Lunedì , 25 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Asmae Dachan. “Perdere la propria libertà per la libertà degli altri”
26 Settembre 2015
 

A volte proviamo a colmare il vuoto lasciato da persone amate che non ci sono più cercando i luoghi che frequentavano, ascoltando le canzoni che amavano, andando alla ricerca dei profumi che rendono vivo il loro ricordo.

Qualche settimana fa, durante la mia ricerca di qualcosa che mi parlasse di mia sorella Noura, che mi facesse vivere l’emozione di essere insieme a lei, mi sono fermata davanti alla sua libreria. Centinaia di volumi chiusi, messi in ordine con libri in seconda e terza fila. Autori internazionali, generi diversi, collane. Ne ho preso alcuni lasciandomi ispirare dai titoli. Ho iniziato a leggerli la sera, prima di dormire, lottando contro il fantasma del blocco della mia penna, quando il lutto personale e quello collettivo per la Siria si sovrappongono e diventano un tutt’uno… Mi è sembrato di tuffarmi in una parte a me sconosciuta della sua vita, di vivere luoghi, vicende, emozioni che lei ha vissuto prima di me.

Ho iniziato a leggere Il dolore perfetto, di Ugo Riccarelli, Premio Strega 2004. Oltre alla sensazione di essere lì con Noura a leggere insieme, come quando eravamo liceali spensierate, mi è sembrato di cogliere, già dalle prime righe, alcuni messaggi di grande attualità, legati in qualche modo anche a ciò che accade in Siria. Sono rimasta colpita da queste parole:

Salvatore sparì e al suo posto vide il suo ragazzo, bello, giovane, col diploma di maestro e la schiena squarciata da un colpo di fucile. Perché quella è la fine di chi vuole cambiare il mondo mettere i cafoni al posto dei padroni, e perdere la ragione e il sonno, la propria libertà per la libertà degli altri, che sia maledetta. Vide il suo ragazzo rigido di morte, disteso su una spiaggia di Milano, e le lacrime gli riempirono gli occhi.

Fu la voce della moglie a riportarlo nella stanza, lei che lo toccava con dolcezza.

Ho visto tra le righe i volti e le storie di tanti giovani siriani che ho conosciuto in questi anni, ragazze e ragazzi che volevano cambiare il mondo, sconfiggere il regime con la sola forza delle loro voci, che hanno perso la ragione e il sonno, la propria libertà per la libertà degli altri, come i giovani descritti nel romanzo di Riccarelli, anche loro ormai rigidi di morte, sulle spiagge di Aleppo e di Hama, come su quella spiaggia di Milano…

In queste parole ho colto il dolore soffocato di chi crede nella cultura e nei rapporti umani e si oppone alla tirannia, per ritrovarsi con la schiena squarciata da un colpo di fucile, ucciso spesso due volte. Ucciso dalle armi, ucciso dall’indifferenza e dalla menzogna. Giovani vittime nella carovana dei martiri della libertà, dove la prima vittima è la verità, violentata e occultata senza pietà.

Ancora una volta Noura torna a indicarmi la strada della Siria, ricordandomi che non posso abbandonarla anche quando la ferita brucia terribilmente.

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 26 settembre 2015)


Articoli correlati

  In libreria/ Asmae Dachan. Noura
  Asmae Dachan. La Siria e la primavera spezzata
  In libreria/ Luciano Nanni. “Noura” di Asmae Dachan
  Siria, tra macerie e speranza: incontro a Recanati
  Ordine Giornalisti Marche. Il premio "A passo di notizia" ad Asmae Dachan
  Roberto Fantini. Bombardamenti russi sulla Siria: le denunce di Amnesty International
  Un’informazione malata è un pericolo per la democrazia
  Asmae Dachan. Diritti umani violati in Siria
  Mauro Raimondi. “Siriani in transito” nei Civici Corsi di Idoneità
  Anna Lanzetta. Di fronte alla morte di Aylan, bimbo siriano
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Notti stellate da incendi...
  Siria-Italia. Greta e Vanessa, il coraggio contro l’indifferenza
  Asmae Dachan. L’ottobre rosso in Siria: 40 massacri denunciati dal SNHR
  “Sacra violenza: terrorismo, guerra, religione, dialogo e libertà”
  Asmae Dachan. Il coraggio delle bambine siriane: “Non potrete ucciderci con l’ignoranza”
  Asmae Dachan. “Ma io non so disegnare…”
  Maria Lanciotti. Non in mio nome
  Asmae Dachan. Aylan e quella volta che il mondo ha urlato “Mai più”
  Asmae Dachan. Douma, neonato estratto vivo dalle macerie. Decine di bimbi feriti
  La Siria e la crisi dei rifugiati in Europa spiegate in un video
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy