra l’io e il mondo, un’antitesi esistenziale tra il vivere autentico, aderente ai valori che acquistano significato solo se colti nella loro caducità e il vivere di una società che accoglie supinamente l’evanescenza di un mondo spacciato per reale, ma pauroso e che soggiace a fragili equilibri, una società teologizzata dove s’espande la violenza e la barbarie con l’infierire sulle creature più innocenti e indifese: sono le storie che il fiume andava raccontando / in quella sua lingua remota / di noi inconsapevole / prono / sotto un cielo che impietrì nel grigio / per la nostra appagante indifferenza.

La metafora del fiume, il nostalgico fiume che ci coinvolge nel suo continuo movimento e di cui ignoriamo il senso, domina la seconda parte della silloge, e con la forza introspettiva della propria poesia, Andreotti va ad esplorare anche le zone d’ombra: Noi non sappiamo se il mondo sia nostra dimora / o uno straniero inquieto che abbiamo ospitato… cerca di captare le corrispondenze misteriose della natura … È che in fondo il tempo e il fiume si assomigliano: entrambi scorrono / restando / nel punto esatto da cui se ne sono andati.

Malgrado le lacerazioni, i dissensi, le negatività, il poeta Andreotti non rinuncia a indicare un antidoto ricorrendo a quella linfa che risorge / ogni qual volta il tempo s’incurva… invita ad ascoltare il mormorio antenato della memoria

Lasciarsi prendere è il segreto, abbandonarsi

e allo sgomento preferire la meraviglia

che sempre accompagna la coscienza

per la presenza delle cose.

Un’opera poetica davvero preziosa, versi scritti nel silenzio che è un dono, sigillo di una voce originale scaturita dall’interiorità e da una sensibilità autentica.

 

 

Angelo Andreotti, A tempo e luogo

Manni, 2016, pp. 96, € 12,00


Articoli correlati

  Recanati Art Festival à la culture
  Spot/ Ferrara: Marco Munaro per “I Poeti dei poeti”
  Angelo Andreotti. POLAROID (1999)/ Pudore
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  Spot/ Ferrara: Duccio Demetrio per “I Poeti dei poeti”
  Spot/ A Ferrara, Monica Pavani per “I Poeti dei poeti”
  Ferrara. Il silenzio dei violini alla Biblioteca Comunale Ariostea
  Patrizia Garofalo. Note a margine del convegno di ecologia narrativa di Anghiari
  In libreria/ Giuseppina Rando. Il cuore segreto delle cose
  Spot/ “I Poeti dei poeti” per I lunedì a casa di Ariosto
  Macerata, 1° aprile. “Il Guardante e il Guardato” di Angelo Andreotti
  Ferrara. Angelo Andreotti: Di due pubblicazioni, una a fianco dell'altra
  Angelo Andreotti. Il guardante e il guardato
  Angelo Andreotti. Il silenzio e le parole
  Vetrina/ Angelo Andreotti & Patrizia Garofalo. Pantografia marina
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Custode di dune” di Lucia Boni
  Angelo Andreotti. Le viol
  In libreria/ Angelo Andreotti. Porto Palos
  Istituzioni/ Accademia del Silenzio. 'Scuola estiva' ad Anghiari, fine agosto
  Anticipazioni: Flavio Ermini. L’appello silenzioso dell’essere
  In libreria/ Giuseppina Rando. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
  Annagloria Del Piano. Il guardante e il guardato di Angelo Andreotti
  Ferrara: Un invito, “A tempo e luogo”
  Vetrina/ Angelo Andreotti. Dimmi di te
  Daniele Serafini. Là, dove l’orizzonte accade
  In libreria/ Giuseppe Ferrara su “A tempo e luogo” di Angelo Andreotti
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  In libreria/ Angelo Andreotti. Dell'ombra la luce
  Angelo Andreotti. A tempo e luogo
  Angelo Andreotti. Chi ha paura del giallo, del rosso e del blu
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Nel verso della vita” di Angelo Andreotti
  “Il guardante e il guardato”
  Invito letterario: Angelo Andreotti. Il Guardante e il Guardato
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Dell’ombra la luce” di Angelo Andreotti
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy