Domenica , 24 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marco Lombardi. Il colore dei soldi
01 Dicembre 2011
 

Proviamo a rappresentare su un foglio il benessere mondiale, disegnandolo come un quadrato la cui area corrisponde al PIL totale. Prendiamo poi la popolazione della terra e dividiamola per fasce di ricchezza, assegnando ad ogni fascia un colore diverso. Coloriamo quindi l'area del quadrato utilizzando questa tavolozza e ricorrendo a ciascun colore in proporzione alla percentuale di PIL detenuta dalle singole fasce di popolazione. Ebbene, quasi la metà dell'area risulterebbe di un solo colore, corrispondente ai ricchissimi, che sono circa l'1% degli abitanti. In appena il 3% dell'area si concentrerebbero invece quasi tutti i colori a nostra disposizione, espressione di circa il 75% degli abitanti. Per il restante 40% e rotti d'area utilizzeremmo due o tre sfumature, relativi al ceto medio dei paesi avanzati.

Il compito assegnatoci è far “crescere” ulteriormente questo quadrato. La tesi prevalente è che la “crescita” si ottenga solo aumentando l'area della figura, in ragione della quale gli stati in passato, la finanza adesso, stanziano ingenti quantità di una merce di scambio, la moneta, che oggi ha un mero valore virtuale. Malgrado ciò l'area rimane grossomodo delle stesse dimensioni e senza significative variazioni in termini di colorazione. Prendiamo invece lo stesso quadrato di partenza e, a parità d'area, immaginiamolo molto più variopinto: non si potrebbe forse asserire che esso è “cresciuto”? Dipende insomma dai punti di vista, inoltre può darsi che variando la combinazione dei colori magicamente aumenti poi anche l'area.

Chissà allora che il vero limite, a livello internazionale, della classe dirigente, anche la più preparata e onesta, non sia proprio l'incapacità di concepire un concetto di “crescita” diverso da quello affermatosi negli ultimi quaranta anni e che, per inciso, ci sta portando al collasso. Qui sta il conflitto d'interessi, perseverare nel tentativo di curare il male ricorrendo alla stessa ricetta che ci ha avvelenato.

 

Marco Lombardi


 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy