Sabato , 27 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Calamaro gigante
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Paolo Diodati. Perle d’Europa. Uno spumeggiante Rossini in piazza
08 Agosto 2008
 

Castel di Fiori, un paesettucolo nei pressi di Montegabbione, paesetto nei pressi di Monteleone di Orvieto, ha fatto vivere, ai fortunati frequentatori di simili borghi antichi, un’esperienza che dovrebbe essere reclamizzata e offerta al maggior numero possibile di persone.

Ho avuto la fortuna d’essere invitato ad una serata che non esagero a definire stupenda sotto vari punti di vista. Grazie e gratitudine eterna a chi mi ha invitato.

Opera lirica in Piazza. La Cenerentola dello spumeggiante e sempre più attuale Gioacchino Rossini, un autore la cui musica, non a caso, è stata eseguita a rock, proprio davanti al pubblico più esigente: quello della sua Pesaro. L’opera che piace agli inglesi anche perché intrisa di umorismo, cantata da inglesi, con l’accento che in alcuni era terribilmente marcato, è stata godibilissima. Una piazzetta adibita a teatro. La potete trovare digitando su Google “the opera in piazza”, aggiungendovi magari il nome del mezzosoprano, la deliziosa Elizabeth Spencer, che ha interpretato, debuttando come prima donna, Angelina-Cenerentola.

 

Nell’intervallo tra primo e secondo atto, una mezza cena in piedi con tavolate ai due ingressi alla piazza.

Alla fine della rappresentazione, una cena in piedi con tutti i musicisti e interpreti mischiati tra gli spettatori. Liberata dalla tensione, Cenerentola beveva vino bianco secco e gelido, direttamente dalla bottiglia. Gioacchino ne sarebbe stato orgoglioso e deliziato.

 

Serata piena. Una perla grazie all’Europa. L’Europa della Cultura e dell’Arte internazionale, senza barriere e frontiere. Artisti che si inchinano di fronte alla creatività, all’eternità della musica bella. Artisti che imparano l’italiano grazie alla non traducibilità della perfezione.

La lingua italiana, eliminata dalla politica della Comunità Europea, sopravvive nell’arte. La passione per la bella musica, quella difficile perché richiede anni di sacrifici, spinge giovani e meno giovani, veri professionisti (Elizabeth lavora in un ospedale di Londra ma, come cantante è una vera professionista) e dilettanti che si mettono in gioco sia come orchestrali che come attori-cantanti, fa sì che si evidenzi l’esistenza di un mondo che onora l’Europa e che dovremmo sforzarci per non farlo morire.

 

Una cinquantina di inglesi, per una perla. Quanto hanno guadagnato? Certamente una miseria al confronto di tanti “artisti” della musica leggera, dove si rincorre sempre più il pop.

E, a furia di rincorrere e rincorrersi, stanno di fatto eliminando il “reato” di plagio. Ennio Moricone, presidente della SIAE, si rifiuta di intervenire in cause di plagio, sostenendo che ormai è tutto un plagio. Se uno copia il motivo di un altro e viene denunciato, si difende sistematicamente e vince, dimostrando che il suo pezzo e quello da cui sarebbe copiato, sono “ispirati involontariamente” ad uno più vecchio, che era “ispirato” ad uno ancora più vecchio, e così di seguito.

E quindi si arriva all’irresistibilmente comico del recentissimo plagio di Jovanotti nei confronti di uno spagnolo. Alcuni giorni fa, il Corriere della Sera, ha riportato, con grande risalto, l’accusa di plagio lanciata da un quotidiano spagnolo. Jovanotti ha replicato banalmente una banalissima canzone di un certo Sanz. Ed ecco il lato comico.

Ricordate quando in Johnny Stecchino, Benigni-mafioso vede Benigni-autista e dice: “Quello sarei io? Non mi assomiglia pe’ gniente!”?

Jovanotti ha avuto la stessa reazione. Ha detto che, ascoltando l'altra canzone, ha sentito tutta un'altra storia. Per tutti sono identiche. Ma che anche tra le due ci sia un neo di differenza?

Jovanotti e Sanz guadagnano da nababbi. Elizabeth, penso, debba tirar la cinghia.

Non andrò mai a un “concerto” di gente come Jovanotti. Spero di poter riascoltare, magari proprio a Pesaro, Elizabeth Spencer e Rossini, la cui musica continua a fare bene alla salute.

 

Paolo Diodati


Articoli correlati

  Paolo Diodati: Odi caldi… odi freddi… lucida follia. Un IgNobel per la pace
  Paolo Diodati: L’Italia e l’energia e due errori storici.
  Patrizia Garofalo. Degli esperimenti poetico-musicali di Paolo Diodati
  Paolo Diodati. Acqua: occhio al contatore
  Paolo Diodati. A Bossi, tuono nel vuoto
  Paolo Diodati: Teoria dei numeri, numerologia e materia oscura
  Inktolink - casa editrice Marcelli. Dal web all’inchiostro. Come Tellusfolio/Tellus
  Paolo Diodati: Lorenzo Taglieschi di Anghiari e il clima
  Fabiana Cruciani. Sarmel, moderno profeta della nostalgia e della speranza
  Lettura di “Sarmel e Dio” di Paolo Diodati
  Paolo Diodati: Perché Giorgio Napolitano "non può" essere Tommaso Pignatelli
  Paolo Diodati: Attacco Alla Relatività... a scoppio ritardato (1)
  Paolo Diodati. A Claudio Ricci, sindaco di Assisi, e Giacomo Tranchida, sindaco di Erice
  Paolo Diodati: A Roberto Benigni, Hum… che occhi, che beddi capiddi…
  Marco Cipollini: Inno a Sodoma calcando Giosuè Carducci (2).
  Paolo Diodati. Da Izmir a Vadrum
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 3 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy