Lunedì , 14 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Milano. Vie d’Acqua e Riaprire i Navigli: Non confondiamo il sacro con il profano
28 Dicembre 2013
 

Mai come in queste ultime settimane ho ricevuto tante mail contro le Vie d’Acqua dell’Expo. Mail di cittadini indignati e scandalizzati per i danni che la realizzazione di queste cosiddette “vie”, larghe poco più di qualche metro, arrecherebbero a Milano, ai suoi parchi urbani di Trenno, delle Cave, Pertini ed altri ancora. La questione è di tutto rispetto, perché mette in evidenza alcuni problemi non del tutto percepiti dai cittadini milanesi finché non si sono iniziate a vedere le ruspe sotto casa. Infatti come sarà veramente realizzato questo strano manufatto e quale sarà la caratteristica dell’opera non è stato ancora del tutto chiarito.

Dal mio punto di vista, quale presidente dell’Associazione Riaprire i Navigli e a nome di tutti coloro che a Milano si battono per sostenere il progetto di riaprire i Navigli lungo l’antico tracciato, dico solo che bisogna evitare di confondere le due cose. Il progetto delle Vie d’Acqua dell’Expo nulla c’entra con il progetto di riaprire i Navigli in Milano, da Cassina de Pom, lungo via Melchiorre Gioia e poi attraverso la Cerchia dei Navigli fino alla Darsena. Chiarire la differenza tra i due progetti è per noi assolutamente importante per evitare che le proteste e i malumori contro le Vie d’Acqua, che vie non sono, e la totale incertezza sulla loro utilità, non trascinino con sé anche il progetto della riapertura dei Navigli che è tutt’altra cosa.

Le Vie d’Acqua passano tangenti alla città costruita, portano l’acqua alle aree di Rho-Pero da nord prelevandola dal canale Villoresi sopra Bollate e da lì scendendo a sud attraverso alcuni parchi cittadini riversano le loro acque nel Naviglio Grande al confine con il comune di Corsico. Un tracciato appunto oggi contestato. E il loro rapporto con la rete dei Navigli lombardi esistenti è pressoché nullo. L’esatto opposto del progetto di riapertura dei Navigli che ha l’obiettivo di realizzare otto chilometri di Navigli in città, passando per il centro di Milano, per garantire in prospettiva la navigabilità di 140 chilometri di Navigli lombardi.

Le Vie d’Acqua, che hanno la funzione di portare l’acqua alle aree di Expo per il loro abbellimento e potranno forse arricchire la dotazione idrica delle aree agricole ad ovest di Milano, nulla c’entrano quindi con il progetto di riaprire i Navigli per il quale molti milanesi oggi si battono. Ci rivolgiamo quindi ai giornalisti e a tutti gli organi di informazione, affinché sia fatta chiarezza. Non confondiamo i due progetti. Non confondiamo il sacro con il profano.

 

Roberto Biscardini

Presidente Associazione Riaprire i Navigli


Articoli correlati

  Milano. La Darsena dalle origini ad oggi
  Roberto Biscardini: “Riaprire i Navigli, una dichiarazione favorevole dalla Regione Lombardia”
  2014 ultima occasione su Area C e Navigli
  Milano. Conclusioni dello Studio di Fattibilità della Riapertura dei Navigli
  Radicali Milano. Chiediamo i Navigli, ci danno un Tubo...!
  Lorenzo Lipparini. Via d’acqua Expo ridimensionata: “sarà un Fosso irriguo”
  Fiorello Provera. Expo 2015: «La promozione delle province lombarde attraverso la rete delle ambasciate e dei consolati di tutto il mondo»
  Gilberto Corbellini. Expo no-ogm, grave errore
  Expo 2015: per la Valtellina una grande occasione di crescita
  'L GAZETIN d'aprile. Fragrante viatico per l'Expo di Milano e per le amministrative di Sondrio
  Marco Cappato. Ecco l'elenco delle ditte subappaltatrici del primo appalto Expo
  Expo 2015. Non mancheranno i risultati, per il territorio e per tutto il Paese
  In vista dell’Expo 2015
  Costruiamo un comitato regionale antimafia sull'Expo con nomi indiscutibili
  Bernardo Gabriele Ferrari. Milano-Expo 2015
  Con Stefano Boeri incontri per Milano su EXPO e legalità
  Milano. Le stelle nella risaia
  Expo 2015: c’è anche la Valtellina
  Martina Simonini. L’«allarme-promesse» e il tempo di reazione
  Via Lattea. A Milano, domenica 19 maggio
  Martina Simonini. EXPO, TTIP e neoliberismi
  EXPO 2015. Mozione del gruppo consiliare PD e la proposta di Boeri
  Sandra Chistolini. Expo 2015 consegna al Pianeta la Carta di Milano
  Un tranquillo sabato di follia metro-politana (aprile 2010)
  Martina Simonini. Piramidi per l'Expo
  Anche in Valtellina la musica per l’Expo 2015
  Expo 2015. Opportunità importanti per il nostro territorio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.1%
NO
 23.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy