Mercoledì , 01 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Le vecchie schiappe del “Camp di suori” de Murbégn 
“Calcio che passione”. Le interviste di Alfredo...
Rossano Perlini
Rossano Perlini 
11 Ottobre 2014
 

Dedicato

a Rossano Perlini

 

 

'L Bungìn (al secolo Eugenio Bongio, ndr), assiduo lettore del 'Gaz, incontrato per caso alla Ferramenta GheBaGas a Regoledo di Cosio, me l'ha buttata lì: ...però! ...te ghe l'è fada l'intervista al Roby Ciapùn; varda che anche mi su andàa 'n pensiùn... Stavo per chiedergli di raccogliere tra gli amici le foto dei bei tempi andati –la gioventù è bella a prescindere– perché avevo intenzione de met su un gruppo su Face-Book, dal nome: “Le schiappe del Camp di Suori de Murbègn”...

– ...Ah! ...T'è sentüü che l'è mort anche 'l Rossano?

...Già! ...a murì se fa sübit...a volte, o spesso, non ci sono parole per commentare le vicende della vita.

...Eu! Cominciamo a raccogliere una ventina di foto de alùra, poi le portiamo in sede al Gazetin che fa da riferimento. Nel frattempo facciamo girare la voce e vedrai che piano piano riusciamo a fare il gruppo su... face-booc, all'italiana come pronunci tu...

Va ben! 'N se sent! Si, ma m'entervistet u no? ...anche se mi su mìa andàa a l'estero a lavurà.

Fam pensà e, se ghe la a quagià, te disi quaicoss!

Detto, fatto! Quagiàl'è 'l me mestèe, come lavoro professionale (pensione forse tra tre anni, mi dicono i sindacati...), e quaggiando cume giornalista per hobby, eccovi l'intervista al Bungìn sui bei tempi andati, parlando di vecchie schiappe (di calcio) che hanno fatto la gloria del Campett de l'Uratori e del Camp di Suori de Piazza S. Antuni a Murbegn, tra cui appunto 'l Rossano Perlini.

 

Dicono che il parcheggio che c'è adesso al posto del nostro glorioso campo di calcio dent a S. Antuni, 'n due n'ha pasàa la nosa gioventù, lo faranno interrato e sopra ci faranno un campetto di calcio a 5...

I tempi cambiano e nün 'n ve vecc, cazzarola... Comunque sì, mi sembra proprio che il progetto preveda il parcheggio interrato e sopra un campo di calcio a 5: col terreno sintetico ad alto assorbimento... s'el piööf, natüralment... ah! Ah!...

Non ci offendiamo, vero, se ci mettiamo tra le “vecchie schiappe”? Nel senso che mi ci metto anch'io...

Ma certo. Noi andavamo tutta la settimana, dopo la scuola, al Campett de l'Uratori de Via Vanoni e invece solo la domenica, al pomeriggio, al Camp di Suori.

Tu che ricordi hai di quello spensierato periodo sportivo giovanile?

...Sia di qui che di là, ci si andava con qualsiasi tempo: pioveva, nevicava, il fango...e i boti de la mia regiura quand rivavi a ca' tüt stösc...Ah! Ah!

Una volta giocammo una partita il 7 gennaio, me lo ricordo come se fosse ieri...

...Al Camp di Suori; da metà camp 'nsü, vers la Strìa (la Mensa sociale di oggi) gh'èra giù 'l giazz. – Sè ciapava de quii botii, se se burlava giù... – Ah! Ah! Cume 'l Camp de San Siro a Milàn, che a destra, 'n televisiun, d'inverno gh'è sempri l'umbrìa...– Ah! Ah! – Eh! Sì, 'n s'èra sempri i solèt: Me, Te, 'l Gigi, 'l Sire, 'l Belòt, 'l Quinza ('l Biund), 'l Sandrini purtee,'l Beretta, l'Amedeo, 'l poor Stéfen Bertarin...E, se abbiamo dimenticato qualcheSchiappa, ce lo facci sapere...Ah! Ah! Se regordèt ch'en giügava solo a una porta, perchè 'n sèra 'n pochi... Prima dello Stadio Merizzi, al temp delFascio, l'èra 'l camp del Murbegn che giocava con la maglia di colore nero. ...Pensa che io con la maglia del Fascio nera del Morbegno ho vinto una semifinale contro l'Albaredo...E cun chi si 'ndàa 'n finaal?...C.S.I. Morbegno-E.N.A.L. Bottà, 3-1… i m'èra lasàa 'n panchina però...Che scarogna!Gh'èrum scià gent cume 'l Caio, 'l Rivolta, l'Antonio Carganico 'n difesa... – e davanti? 'l Best e l'Antonelli...Orcula!

E noi che alla fine giocavamo quasi sempre assieme, quanti tornei abbiamo perso...

Un po' più grandicelli, erùm cuminciàa a lavurà, andavamo la sera perché potevamo pagare la luce al Don Davide... Gh'èra quaidùn che fasìva sempri 'l fürbo, però! 'N scì 'l Don, per 'n pöö 'l na fàa 'l s-cünt e dopu (io) ho dovuto raccogliere i soldi del costo della luce (Lire 15.000) prima di iniziare a giocare... E tücc i ha dovüü pagà. Già! Ah! Ah! E dopo abbiamo cominciato a fare assieme quasi tutti i tornei serali, pochi vinti e tanti persi... Ah! Ah!

Vediamo di mettere giù qualche nome, partendo dal Rossano che trovava sempre qualcuno che ci pagava l'iscrizione al torneo. Ho presente il Bolzoni, che gli dava sempre qualche coppa, o La Gemma di Via Vanoni...

Si! l'èra propi brau a truvà i sponsor! Quando “tiravo” su i soldi io, l'accordo (tacito) era, che facevo il capitano e decidevo la formazione. Quella volta che in una semifinale lasciai fuori il Walter Squinza e feci tirare un rigore (dopo i tempi supplemetari) al “Sire”... al Sergio Re. Credo che uno mi odi ancora adesso (quando ci incontriamo ci guardiamo ma non ci salutiamo...) e all'altro avergli dato una gran bella soddisfazione... – Ma va?! Ah! Ah! Un torneo mi è sempre sempre rimasto in mente, però, anche perché l'amico barman Alfio Gianoli me lo rammenta sempre: «Se regordet quela volta che t'hu fa 'l cross da la sinistra e ti t'è segnàa de testa.?» Con quel gol all'ultimo minuto dei tempi suplementari s'è-m 'ndàa 'n finaal al Torneo dei Bar, che poi vincemmo. ...'n due ti: te giügavet, te fasivèt l'arbitro e te l'ivet urganizzàa cume Circolo ARCI/ANPI ah! Ah! ...E fasivi anche 'l barista del Circul 'nsema a la Patty! Sette edizioni organizzammo e poi andai in Africa al colt. ...T'ivet mandàa 'na cartulèna vers a la fin de l'an al Bar de la Taverneta cun sü 'na bela africana e, de dree, t'èret screvùu: «Ciao a tutti, qui 33° all'ombra».

Una volta, in uno dei vari tornei serali che allora imperversavano su tutti i polverosi campetti di calcio della provincia, mi e ci accusarono di aver venduto la partita. Rimasi talmente male e mi misi a piangere: ricordo che il “Cittìn”, l'Arturo Bondini di Paniga (grande “schiappa” di mediano, fratello di quel Citta, grandissima “schiappa” di mezz'ala del DesPan United -o Rapid Paniga?-) mi consolò... Non è una battuta fantozziana, erano giocatori veramente bravi per il nostro livello...

E quella volta, su a Sacco? Mentre stavamo giocando, sentendo delle urla, ci girammo tutti verso la nostra porta e il (nostro) portiere non c'era più... 'l Sandrini era appiccicato alla recinzione del campo e voleva picchiare il pubblico, ah! Ah! Oltre gli 'anta vincemmo il Torneo delle contrade a Mantello: Tona, Fabani, Passerini, Tacchini, Porta, Villa, Battaglia, Minonzio, Cita...

Poi venne il calcio a 5.

E poi si andava a vedere il Morbegno dei Zanardi, dei Salvadori, dei Beni, dei Pasina, dei Bettiga, dei Del Barba (exTorino, Lecce, Lecco) … perché anche loro sono stati delle “vecchie schiappe”... del Camp di Suori. Io mi sono perso (1971: ero ammalato) quello dell'Antonelli (che poi ha giocato, per chi non lo sapesse, nel Monza, Milan, Genoa, Roma e nella Nazionale di calcio B, con Buriani che era un mio idolo calcistico).

Permettimi un pensiero particolare agli amici e compagni della nostra generazione che portiamo nel cuore e che hanno “preparato la borsa de 'ndà a giügà al fubbal ...per l'ultima volta”: Zuccoli, Bertarini, Mazzoleni, Papini, Beretta, Fabani, Perlini, Vergottini...

'Genio! Segui ancora le vicende calcistiche locali?E ti? – Io, no! Seguo un po' il Milan: il primo tempo della partita serale e dopo mi faccio dire dai conferenti il latte alla mia latteria, alle 6:30 del mattino, come è andata a finire. ...come quella volta che, finito appunto il primo tempo, andai a letto che il Milan vinceva 3-0... E che, la mattina dopo mi dissero, aveva perso 4-3...

Me regordi! L'è stada 'na Coppa dei Campioni cul Liverpuul, me paar, ah! Ah!

Da 15 anni sono tesserato per l'U.S. Cosio come dirigente e allenatore ed è bello la domenica andare con la moglie Maria (Barba), anche lei ex calciatrice, a vedere la prima squadra e pensare e poter dire con soddifazione che alcuni giocatori, da piccoli, i ho alenàa mì. E per non imicarmi la stampa, che bisogna seempre tener buona..., un pensiero anche per te Alfredo: ...grande difensore, con chiusure veloci e precise, piedi buoni, grande carattere. Corretto con compagni e avversari.

Grazie, però mi sa che hai esagerato!... Se ci incontriamo alla Tavernetta, te pagheröö de biif, 'n scambi, ah! Ah!!

 

Alfredo Mazzoni


Foto allegate

1978. Al camp di suori de Murbégn
1979. Che Torneo sarà stato? Qualcuno si ricorda?
1980. “Torneo dei Bar” Arci/Anpi. Premiazione
1980. “Torneo dei Bar” Arci/Anpi. Eugenio Bongio col trofeo
1980. Con Giampiero Zuccoli (primo a sinistra in piedi) a Sacco
Uno dei pochi tornei vinti...?
Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.4%
NO
 25.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy