Sabato , 18 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Patrizia Garofalo. Voci poetiche dal carcere presentate da Caterina Trombetti
03 Aprile 2011
 

Violavano le rose l’orizzonte,/ esitanti città stavano in cielo/ aspersi di giardini tormentosi,/ la sua voce nell’aria era una roccia/deserta ed incolmabile di fiori” (Mario Luzi)

 

 

Caterina Trombetti (a cura di)

Dal cielo cascò una rosa

Voci poetiche dal carcere

Florence Art Edizioni, 2010, pagg. 72, € 7,00

 

La linea indifesa dell’orizzonte raccoglie rose nelle voci deserte di inquiete realtà ma proprio da questo grappolo di fiori che s’intravede tra “le cimase”, germina l’esperienza che ci offre Caterina Trombetti, poetessa e amica di Mario Luzi. Dal grande poeta e maestro eredita la passione dell’ascolto e l’accoglienza. La sua vicinanza ai ragazzi del carcere di Sollicciano raccoglie parole di libertà, di rose, di luci, di meditazione per dar voce ad un accorato lenimento del dolore nella poesia. Poesia intesa come esperienza dell’esistenza, come conoscenza del baratro e speranza di resurrezione.

Proprio la reclusione partorisce il suo contrario in uno svolgersi di versi che potrebbero essere letti in una continuità che svelerebbe il recondito desiderio di riappropriarsi del proprio “sé” e penetrare il senso delle cose che esistono dentro e fuori dalle sbarre. Si generano così, proprio in inconsapevoli costruzioni in versi un avvicinamento all’essenzialità dell’animo e un coagulo d’amore raccolti da Caterina Trombetti con la cura che si deve sempre verso chi cerca di recuperare valori perduti ma non dis-persi.

«Quando all’inizio dell’anno 2007-2008 mi è stato proposto di tenere un corso di poesia al monoennio per Geometri nella sezione di media sorveglianza della casa circondariale di Sollicciano… il proposito e l‘obiettivo furono quelli di sviluppare negli studenti una maggiore consapevolezza di sé… attraverso questa forma letteraria che riesce a scavare profondamente nell’animo umano… È importante evidenziare che nel corso erano tutti alunni stranieri, tranne uno, ed è perciò significativo il fatto che abbiano scritto direttamente in Italiano… la forza poetica che scaturisce da queste pagine passa attraverso una scrittura che si forma direttamente in una lingua altra dalla loro. Non ho fatto correzioni, se non qualche errore di grammatica… rivedendo il tutto mi è sembrato interessante fare una vera pubblicazione… che potesse far riflettere su un mondo che spesso viene ignorato.

In questo libro non si dovrà cercare il valore della poesia in sé, ma il valore che la poesia ha e può offrire in un luogo come il carcere». Poi la poetessa aggiunge: «La scuola può fare molto per i giovani d’oggi se non si riduce ad un mero luogo d’apprendimento, se è attenta anche ai comportamenti e all’aspetto sociale del rapporto educativo». Vorrei sottolineare come queste ultime parole facciano confluire nel discorso poetico una possibile sutura tra detenzione e presunta libertà, tra chi cammina per strade e non degna di uno sguardo il labirinto carcerario (sto parafrasando i versi di una meravigliosa raccolta di Paolo Ruffilli, “le stanze del cielo”) e chi dal chiuso non può uscire. La dignità della persona dal carcere o da una vita i cui legacci comunque imbrigliano e soffocano, necessita di voci che con umiltà e competenza sperimentino strade di confronto e di ricerca.

Certa di quanto Caterina Trombetti abbia saputo portare nell’animo dei suoi ragazzi, la ringrazio e, a caso, incapace di sceglierne per empatia qualcuna in particolare, posto due poesie:

 

Il sole sale di nuovo/ è una bella giornata/ come tante altre./ La sua luce che batte sui tetti/ illumina la terra,/ e manda via l’incubo della notte./ Eccola , eccola, splendente./ Gli animali cominciano a cantare,/ gli uccelli a volare,/ gli uomini a lavorare/ il suo messaggio è forte/ ma/ eccola, eccola che va./ Va di nuovo,/ ci lascia soli, tristi, non possiamo fare altro/ che aspettare il suo ritorno./ Eccola che si nasconde/ dietro le grandi montagneJawad

 

Libertà persa,/ giorni non vissuti/ un numero cancellato/ dal calendario appeso./ il conteggio è lento/ di una vita limitata – Samir

 

Patrizia Garofalo


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy