Mercoledì , 19 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Primo Mastrantoni. Acqua: pubblica o privata?
03 Giugno 2011
 

La prossima scadenza referendaria ci offre l'occasione per tornare a discutere su un tema: acqua pubblica o privata? Il principio di considerare l'acqua un bene comune è ampiamente condiviso. Dobbiamo porci il problema se una gestione pubblica sia efficiente per amministrare questo bene comune. La cosiddetta legge Galli nasceva con l'obiettivo di smantellare una vecchia logica clientelare di gestione degli acquedotti che erano diventati carrozzoni partitocratrici clientelari. Negli anni è stata applicata con modalità che hanno tradito in parte l'obiettivo. La protesta, che nasce in alcune parti d'Italia riguarda il fatto che dove c'è stata una forte privatizzazione si è avuto un aumento delle bollette e scarsi investimenti. In pratica c'è stata una privatizzazione all'italiana. Il massimo vantaggio per il privato e il minimo per il consumatore e l'utenza. C'è chi sostiene che l'acqua deve essere gestita solo da aziende totalmente pubbliche e che deve essere eliminata la possibilità di ricorso anche alle Spa pubbliche. È evidente che le liberalizzazioni fanno bene all'economia e aumentano il benessere dei cittadini-consumatori. Ciò è confermato proprio dall'Antitrust che ha rilevato come nelle regioni più aperte alla concorrenza l'aumento dei prezzi è stato inferiore a quelle che hanno una regolamentazione più rigida.

Il modello della proprietà pubblica della risorsa e della gestione privata, che consenta di avere la priorità del servizio sul profitto, non ha avuto grande successo. Dobbiamo quindi ripensare il modello di gestione e soprattutto dobbiamo ripensarne agli usi. L'81% viene utilizzata per usi irrigui (agricoltura), industriali ed energetici e solo la parte restante per usi civili, dei quali pochissimi per uso potabile. Anche i prezzi devono essere bassi per l'uso civile e più alti per le restanti attività. Posto che l'uso dell'acqua deve essere garantito, controllato e indirizzato dal potere pubblico, resta il problema del “come fare” e, contestualmente, assicurare efficienza. Abbiamo assistito a carrozzoni che hanno fatto la fortuna di alcuni e, guarda caso, il disastro dei bilanci della collettività, che si pagano in termini di aumento della spesa pubblica. Il pericolo è che se passa il principio che anche la gestione dell'acqua torni pubblica si rischia di affermare un sistema non competitivo. Occorre quindi che il gestore pubblico sappia che nel momento in cui produce disavanzi c'è un altro sistema pronto a sostituirlo. Insomma dalla gestione totalmente pubblica, clientelare, o da quella delle Spa, con la proliferazione dei consigli di amministrazione, ad un nuovo modello non privatizzato ma liberalizzato.

 

Primo Mastrantoni, segretario Aduc


Articoli correlati

  Quali strategie nella gestione dell’Ambito Territoriale Ottimale e a quali condizioni per i cittadini?
  Comitato Referendario pro acqua pubblica chiede incontro urgente al neo Premier Monti
  Incentivazione dell'energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico
  NO alla privatizzazione dell'acqua in Lombardia!
  Bandiere blu a Comuni che non smaltiscono le acque reflue? (Joshua Held - www.aduc.it)
  Referendum, campagna già fuorilegge
  I Ds sulla presenza della 13ª Commissione del Senato a Sondrio
  Si scrive acqua si legge democrazia. Indietro non si torna!
  Martina Simonini. Obbedienza civile
  2 SÌ per l’acqua bene comune
  Moratoria acque. Chiesto un incontro al Ministero dell’Ambiente
  Martina Simonini. Referendum acqua, via libera della Corte di Cassazione
  Referendum acqua pubblica
  Acque. Moratoria e patrimonio idrico, qualche buona notizia
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Seconda parte
  Referendum 12-13 giugno. E se concretizzassimo una bella sorpresa?
  Il generale stato di degrado dei corsi d’acqua in Alta Valtellina approda in Consiglio regionale
  Adriano Celentano. Referendum: “Questo voto è l’unico mezzo per sopravvivere, fidatevi”
  “Acqua pubblica”. Non feste di piazza ma iniziativa coerente delle istituzioni
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Terza parte
  “Si scrive acqua e si legge democrazia”
  Martina Simonini. Tutti i numeri della raccolta firme Referendum Acqua Pubblica
  H2oro. L’acqua un diritto dell’umanità
  “Giù le mani dai referendum sull'acqua!”
  I referendum contro la privatizzazione dell'acqua si faranno
  Sondrio. Coordinamento Acqua Pubblica. “Il futuro dell'acqua è nelle nostre mani”
  Salvare l'acqua: presentazione del libro di Emilio Molinari. A Piateda, venerdì 17
  La risorsa acqua: dalla realtà locale al resto del mondo. Sabato un Convegno a Sondrio
  Una nuova legge per l’acqua pubblica in Lombardia
  L'ACQUA: il petrolio azzurro ...A vent'anni dall'alluvione
  Valter Vecellio. Referendum sull’acqua: un “piccolo” dubbio, se è consentito
  Martina Simonini. Acqua bene comune: la campagna referendaria scalda i motori
  Sondrio. I primi commenti alla bocciatura della legge regionale sulle concessioni idroelettriche
  CCCVa / PRC. Sulle conseguenze dei risultati del Referendum a Sondrio e provincia
  PD Sondrio. Comitato istituzionale acque: se ci sei, batti un colpo!…
  Aem e moratoria triennale sulle nuove concessioni
  Elezioni Lombardia. Una nuova legge regionale per l'acqua pubblica!
  Acqua e siccità
  Martina Simonini. Campagna referendaria al via. Il governo non provi a scippare la democrazia
  Martina Simonini. Referendum acqua: superate le trecentocinquantamila firme raccolte
  Lombardia. Per una nuova legge regionale sull’acqua e sul servizio idrico integrato
  Il Gruppo Valmalenco fa il punto dello sfruttamento idroelettrico in provincia di Sondrio
  Martina Simonini. L’acqua è un diritto o un bisogno?
  Vincenzo Donvito. Referendum. Consigliamo di votare! E di votare due SÌ e due NO
  Luca Vitali. SitoWeb dedicato all'acqua in Valtellina
  Martina Simonini. Cosa c’è da festeggiare?
  Acque urbane inquinate e loro trattamento. Italia deferita a Corte Ue
  Bruna Spagnuolo: I rabdomanti della sventura e l’acqua. Prima parte
  Acqua bene comune. Un grande risultato per la democrazia e la società civile
  Gigi Fioravanti. Madre Terra, Sora Acqua (Lettera al vento)
  H2Oro. L'acqua – un diritto dell'umanità
  Mario Staderini. Nucleare, acqua...: la conoscenza è quel che serve davvero
  Acqua pubblica. Ammessi due quesiti referendari
  Manifestazione contro la “legge acqua” della Regione Lombardia. Sabato 13 novembre a Milano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy