Venerdì , 27 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Un Presidente indipendente 
È ciò che serve ed è quello che si può fare
20 Aprile 2013
 

La convulsione di queste ore rischia di annebbiare la vista. C'è chi lo fa con dolo, come emerge con chiarezza da ciascuna delle 'operazioni' tentate, chi semplicemente non riesce a vedere.

Vediamo. (Tentiamo, almeno).

Fin qui da tutte le forze in campo si è percorsa la strada di strumentalizzare l'elezione del Presidente della Repubblica al fine di risolvere la crisi politica. Lo dico più chiaramente: Rodotà e Prodi sarebbero serviti per la formazione di un governo PD-SEL-M5S; Marini, D'Alema, Amato e perfino la 'tecnica' 'neutra' Cancellieri, viceversa, per un governo PD-SC-PdL. Questa la realtà delle cose al di là delle parole usate, da una parte e dall'altra, per presentarle. E a questa erronea impostazione ha inevitabilmente portato la scelta, di cui porta la responsabilità per primo Giorgio Napolitano, di andare a questa elezione senza aver dato soluzione alla 'crisi' politica.

Non è per caso, dunque, e nemmeno soltanto per l'immancabile ostracismo antiradicale, che il nome di Emma Bonino – in cima ad ogni sondaggio (perfino quello di “Servizio pubblico”, ricordate?) prima dell'inizio delle operazioni di voto – sia letteralmente scomparso all'apertura delle urne.

Eppure, se si può guardare e si vuol vedere, quello è il nome – ancorché appaia 'impronunciabile' – per giungere alla scelta di un Presidente indipendente da parte di una larghissima maggioranza dei grandi elettori.

Non credo, anche se non escludo, che Napolitano abbia la chiaroveggenza e l'ardire (ma questo forse anche sì) di pronunciare quel nome negli incontri con Bersani, Berlusconi, Monti... in corso mentre scrivo. Chi altri, dunque?

Qualcuno c'è, che possa farlo, in questo delicatissimo momento. Ho parlato chiaro fin qui e non vedo perché dovrei astenermi dal farlo su questo. Stefano Rodotà, che già in questi giorni ha rilasciato dichiarazioni all'altezza della stima di cui gode, insieme con un gruppetto di persone di buona volontà (Matteo Renzi, Mara Carfagna, Benedetto Della Vedova, Giuseppe Civati... ne faccio solo qualcuno, a titolo d'esempio, fra quelli che quel nome già l'han saputo pronunciare) lo potrebbe fare: prima dell'inizio della sesta votazione.

Quanto scommettete che, per domani, potremmo festeggiare il nostro Presidente?

 

Enea Sansi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy