Mercoledì , 14 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marisa Cecchetti. “Il libro delle parabole, un romanzo d’amore” di Per Olov Enquist
08 Luglio 2015
 
Per Olov Enquist

Il libro delle parabole

un romanzo d’amore

trad. Katia De Marco

Iperborea, 2014, pp. 256, € 15,50

 

C’è una donna che vorrebbe che lui scrivesse un romanzo d’amore. Ha avuto una parte importante nella sua vita. Lui dice che non è capace. Eppure ha conosciuto l’essenza dell’amore fin da bambino: “Quando ero bambino, ho imparato che malgrado tutto esiste un tipo di poesia che non è peccato. Erano le parabole della Bibbia. Le poesie sul miracolo. Cinque pani e due pesci, e con ciò sfamare cinquemila persone. Era una poesia sull’essenza dell’amore: cresce, se lo si divide con altri?”

Queste nove storie – parabole, come Enquist le chiama – ruotano intorno all’amore. Amore per un padre non conosciuto di cui si cercano disperatamente le tracce anche nelle pagine strappate di un taccuino, amore negato che porta alla pazzia, amore violento, amore cieco e fanatico per una fede che rende schiavi, amore per la libertà di pensiero che fa andare controcorrente, anche se dà scandalo.

Ma soprattutto un amore fisico che è stato un’iniziazione, una sconvolgente formazione – lui quindici anni, cresciuto con un castrante senso del peccato, lei cinquantuno – che ha svelato il miracolo della “stanza intima”, una forma di illuminazione pienamente terrena. La donna “sul pavimento senza nodi” incontrata in un giorno caldo da un adolescente, diventa il fulcro, lo snodo di tutte le parabole: “non avrebbe mai immaginato che quei due centimetri infilati nel senso della vita potessero essere così indescrivibili”. Annunciata in modo prolettico, è rimando continuo e pietra di paragone a livello emotivo profondo, ricercata da un adulto con pudore e riconoscenza perché riceva ancora il suo grazie: “un grande grazie a te”.

Enquist (1934), tra i maggiori scrittori e intellettuali svedesi, racconta in modo spezzato, attingendo molto dalla sua vita, facendo emergere brandelli di ricordi, con pause e aperture, affabulatore contorto che affascina e trascina. È una società chiusa, ligia ad una forma di radicalismo religioso, quella che lui rappresenta, una comunità che si pone l’obiettivo della salvezza attraverso le pratiche, con una fede in nome della quale si condanna, si decide, si fanno vittime. L’alcool è una via di uscita, una soluzione a buon prezzo, ma anche malattia e distruzione; la pazzia che sta sempre in agguato è una forma di riconquista della libertà individuale.

Il reale e l’immaginario si incontrano e si sovrappongono, del resto “la forza dell’immaginazione, muscolo portentoso” può diventare salvezza. E non si riconoscono neppure i confini del sogno.

La precarietà della vita è una componente di tutte le parabole, ne sono simbolo gli amici vecchi sulla sponda del fiume – alberi che mormorano ed invitano ad andare – che attendono di passare sull’altra sponda.

Un canto di ragazza inneggia all’amore: “Affrettati amore, affrettati ad amare, di ora in ora si accorcian le giornate. Accendi le candele, è quasi notte, finirà presto la fiorita estate”. E intanto che si recuperano i brandelli del passato avanza un’ambulanza a sirena spiegata per portare un uomo in ospedale.

 

Marisa Cecchetti


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy