Mercoledì , 24 Luglio 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paolo Diodati. A Bossi, tuono nel vuoto
20 Agosto 2008
 

Schiava di Roma Iddio la creò?” “Toh!”, esclama l’ex-celodurista, alzando al cielo con rabbia il dito medio della destra, raffinata versione simbolica del più popolare detto “Co ‘sto c zzo!” Ammiccando ai suoi fedeli sostenitori, fior d’intellettuali, sicuro d’essere ammirato. Un gesto per chiamare l’applauso da parte di un pubblico noto per l’irrinunciabile esigenza della signorilità.

Per chi ha altri gusti, questa è l’ultima dimostrazione del livello intellettuale, e quindi politico, di chi fu definito, dall’esimio professor Miglio, «Una scoreggia nel vuoto», quando si accorse del clamoroso granchio di valutazione in cui era incorso.

Nel purtroppo inedito poema musicale Il Bosso, (l’editore s’è tirato indietro in extremis, «per paura delle botte e degli attentati», parole sue) c’è una simpatica dissertazione su questa originalissima e micidiale definizione. Si sostiene che sia stata concepita dal figlio di Miglio, laureato in fisica. Infatti sono notevoli e divertenti, oltre al forte impatto immediato dell’espressione, le elucubrazioni di carattere fisico-chimico, sugli effetti che la detonazione e la flautolenza possono avere nel vuoto.

In genere verso i 10-12 anni, quando si presta attenzione per la prima volta alle parole del nostro inno nazionale brutto, retorico ma vibrante di passione, si interpreta alla lettera che l’Italia sia stata creata da Dio “schiava di Roma”. E questo, ovviamente, non piace e ci si ribella all’idea. Ma, appena qualche anno dopo, si scoprono le metafore e il parlar traslato. Si capiscono le immense difficoltà della poesia, che deve tendere alla perfezione del linguaggio. Si scoprono le ancora più grandi difficoltà nel dover rispettare le esigenze del linguaggio poetico e quelle del metter tutto in musica. Si apprende che Goffredo Mameli era poco più che un ragazzino quando scrisse di getto quel testo. Aveva 20 anni. Morì, da patriota, a 22. E allora, per chi sa, il tutto acquista un sapore e significati particolarissimi, anzi unici. L’inno resta brutto, ma è come una moglie invecchiata e rugosa che per il marito, dopo una vita assieme, è insostituibile, quindi, unica. I padani suonano il coro del Nabucco? Splendido. Ma quel “Oh, mia patria, sì bella e perduta…” è da inno nazionale?

Si dovrebbe imparare a scuola che i patrioti cantando Fratelli d’Italia non pensavano a Roma ladrona, agli insegnanti terroni da rispedire a Sud, alle tasse che i padani pensano di pagar solo loro. Il loro sogno era che tutti gli italiani fossero fratelli. Ma avete letto le dichiarazioni che fece la sorella del senatur, quando ruppero? Fratelli coltelli. È ovvio allora che Fratelli d’Italia gli faccia venir l’orticaria. A scuola o da letture personali, si dovrebbe scoprire che quelle parole che hanno scatenato le ire del vecchio e ineducabile burino, affermano una verità storica ineliminabile: l’Italia sarà in eterno legata alla fama e alla grandezza dell’antica Roma. Non è che con la piadina, il liscio e i concorsi di Miss Padania (per la maggioranza: ammazza che racchie!) ci si possa rendere famosi in Australia, al Polo Sud, nei campus e altrove. Non riusciremo mai a superare la fama che i Romani diedero al nostro Stivale. Questo significa essere schiavi di Roma, caro burino del Nord.

La rozzezza del vecchio celodurista, la ritroviamo in chi, con scritti truculenti contro il fisico Antonino Zichichi e i cattolici, ha introdotto il bossismo nella “kultura” italiana.

Mi riferisco a Piergiorgio Odifreddi, geometra di Cuneo, professore universitario già in pensione grazie alla legge Maroni. Il suo linguaggio ricorda le truculenze del primo Bossi, quello del Berluskaiser e del caterpillar, per intenderci. Dando sarcasticamente dell’IDDIOTA al siciliano Zichichi, ha dimostrato d’essere anche un razzista linguistico.

Leggendo alcuni brani della Bibbia e dei Vangeli, ha avuto lo stesso atteggiamento dell’esimio ministro. Ha interpretato tutto alla lettera e alla fine ha fatto “Toh!”, alzando il dito medio e, con questo stato d’animo ha fatto di tutte le erbe un fascio. Ha attaccato, Bibbia, Vangeli, religioni di tutto il mondo, in particolare quella cattolica. Ha dichiarato guerra a tutti i credenti. E, assieme ai due direttori della rivista Le Scienze, s’è messo a sostenere che se uno critica qualche corbelleria scientifica che ha scritto, dietro lauto compenso, lo fa perché «è un cristiano, cioè, un cretino».

Ma di questo parleremo un’altra volta.

 

Paolo Diodati

Articoli correlati

  Paolo Diodati: Odi caldi… odi freddi… lucida follia. Un IgNobel per la pace
  Paolo Diodati. A Claudio Ricci, sindaco di Assisi, e Giacomo Tranchida, sindaco di Erice
  Paolo Diodati: Attacco Alla Relatività... a scoppio ritardato (1)
  Paolo Diodati: L’Italia e l’energia e due errori storici.
  Paolo Diodati. Acqua: occhio al contatore
  Paolo Diodati: A Roberto Benigni, Hum… che occhi, che beddi capiddi…
  Paolo Diodati. Perle d’Europa. Uno spumeggiante Rossini in piazza
  Fabiana Cruciani. Sarmel, moderno profeta della nostalgia e della speranza
  Inktolink - casa editrice Marcelli. Dal web all’inchiostro. Come Tellusfolio/Tellus
  Lettura di “Sarmel e Dio” di Paolo Diodati
  Marco Cipollini: Inno a Sodoma calcando Giosuè Carducci (2).
  Patrizia Garofalo. Degli esperimenti poetico-musicali di Paolo Diodati
  Paolo Diodati. Da Izmir a Vadrum
  Paolo Diodati: Lorenzo Taglieschi di Anghiari e il clima
  Paolo Diodati: Perché Giorgio Napolitano "non può" essere Tommaso Pignatelli
  Paolo Diodati: Teoria dei numeri, numerologia e materia oscura
  Vetrina/ Gioacchino Belli. S.P.Q.R.
  Paolo Diodati. Risarcimento per danni morali
  Ecco un’opinione pubblica: Asino d’Oro alla carriera per Umberto Bossi
  Assegni sociali annullati. È il terzo dito di Bossi
  Ici. Il terzo dito di Bossi per la quarta volta. A quando la tassa sul macinato?
  Patrizia Garofalo. Odore di melma
  Roberto Rampi. Mentre al Nord urlano...
  Paolo Diodati. Il Ricco, il Lungo e il Bello
  Giulia Crivellini. Salvini e i 49 milioni
  Primo Mastrantoni. Terremoto ed election day. Il “pizzo” della Lega
  Abele, Caino e Salomone
  Annapaola Laldi. Il dito di Bossi, le corna e le carinerie di Berlusconi e il 5 in condotta
  Vincenzo Donvito. Reati d'opinione. Difendere il Ministro Bossi per vivere in un Paese libero
  Paolo Diodati. Sempre Peggio Quando Raglia
  Ufficialmente assegnati l'«Asino d'oro 2008» e l'«Asino d'oro alla carriera» a Umberto Bossi
  Grazia Musumeci. Padania libera!
  Primo Mastrantoni. Padania e referendum
  Governo. Lega e i 49 milioni
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 15 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.4%
NO
 24.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy