Sabato , 19 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Il regime cubano reprime lo scrittore Angel Santiesteban
20 Agosto 2011
 

Angel Santiesteban (foto) ha scritto una toccante Dichiarazione di principi sul suo blog Los hijos que nadie quiso, intitolata Noi che siamo nati senza orizzonti”. Lo scrittore si ribella alla repressione che il governo cubano ha messo in atto contro la sua persona, perché è stato montato ad arte un procedimento penale che cerca di fargli pagare la sua dissidenza politica con 15 anni di reclusione, condannandolo per presunti delitti di furto, tentato omicidio e violenza carnale.

«Faccio parte di una generazione che si è vista bendare gli occhi. Ci hanno detto come dovevamo ragionare e che era bene dimenticare i sogni. Ci hanno convinto che la luce faceva diventare ciechi. Le nostre madri hanno sopportato l’ingiustizia per timore e per proteggerci, perché sapevano che il peggio doveva ancora venire», scrive.

Angel Santiesteban in passato è stato percosso dalla polizia politica, sorvegliato notte e giorno, minacciato e intimidito. Si è visto togliere la casella di posta elettronica che gli era stata assegnata dal Ministero della Cultura. Niente è cambiato dai tempi del Caso Padilla (Fuera del juego), perché lo scrittore è stato messo ai margini della vita culturale, impedendogli di partecipare a ogni tipo di evento. Il suo blog è stato invaso da risposte di funzionari, giornalisti senza morale, scrittori e critici opportunisti, gente di scarso talento chiamata a far tacere una voce pericolosa. Infine, visto che queste intimidazioni non erano sufficienti, sono arrivate le accuse infondate per incarcerare lo scrittore sulla base di presunti gravi reati. Non solo. La Sicurezza di Stato ha tentato persino di trasformare Angel Santiesteban in un membro dei servizi segreti per avere un loro infiltrato nella fila della dissidenza. Non sono riusciti a convincerlo perché il tradimento non è contemplato dai principi morali dello scrittore. Sono cominciate le pressioni psicologiche, non appena il procedimento penale ha avuto inizio, che consistevano nel rendere difficili i contatti con i familiari, soprattutto con il figlio di 12 anni.

«Non mi faranno smettere di scrivere e di parlare. Posso accusarmi di reati orribili che non ho commesso, ma userò sempre la mia libertà di espressione», ha scritto.

«Fino al giorno in cui ne avrò la forza continuerò a esprimere i miei sentimenti con la parola scritta, con la letteratura e con il blog Los hijos que nadie quiso. Non accetterò intimidazioni, atti vandalici, processi farsa che hanno il solo scopo di distruggere la mia reputazione. Sopporterò fino in fondo e continuerò a esprimere le mie idee», ha concluso.

La comunità culturale internazionale dovrebbe attivarsi per far luce su un pericoloso caso di limitazione dei diritti umani.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy