Martedì , 16 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti: Senza rabbia e senza orgoglio
Oriana Fallaci
Oriana Fallaci 
18 Settembre 2006
 
Lettera a un bambino mai nato lo lessi la prima volta d’un fiato nei primi mesi del 1978 e diverse volte vi tornai sopra nel corso degli anni. Denunciava quel libro la condizione lacerante della donna moderna, che con il graduale inserimento nella società degli uomini perdeva per via quelle peculiarità che nei millenni ne avevano fatto una figura esclusivamente dedicata alla famiglia e alla cura della prole. Un atto di coraggio quello della Fallaci in quel periodo di travagliata transizione in cui la donna cambiava la vecchia pelle e non aveva in cambio nulla di pronto da indossare, si andava creando un tessuto che era tutto da tramare e da confezionare poi secondo un modello di nuova fattura.
Il coraggio lo dimostrò non solo nello svolgersi della storia, ma più ancora nel finale.
Una scelta di non scelta con cognizione del dolore che in ogni caso ne sarebbe conseguito.
Senza chance. Com’era la donna in quegli anni di fine Settanta dilaniata da una coscienza in embrione.
Questa è la Oriana Fallaci che oggi saluto. Lessi in seguito diverse altre sue opere ma nessuna mi penetrò in profondità, e qualcuna mi scivolò sulla pelle. Non sempre il lettore incontra lo scrittore, ma è cosa soggettiva.
C’è poi la Fallaci che respingo. La morte tende a mitigare i giudizi, ad abbellire la maschera funebre. E ritengo ciò offensivo prima di tutto per chi non può più battersi a faccia scoperta. Che non può più confrontarsi con la sua verità con l’altrui verità.
Senza rabbia e senza orgoglio saluto una grande professionista che ha dedicato la vita e gli ultimi suoi sofferti anni alla scrittura, volendo lasciare un solco inequivocabile del suo passaggio. Non ho letto le sue ultime opere e tantomeno le leggerò ora che l’Autrice non è più contestabile. Fuori per sempre da ogni bega umana.
Quando lessi La Rabbia e l’Orgoglio in formato lettera di Oriana Fallaci sul Corriere della sera del 29 settembre 2001, provai uno sdegno rimasto inalterato. Come probabilmente la rabbia totale e cieca della Fallaci. Quell’articolo lo conosciamo tutti ed è inutile analizzarlo ancora. E dopo averlo letto mi dissi con orrore e pietà che quel bambino mai nato non aveva per fortuna conosciuto l’odio allo stato puro.
Ci fu la risposta di Tiziano Terzani che fu un lenimento provvidenziale per chi come me aveva accusato il colpo sferrato da una donna che malediva e sputava su quella parte di umanità che avrebbe - se avesse potuto - cancellato dalla terra.
Ti saluto, Oriana Fallaci. Mi tengo di te solo la bella dedica che mi facesti un giorno, come a tutte le donne, quando ti facevi ancora aggredire dai dubbi, quando ancora non tradivi te stessa: «A chi non teme il dubbio/ a chi si chiede i perché/ senza stancarsi e a costo/ di soffrire di morire…»
Senza rabbia e senza orgoglio.
 
Maria Lanciotti

 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.8%
NO
 35.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy