Giovedì , 07 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Grazia Musumeci. Terremoto: Bravi gli emiliani, ma non dimentichiamo L'Aquila
20 Maggio 2013
 

Oggi tutta Italia ricorda l'Emilia e il terremoto devastante che, in tre forti scosse, cancellò centri storici, capannoni industriali e vite umane. Si ricorda quel terribile giorno con la giusta ammirazione per gli emiliani che hanno raccolto le proprie forze e ricominciato tutto da zero, ricostruendo i loro paesi e le loro vite.

Certamente questa gente merita un applauso e un grazie per l'esempio dimostrato, ma non dimentichiamo che chiunque... quando riceve la forza e i mezzi per farlo... si impegna per ricostruirsi la casa e la vita. Lo hanno fatto, in silenzio, anche gli alluvionati di Giampilieri, in Sicilia, coi pochi mezzi a loro disposizione, lo ha fatto il Veneto dopo le esondazioni dei fiumi.

Lo avrebbe fatto anche L'Aquila se qualche mente malata non avesse deciso di bloccare le loro vite per sempre sotto quelle macerie. Che nessuno dimentichi, oggi, i cittadini dell'Aquila: gente fiera e forte, che nulla ha da invidiare agli emiliani e che aveva pronti martelli, chiodi e trapani per ricostruirsi il centro storico polverizzato dal terribile terremoto del 2009. Non glielo hanno permesso. Hanno messo le transenne e militari armati tra loro e le loro case. Politici senza spina dorsale li hanno utilizzati come “esempio elettorale”, per dimostrare che guai ha combinato la precedente amministrazione o che belle casette di legno sono state donate grazie a loro.

Ma agli aquilani non importava delle casette di legno né delle colpe di nessuno. Volevano solo una cosa: il permesso di ricostruire le loro case. Non glielo hanno mai dato. E sono passati quattro anni. Quattro anni di lutto e di vergogna che nessuno dovrebbe dimenticare... Prima di riempire di complimenti l'Emilia (che comunque li merita), complimentiamoci con la gente dell'Aquila per aver sopportato eroicamente la peggiore delle umiliazioni. Quella di vedersi puntare un fucile in faccia, come una bestia criminale, quando tutto ciò che volevi era raccogliere le foto di famiglia dalle macerie.

 

Grazia Musumeci


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy