Mercoledì , 01 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Verona. Al Teatro Laboratorio all’Arsenale sorgono tre Albe
22 Marzo 2011
 

Giovedì 24 e venerdì 25 marzo, ore 21:00, al Teatro Laboratorio all’Arsenale, in Verona, il Teatro Scientifico - Teatro Laboratorio presenta Albe tre di Paolo Puppa per la regia di Walter Manfrè con Isabella Caserta e Roberto Vandelli protagonisti.

Il testo propone tre flash sulla crisi di coppia. L’ennesima. Stavolta però procede dalla fine perché tutto è incerto e il tempo, come nozione, pare impazzito. Va avanti, indietro, tipo certa pièce interiore. All’inizio lei è una malata, ospite di un albergo-ospedale, in riva ad un lago nordico, forse, ma potrebbe anche essere il lago di Garda. Lui, il marito, vitale e pieno di futuro (ha una sua studentessa da cui aspetta un figlio), è accorso al suo capezzale attirato dalle paure della donna. Due flash. I due personaggi, a turno, in un’atmosfera sospesa si rivolgono all’assenza di luce e attraverso una serie di monologhi interiori sembrano liberare una maschera opposta a quella esibita nell’esordio. Infine, nel terzo flash, si torna al passato. L’albergo-ospedale è una villa privata. Lei si è svegliata, sana, e racconta al marito un brutto sogno in cui era ammalata, abbandonata da lui, che la tranquillizza. La donna insiste su immagini strane, animali minacciosi di cui non ricorda né identità né funzioni. Poi sull’acqua irrompe la luce del sole.

Così scrive Walter Manfrè nelle note di regia: «Scritto pensando alla luce e ad un paesaggio nordico, un lago, dove incombe l’idea della morte, il testo costituisce una sorta di playtime, nel senso che i tre atti, o flash, non procedono dal passato al futuro, ma stanno sospesi in un successione onirica dei tempi. All’insegna di un certo minimalismo che incrocia la metafisica, si affronta la crisi della coppia in uno spazio indeterminato (la scena oscilla tra segni di malattia e depressione -la donna è malata terminale- e segni di benessere-vacanza: si tratta di un albergo, non solo di un ospedale). Un testo strano e inquietante in cui le atmosfere prevalgono a tratti sul racconto, ma per chiarirlo. E alla fine sei pervaso da un’angoscia sospesa, ma purificatrice».

Sulla scena insieme a Isabella Caserta e Roberto Vandelli ci sarà Stefano Soprana.

 

Ingresso euro 10,00 ridotto 7,00.

Info – 045 8031321 3466319280

www.teatroscientifico.com


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy