Giovedì , 09 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Archeologia editoriale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Donne in manicomio” – 1. La cosa fissa che mi sta sempre in mente
07 Luglio 2011
 

Cara Rina

ho ricevuto gli abiti che mi mandasti. Non mi piacquero niente affatto. Come mai vuoi che io possa mettere simili abiti? Non lo sai che sono vecchia e che certe cose non mi stanno più bene? Dunque per prima cosa vorrei vedere il papà e poi che mi decideste ad andare via di qui, perché non mi sento amata e mi pare che anche nel caso che dovessi morire, morirei sempre meglio vicino a voi. Non oso domandarvi di papà, perché certo temo lo disturberei troppo e non mi vedrebbe volentieri con i miei occhi spalancati e fissi, che son buona da far niente, peggio di quando ero a casa. Una cosa fissa mi sta sempre in mente scappare e poi scappare. Aiutami tu, tutti e vi benedirò fino all’ultima ora. Mi amate ancora spero di sì. Io vi amo malgrado dei vostri piccoli difetti e mi sembra di ritornare in questo momento una cara mammina.

Ernesta Faccio

 

La lettera di Ernesta Cottino Faccio, madre di Rina, in arte Sibilla Aleramo, è senza data e seguita da una nota dei sanitari: «Per la completa volubilità la signora Ernesta descrive stamani brutti gli abiti che ieri le parevano belli».

 

«Dalle lettere di Ernesta Cottino Faccio emergono disagio e sofferenza. Il rifiuto iniziale nei confronti del ricovero e il successivo adattamento all’ambiente di cui parla ripetutamente sembra più il risultato dell’avvenuta manicomializzazione che di un ritrovato “equilibrio”. Spingersi oltre non è facile». (Sebastiano Franco Veroli).

 

 

[Estratto da: Sebastiano Franco Veroli, Donne in manicomio. Le ricoverate a S. Croce nel decennio 1890-1900 – “Il caso di Ernesta Cottino Faccio”, Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea “M. Morbiducci”, Macerata 1998

 

Scelta dei testi di Patrizia Garofalo ed Elisabetta Andreoli

Fotografia di Elisabetta Andreoli]


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy