Venerdì , 06 Dicembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Cuba. Il periodico di Yoani e la censura del regime
Ai mercati agricoli (foto 14ymedio)
Ai mercati agricoli (foto 14ymedio) 
23 Maggio 2014
   

Siamo da sempre contro la censura, va da sé che ci schieriamo al fianco di chi afferma che il periodico di Yoani Sánchez non deve essere assolutamente hackerato o bloccato. Diamo per scontato che la Sicurezza di Stato cubana sia tanto sciocca da continuare in questa assurda persecuzione telematica, mentre aggiungiamo – per completezza d'informazione – che 14ymedio si vede e si legge in tutto (il resto de..., ndr) il mondo. Il solito problema si verificava con Generación Y, che a Cuba risultava spesso oscurato. Stupidità della Sicurezza di Stato, provvedimenti che servono solo alla blogger per pubblicizzare il periodico a livello internazionale, se tutto fosse vero. Infatti, a Cuba nessuno usa Internet per leggere riviste on line, i pochi che hanno la possibilità economica di navigare (a costi altissimi) lo fanno per collegarsi con i familiari all'estero e per avere notizie sulle loro condizioni di salute. A nessun cubano normale verrebbe in mente di spendere moneta convertibile per leggere cose che conosce bene, visto che Yoani racconta la vita quotidiana dell'uomo della strada.

Ecco perché ci appare sciocca, insensata, priva di fondamento, l'inutile misura repressiva decisa da Raúl Castro. Ottiene l'effetto opposto, rendendo la blogger vittima di un'ingiusta repressione e aumentando la notorietà del periodico all'estero, tra i suoi veri lettori. In definitiva, proprio quel che Yoani Sánchez desidera. Non è strano tutto questo? Davvero gli uomini dei servizi segreti cubani sono così stupidi? Non appena si è avuta notizia del blocco telematico sono partiti i peana programmati da parte degli Stati Uniti per criticare la violazione della libertà di stampa e auspicare maggior tolleranza da parte del governo cubano. Ora, il punto di vista di Raúl Castro è noto: “14ymedio non è un organo di stampa indipendente, ma è finanziato da una potenza straniera per minacciare la stabilità politica cubana”. Ecco perché il governo lo combatte. Sbaglia le armi, a mio modesto parere, perché contrastare la diffusione a Cuba dove – in re ipsa – la circolazione è inesistente, significa pubblicizzare maggiormente il periodico. L'indifferenza sarebbe il modo migliore per far morire l'iniziativa nella palude dei cubani all'estero, unici lettori del periodico, a parte qualche giornalista internazionale che spulcerà poche pagine senza capire e scriverà la sua opinione a date prefissate.

Ieri – almeno in Italia – abbiamo assistito a un coro di stupidaggini a reti unificate, da Repubblica a Il Giornale, con intensa attività da copiatori di veline realizzata da pseudo giornalisti che suonavano la grancassa nordamericana. Tellusfolio ha cercato di dare un'informazione più approfondita, ma nessuno ha diffuso la nostra opinione, anche se siamo stati nel mostro e ne conosciamo le viscere. Pure questa è censura, mi pare. Censura democratica.

Tornando alla censura comunista (ma Cuba non ha più niente di comunista!), ha ragione la blogger quando afferma che “questo tipo di censura incuriosisce i lettori e rende il giornale più affascinante, perché non c'è niente di più attraente delle cose proibite”. Va da sé che il fascino sprigiona solo fuori dai confini dell'Isola – non tanto per il blocco – quanto per il fatto che a nessun cubano normale verrebbe mai in mente de gastar dinero por esta locura.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Yoani Sánchez intervista Joe Biden
  Gordiano Lupi. Leggendo 14ymedio...
  Yoani Sánchez. C'è “14ymedio” per il momento, signori della Sicurezza di Stato
  Arriva 14ymedio
  Cuba. Di nuovo bloccato 14ymedio
  Tania Quintero. 14ymedio, lo spazio web che fa il gioco del regime
  Gordiano Lupi. 14ymedio visibile anche a Cuba
  Gordiano Lupi. Il periodico di Yoani
  Yoani accusa: “Il governo cubano mi censura!”
  Gordiano Lupi. Un anno di 14ymedio
  Miriam Celaya. A buon intenditor…
  Omar Santana in merito alla visita del Presidente di Google a Cuba
  Cuba: Nasce il periodico di Yoani
  Alejandro Torreguitart Ruiz. Il miglior periodico del mondo
  Società Pannunzio/ OMC. Un osservatore internazionale per la condizione della informazione in Italia!
  Io sono anaffettivo. Invito al Cabaret
  Pubblicando quel manifesto (del 1944!) avete dato del fascista al giudice Fanfarillo
  Annagloria Del Piano. Il giornalismo e il diritto di critica
  Renato Pasqualetti. Caso Sallusti, un'occasione per riflettere
  Rocco e i suoi discepoli. Notarella sui delitti e sulle pene della diffamazione
  Claudio Mellana. La digos o non la digos?
  L'irriverente. Censura eterna. Si smonta l'illusione della manifestazione di Parigi?
  Brescia. Confermata in appello la condanna del “Gazetin”
  Ordine dei Giornalisti… “censurato”: salta la mostra
  Su Sainte-Victoire, in Francia, una marcia in montagna a sostegno di Erri De Luca e per la libertà di parola
  “Omaggio dell’arte alla libertà d’espressione”
  La sentenza n. 4418/2009 del Tribunale di Brescia
  Libertà d'espressione. Aduc condannata da Tribunale Firenze per aver criticato Publiacqua
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  Michelle Bonev. Hanno oscurato il mio blog
  Il Vicepresidente della Camera On. Giachetti presenta un'interrogazione sulla vicenda del GAZETIN
  Libertà d'espressione. La vicenda del fronte antifascista fiorentino contro il congresso di Nuova Destra Sociale
  «La vignetta diffama il giudice». Ma è un manifesto storico
  Giovanna Corradini. Web e 'stampa clandestina'
  Alberto Spampinato. Diffamazione. L’Europa, l’Onu e il silenzio italiano
  L'irriverente. Dopo Parigi. Libertà d'espressione: come prima, più di prima...
  Ossigeno per l'informazione: il caso Gazetin
  Emmanuela Bertucci. Brutto e disonesto gay italiano di m…
  Gianfranco Camero. AMNISTIA SUBITO!
  Vincenzo Donvito. Giancarlo Caselli, Università di Firenze e libertà d'espressione
  Yoani Sánchez. Dal mondo virtuale al mondo reale
  Omaggio dell’arte alla libertà di espressione
  Vincenzo Donvito. L'Aduc è un'associazione a delinquere?
  Domenica/ Matteo Moca. Una giornata con Busi, il disco di Iosonouncane e la recensione di un giorno qualunque
  L'irriverente. Libertà d'espressione e sanzioni in Francia
  Internazionale Ferrara. Premio al pensiero laico
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy