Domenica , 22 Ottobre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ P. Garofalo. Dall'Almanaccone 2012: “Sulla 38”, Nicola Scinetti (testi), Marcello Mariana (foto) 
“Il fuoco bisogna di legna” e le molteplici connotazioni della poesia
'Velocità Controllata' 
09 Gennaio 2012
   

Se il fuoco ha bisogno di legna per non diventare cenere e morire così come la vita, se il fuoco lo si cerca nell’inventario di ieri schedato nelle mani della fotografia di Mariana e nelle parole scheggiate di Scinetti, è vero anche che da altri fuochi ubriachi necessita allontanarsi. La Madama scruta da vicino e brucia, non solo l’autista ce l’ha con se stesso… anche La Madama. E c’è in giro anche chi getta la speranza nel fuoco. Sulla statale 38 /deserta come la strada verso il sonno/, ricordi di foto in bianco e nero, delle vecchie 600, dei santini protettori regalati da mogli e fidanzate /appiccicati sopra la leva del cambio/ iniziano il percorso. Dallo specchietto retrovisore tutto si rimpicciolisce man mano si va avanti sulla 38 che, oltre che una pistola, è la statale dello Stelvio. Tutto sembra ormai inghiottito dal buio, tra poco non esisterà più neanche La Madama, la protesta, le mani dietro la schiena. “Quando qualcosa ti crea molto dolore, prova a mettere il cannocchiale dalla parte della lente che allontana”, scriveva Pirandello, ed è così… forse. Non ci sono punti di riferimento da quando hanno messo le rotonde, nessuna indicazione di uscita, una ruota impazzita, un girare a vuoto mentre il lampione acceca. /C’è chi non guarda. E va oltre…/ Sono pazzo. Sono felice/.

Inizia un’altra storia mentre palmi di mano indicano il percorso della vita segnato ad inchiostro per ricostruire le linee del viaggio, le sue cicatrici, il suo sangue, il desiderio della luce, l’abbraccio e connotare diversamente quel fuoco che bisogna di legna.

I versi sono titolati con ben riusciti giochi di parole che fungono da incipit a rime graffianti, a parole spigolose, a non-rime petrose. Fanno male, arrivano forti e puntano i fari dove vogliono colpire questi versi che ci abbagliano come lepri senza possibilità di fuga... /È nella sua fuga, la vita… quante cose non ti ho detto e quante non ti dirò mai,/ ora che dalle mie ferite riconosco il tuo sangue/. Qualche centro abitato, affollato dalla parte delle vetrine… duplica persino il volto della gente, quella certa della chiesa sottocasa e della macchina in garage mentre le puttane ridono della calze di lana grossa fatte dalla mamma nei cinque versi di Night-club.

/Dove la sera/ se non nella notte/ e il lastricato di ghiaccio che pavimenta Morbegno diventa barriera inaccessibile alle carezze troppo fredde anch’esse per non sperare nel sonno, addio ad un mondo andato i cui ricordi annegano in una nostalgia che duole.

Il juke-box e i balli lenti nella vecchia balera, i fiocchi di neve fra i capelli, treni che vengono e vanno, vite e storie che iniziano e si confondono e che odorano d’addio.

Sayonara anche a quel buio che aveva una sfumatura di chiarore e arrampicava le montagne. Il fondo della foto è bianco e, bianca, la linea del cuore, forse innevati. “Cartago delenda est” e così è stato, niente più come prima, i valori in corso hanno demolito quello che c’era, si vivono memorie nuove, troppo nuove per aver memoria. /il silenzio è amaranto, la voce/ un vetro infranto/.

Torna la riga bianca nelle pieghe della mano, vicino alle montagne e ascoltare gli uccelli è anche tornare a sperare. /È il turno dell’alba, il cinguettio del sonno/ che le mani possano essere meno sole, che una storia possa essere riscritta per /un hobby chiamato vita/.

Possano i tuoi occhi ridurre/ ad umane incomprensioni/ queste mie parole di sale/ ma ricorda che non c’è mare/ senza marinaio che scompare.

Attimi di luce nelle rugosità delle mani si fanno foriere di “occasioni” per poi rabbuiarsi nel fondo dei rifiuti /nell’afrore del cassone/. /Vietato sbagliare in un’epoca di sicurezza/.

E allora… Il fuoco bisogna di legna

 

Patrizia Garofalo

 

 

TELLUS31-32, L'Almanaccone 2012
LABOS Editrice, Morbegno 2011, pagg. 250, € 17,50

Oltre che in una qualificata rete nazionale di librerie, il volume è ottenibile, con lo sconto abbonamento (Euro 15,00) e senza altri oneri per spese postali, anche rivolgendosi direttamente all'Editrice >> labos@retesi.it

 

 

Illustrazioni:

Due delle 31 mani fotografate da Marcello Mariana per la silloge “Sulla 38”. Nell'Almanaccone 2012, con testi di Nicola Scinetti


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.3%
Non so.
 1.2%
Non sono d'accordo.
 36.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy